Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 30

cosa fa muovere i mercati settimana 30
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Il mercato è convinto che l’inflazione sia destinata a scendere e che la Fed sia costretta ad invertire la sua politica hawkish già all’inizio del prossimo anno. Il mantra “bad news is good news” è tornato. La lettura preliminare del PIL ha confermato la recessione tecnica che il GDPNow della Fed di Atlanta aveva anticipato. Il presidente Powell è stato tutt’altro che dovish alla conferenza di mercoledì. Di tutto ciò al mercato non è importato niente.

L’S&P 500 è salito del 4,3% per la settimana e del 9,1% a luglio, il miglior guadagno mensile da novembre 2020. Il rimbalzo di quasi il 4% tra mercoledì e giovedì è stato il più grande registrato dopo gli aumenti dei tassi della Fed.

Il Nasdaq è stato l’indice con la performance migliore, con il guadagno mensile più grande da aprile 2020.

cosa fa muovere i mercati settimana 30

Le tech hanno guidato il rally venerdì, con Amazon e Apple in rialzo poiché i maggiori ricavi hanno contrastato i timori di un rallentamento dei profitti.

Complessivamente, la stagione degli utili si è rivelata migliore del previsto. Il 75% delle società S&P 500 che hanno riportato i risultati del secondo trimestre hanno superato le stime degli analisti.

Nonostante il grande rimbalzo del mercato azionario di luglio, diversi osservatori del mercato sono ancora scettici sulla sostenibilità dei guadagni. Il rally si trova ancora in un contesto di mercato ribassista. L’ottimismo sul fatto che la Fed possa terminare il suo ciclo di inasprimento prima del previsto è più speranza che realtà.

Il pivot della Fed

Secondo il linguaggio di Wall Street, il Fed pivot è il punto in cui la banca centrale deve cambiare la sua politica monetaria. Il mercato sembra essersi focalizzato su una particolare affermazione di Powell, tralasciando tutto il resto.

Il presidente ha affermato che ad un certo punto la Fed rallenterà il ritmo degli aumenti. Ha inoltre abolito la cosiddetta forward guidance, cioè l’anticipo del probabile andamento futuro del ciclo di aumento dei tassi, dichiarando che i funzionari fisseranno la politica “riunione per riunione”. Queste affermazioni sono state accolte in maniera positiva e hanno lasciato libera l’interpretazione.

E’ importante precisare che le dichiarazioni non hanno rappresentato nessun pivot. Powell non ha rifiutato di dare la forward guidance perché pensa che gli aumenti debbano terminare. Piuttosto, è probabile che non sappia proprio quale sarà il ritmo dei rialzi. Inoltre, il presidente ha parlato della possibilità di un altro aumento sovradimensionato alla riunione di settembre.

I mercati dei fed funds futures scontano ancora oltre 100 punti base di un ulteriore inasprimento. La traiettoria che i trader si aspettano è solo leggermente inferiore rispetto a prima della riunione del FOMC.

cosa fa muovere i mercati settimana 30

Il cambio di sentiment e lo short covering

L’estremo pessimismo che ha attanagliato gli investitori per gran parte dell’anno sta iniziando a dissiparsi. Il cambiamento del sentiment associato al “pivot” della Fed ha costretto gli speculatori a sciogliere le posizioni ribassiste accumulate. Secondo le stime di JPMorgan, l’esposizione complessiva dei CTA long/short è neutra per la prima volta da marzo.

Con la precedente esposizione short che è stata spazzata via, i CTA hanno spazio per iniziare a costruire posizioni long. Basta però un singolo catalizzatore negativo che inneschi il repricing della Fed per far si che gli investitori ricomincino a costruire posizioni short.

Naturalmente, non tutti gli orsi si sono arresi. Al 19 luglio, secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission compilati da Deutsche Bank AG, i gestori patrimoniali e i fondi con leva avevano un posizionamento short record sui futures azionari.

Tuttavia, ci sono segnali che il sentiment sia migliorato da quando le azioni hanno messo in scena il rimbalzo dai minimi di giugno. Per la prima volta da aprile, i rialzisti identificati nel sondaggio di Investors Intelligence sono più numerosi degli orsi.

Il rally deve ancora convincere gli investitori ad abbracciare completamente le azioni. I fondi negoziati in borsa incentrati sulle equities hanno attratto $ 10 miliardi nelle ultime sei settimane, o $ 1,7 miliardi a settimana, secondo i dati compilati da Bloomberg. Questi influssi sono più deboli del ritmo settimanale di $ 9 miliardi all’inizio di quest’anno.

La propensione al rischio e il suo effetto sulle condizioni finanziarie

L’impulso risk-on si è propagato ai corporate bonds, con gli spread sia investment grade che high yield che si sono ridotti dai picchi di inizio mese. Anche i rendimenti dei Treasury sono scesi lungo la curva, con il decennale che ha rotto un testa e spalle d’inversione chiudendo il mese al 2,65%.

cosa fa muovere i mercati settimana 30

L’ETF dei junk bond HYG ha trovato supporto intorno ai 72 $ e da lì ha messo in scena un rally che lo ha portato a scavallare la media mobile a 50 periodi. Luglio è stato il mese migliore da ottobre 2011 per HYG.

I rally del mercato azionario e obbligazionario, insieme a un dollaro meno forte, hanno contribuito ad allentare le condizioni finanziarie degli Stati Uniti, che si sono attestate a -0,46 rispetto a una lettura di -0,79 a marzo. L’allentamento di questa metrica dovrebbe far pensare gli investitori che stanno valutando la sostenibilità del rimbalzo.


Le azioni in rialzo complicano l’obiettivo della Fed di restringere le condizioni finanziarie. Ecco perché i rally tendono ad essere brevi durante i cicli di inasprimento monetario.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 29

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 28

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 27

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.