Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 12

cosa fa muovere Wall Street Borsa europea settimana 12
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

E’ stata una settimana ricca di decisioni sulla politica monetaria. Le banche centrali hanno cambiato tono e mantengono il sangue freddo di fronte alla lenta marcia verso il ritorno dell’inflazione al 2%. I tagli dei tassi arriveranno ma non sappiamo con esattezza quanti. L’incertezza riguardo al futuro percorso dei tassi d’interesse non ha fermato i trader, che sono stati pronti a lanciarsi con audacia in ogni tipo di mercato.

La Fed prevede ancora tre tagli quest’anno. Il capo della Fed ha lanciato una dichiarazione che ha fatto sollevare più di un sopracciglio: le condizioni finanziarie attuali sono “restrittive”. Questa affermazione ha lasciato molti perplessi, considerando che 13.000 miliardi di dollari sono stati aggiunti ai valori di azioni e obbligazioni solo da ottobre. Nello stesso periodo, l’S&P 500 è salito del 27%, segnando una corsa verso il più grande guadagno registrato da almeno mezzo secolo.

Tutti i principali indici azionari sono saliti, insieme a reddito fisso e materie prime. Se le stelle si allineassero secondo le previsioni della Fed, gli investitori potrebbero ritrovarsi a cavallo di una scelta vincente: la storia ci insegna che, tranne in un’occasione, ogni ciclo di taglio dei tassi ha visto le azioni brillare, con l’S&P 500 che ha registrato in media un incremento del 15%. Lo stesso schema è stato notato anche per i titoli del Tesoro e le obbligazioni societarie.

I titoli del Tesoro hanno concluso la settimana con un calo dei rendimenti, mentre la volatilità delle obbligazioni si è posizionata ai livelli precedenti la politica di inasprimento del 2022. Il dollaro ha raggiunto i massimi di sei settimane. Nel frattempo, Bitcoin ha fatto un passo indietro dopo aver flirtato con i 73.000 dollari.

L’oro ha chiuso la settimana senza variazioni, nonostante abbia toccato nuovi massimi storici. Il petrolio ha chiuso leggermente in ribasso.

I punti chiave della riunione della Fed di marzo

Il FOMC ha votato all’unanimità per lasciare i tassi di interesse in un intervallo compreso tra il 5,25%-5,5% per la quinta riunione consecutiva. Nonostante il recente aumento dell’inflazione, la Fed è ancora sulla buona strada per allentare la politica quest’anno. Tuttavia, Powell ha affermato che i dati supportano l’approccio cauto della Fed. I funzionari hanno bisogno di ulteriori prove che l’inflazione si stia dirigendo verso il loro obiettivo del 2%. Ecco i punti chiave della riunione del FOMC di marzo:

  • Il “dot plot” ha mostrato tre tagli dei tassi nel 2024, in linea con le previsioni trimestrali rilasciate a dicembre; tuttavia, la previsione mediana per il 2025 è salita al 3,9% dal 3,6%.
  • La previsione mediana per il PCE è rimasta invariata al 2,4% per il 2024, mentre la proiezione core PCE è aumentata al 2,6%; la stima della crescita economica per il 2024 è stata aumentata al 2,1% dall’1,4%.
  • I funzionari hanno alzato le previsioni su dove vedono i tassi nel lungo termine, aumentando la loro stima mediana al 2,6% dal 2,5%;
  • La Fed ha mantenuto il ritmo di riduzione del suo bilancioquantitative tightening – e non ha dato alcun accenno immediato a modifiche al programma.
dot plot di marzo

Il Giappone elimina i tassi negativi

Il Giappone ha compiuto un passo storico terminando l’ultimo regime di tassi di interesse negativi al mondo. Con un voto decisivo di 7-2, la Bank of Japan (BOJ) ha stabilito un nuovo intervallo per i tassi di interesse tra lo 0% e lo 0,1%, abbandonando al contempo il programma di controllo della curva dei rendimenti (YCC) e gli acquisti di fondi negoziati in borsa.

Questa svolta è stata motivata da una prospettiva ottimistica sulla sostenibilità dell’inflazione, alimentata da un circolo virtuoso di incrementi salariali, con Rengo, il principale sindacato giapponese, che ha riportato un aumento salariale del 5,28%, il più alto dal 1991. Nonostante ciò, la BOJ ha mantenuto un tono accomodante, impegnandosi a continuare l’acquisto di titoli di Stato a lungo termine.

L’aumento dei tassi non prelude a un rapido inasprimento della politica monetaria, differenziando il Giappone dalle tendenze di altre nazioni sviluppate. Nonostante la svolta politica, lo yen ha perso valore. Gli operatori si aspettavano segnali di ulteriori rialzi.

Il cambiamento coordinato nella politica monetaria globale

Da Zurigo a Washington, l’inflazione sta mostrando segni di cedimento. Di fronte a questa tendenza, i responsabili delle politiche monetarie esprimono un cauto ottimismo, adottando toni meno combattivi. Si tratterà del ciclo di allentamento dei tassi globali più sincronizzato dal 2008.

La percentuale di banche centrali che stanno tagliando i tassi è la più alta dal 2008

Nel Regno Unito, l’inflazione in calo ha spinto i falchi della Bank of England a ritrattare le loro richieste di ulteriori aumenti dei tassi. In Europa, Christine Lagarde ha confermato un possibile taglio della BCE a giugno, mentre la Banca Nazionale Svizzera ha sorpreso tutti con un taglio anticipato di un quarto di punto percentuale.

La questione ora non è se i tassi scenderanno, ma piuttosto fino a che punto. Molti osservatori prevedono che i tassi si stabilizzeranno a lungo termine a livelli significativamente più alti rispetto a quelli pre-pandemia. Le proiezioni sui tassi a lungo termine sono state in declino negli anni precedenti la pandemia, in un contesto di inflazione ostinatamente bassa. Tuttavia, il contesto è cambiato e così anche le percezioni.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 09

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 08

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.