Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 13

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 13
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Un trimestre stellare per le azioni si è concluso con una nota positiva, tra le speculazioni sulla capacità della Federal Reserve di ottenere un atterraggio morbido. I trader di Wall Street hanno portato l’S&P 500 al suo 22esimo record quest’anno dopo che i dati hanno mostrato che l’economia è in buona forma. Un aumento di 4.000 miliardi di dollari del valore delle azioni statunitensi in soli tre mesi ha spaventato i profeti di sventura, lasciando allo stesso tempo una serie di strateghi a faticare per aggiornare i loro obiettivi per il 2024. L’S&P 500 ha registrato un rally trimestrale di oltre il 10%. Secondo i dati compilati da Bloomberg, il benchmark azionario ha visto guadagni a doppia cifra per due trimestri consecutivi in solo cinque casi dal 1950.

Nei dati economici, i due principali indicatori di attività del governo – il prodotto interno lordo e la spesa dei consumatori – hanno registrato forti progressi alla fine dello scorso anno. La fiducia dei consumatori è aumentata notevolmente a marzo, sostenuta dai forti guadagni del mercato azionario e dalle aspettative che l’inflazione continuerà a diminuire. L’indicatore di inflazione preferito dalla Fed si è raffreddato lo scorso mese.

indicatore inflazione preferito Fed

Con i mercati chiusi per il Venerdì Santo, Powell ha ripetuto che la Fed non ha alcuna fretta di tagliare i tassi di interesse poiché i politici attendono ulteriori prove che l’inflazione sia contenuta. I trader di swap hanno leggermente ridotto le scommesse su un taglio dei tassi a giugno. I rendimenti a due anni, che sono più sensibili alle imminenti mosse della Fed, sono saliti di cinque punti base al 4,62%. Il dollaro ha esteso il suo guadagno trimestrale.

L’oro ha toccato un nuovo massimo storico. Il petrolio ha segnato un guadagno trimestrale del 16%, segnale dell’impatto delle restrizioni alle esportazioni da parte dell’OPEC e dei suoi alleati sulle forniture globali. Bitcoin si è indebolito venerdì dopo essere salito sopra i 71.000 dollari nella sessione precedente.

Nessuna Fretta di Tagliare i Tassi

Powell ha dichiarato che il fatto che l’economia statunitense stia crescendo a un ritmo così sostenuto e che il mercato del lavoro sia ancora molto forte, dà la possibilità ai funzionari di essere un po’ più fiduciosi riguardo al calo dell’inflazione prima di effettuare il primo taglio dei tassi.

I nuovi dati sull’inflazione sono praticamente in linea con le aspettative dei politici. Ma il presidente ha ribadito che non sarà opportuno abbassare i tassi finché i funzionari non saranno sicuri che l’inflazione sia sulla buona strada verso il 2%.

L’indice dei prezzi delle spese per consumi personali – che esclude i costi volatili di cibo ed energia – è aumentato dello 0,3% a febbraio dopo essere salito dello 0,5% nel mese precedente, segnando il più grande guadagno consecutivo in un anno. La misura è in aumento del 2,8% rispetto all’anno precedente, ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed.

Secondo Powell, le ultime letture sull’inflazione non sono buone come quelle viste l’anno scorso. Si aspetta che l’inflazione continui a scendere su un “percorso a volte accidentato”, facendo eco alle osservazioni fatte dopo l’ultima riunione della Fed all’inizio di questo mese.

Powell non vede la possibilità di una recessione così elevata in questo momento. Tuttavia, ha ribadito che un inaspettato indebolimento del mercato del lavoro potrebbe giustificare una risposta politica da parte dei funzionari della Fed.

Il governatore Christopher Waller ha affermato mercoledì che i dati deludenti sull’inflazione dall’inizio dell’anno significano che i politici potrebbero dover mantenere i tassi elevati più a lungo di quanto si pensasse o addirittura ridurre il numero complessivo dei tagli.

Un Possibile Intervento per sostenere lo Yen

Il principale funzionario valutario del Giappone ha affermato che la recente debolezza dello yen è strana e non in linea con gli attuali fondamentali economici, riaffermando il suo impegno ad agire, se necessario, per prevenire oscillazioni eccessive del tasso di cambio.

“Sono fermamente convinto che il recente forte deprezzamento dello yen sia insolito, considerati fondamentali come l’andamento e le prospettive dell’inflazione, nonché la direzione della politica monetaria e dei rendimenti in Giappone e negli Stati Uniti”, ha affermato Masato Kanda, vice ministro delle finanze per gli affari internazionali in un’intervista venerdì. “Molte persone pensano che lo yen si stia muovendo nella direzione opposta a quella in cui dovrebbe andare”.

Le osservazioni di Kanda sono arrivate dopo che lo yen ha raggiunto il minimo in 34 anni nei confronti del dollaro. Le autorità finanziarie hanno inoltre convocato un incontro a tre, un incontro spesso utilizzato per mostrare una maggiore preoccupazione tra i politici sui movimenti del mercato.

“Attualmente stiamo monitorando gli sviluppi nel mercato dei cambi con un forte senso di urgenza”, ha affermato Kanda. “Adotteremo misure adeguate contro movimenti eccessivi dei cambi senza escludere alcuna opzione”. Lo yen ha perso circa il 7% quest’anno, la peggiore performance tra le valute principali più deboli.

Performance valute forex 2024
Dati elaborati da Quantaste

Kanda ha ribadito l’opinione secondo cui il Giappone non sta vigilando su specifici livelli di tasso di cambio, ma sta guardando la direzione e la velocità dei movimenti per valutare gli sviluppi nel mercato valutario. Il più grande intervento di Tokyo nel 2022 è avvenuto dopo che lo yen si è avvicinato a 152 contro il dollaro.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 12

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 09

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.