Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 11
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni hanno chiuso una settimana movimentata, con le oscillazioni amplificate da una raffica di opzioni in scadenza venerdì. Soprannominato il “triplo witching”, questo fenomeno trimestrale ha visto contratti legati ad azioni, opzioni su indici e futures per un valore sbalorditivo di 5,3 bilioni di dollari raggiungere la scadenza.

Tutti gli occhi erano puntati su questo evento, sullo sfondo del cruciale incontro politico della Fed della prossima settimana. Con la riaccelerazione dell’inflazione, si è acceso il dibattito sui piani di allentamento monetario della Fed per il 2024. Il mercato ha rapidamente ricalibrato le aspettative per i tagli dei tassi della Fed, rinviando il primo taglio alla riunione di luglio. In risposta, i rendimenti obbligazionari sono aumentati e i titoli del Tesoro a 10 anni hanno registrato la settimana peggiore di quest’anno.

Gli indici azionari sono scesi. Le small cap del Russell 2000 e il Nasdaq sono stati i peggiori della settimana. Tuttavia, i fondi azionari statunitensi sono rimasti una calamita per i capitali, raccogliendo ben 56 miliardi di dollari nella settimana terminata il 13 marzo. I piccoli trader hanno continuato a comprare opzioni rialziste, le azioni meme e le criptovalute hanno riconquistato i riflettori e gli spread creditizi sono rimasti al di sotto della media quinquennale.

Il dollaro ha vissuto la sua settimana migliore da metà gennaio, mentre l’oro ha registrato un calo dell’1%. Bitcoin ha chiuso con un rialzo marginale, ritornando sui 70.000 dollari. Il rame ha rubato la scena al petrolio, raggiungendo il livello più alto da febbraio dello scorso anno.

L’inflazione negli Stati Uniti aumenta ancora

L’inflazione sottostante negli Stati Uniti ha superato le aspettative per il secondo mese consecutivo. L’indice core dei prezzi al consumo, esclusi i costi alimentari ed energetici, è aumentato dello 0,4% da gennaio, mentre è salito del 3,8% rispetto a un anno fa. Febbraio ha visto un’impennata dei prezzi dei beni di prima necessità come auto usate, viaggi aerei e abbigliamento.

Scendendo in profondità, fattori peculiari hanno spinto verso l’alto l’indice dei prezzi al consumo, mascherando la più ampia tendenza al ribasso dell’inflazione complessiva. Nel mese di febbraio, i servizi di alloggio e trasporto hanno contribuito per l’85% all’aumento del CPI.

I prezzi pagati ai produttori statunitensi sono aumentati più del previsto, spinti dall’aumento dei costi del carburante e dei prodotti alimentari. Anche escludendo cibo e energia, l’inflazione all’ingrosso ha superato le stime.

inflazione USA febbraio aumenta più del previsto
Gli incrementi mensili del CPI e del PPI

Nonostante le recenti osservazioni del presidente Jerome Powell suggeriscano uno spostamento dei tassi quest’anno, la Fed rimane in attesa di un rallentamento più ampio dei prezzi prima di allentare le politiche. I nuovi dati sull’inflazione hanno fornito alla Fed ulteriori ragioni per rimandare i tagli dei tassi.

Riunione della Fed in vista

Dopo i recenti sviluppi sull’inflazione, tutti gli occhi sono puntati sull’imminente riunione della Fed, prevista per questo martedì e mercoledì. In particolare, gli investitori osserveranno se i politici rimarranno fedeli alle loro previsioni precedenti di tre riduzioni dei tassi quest’anno. Basterebbero solo due funzionari per spingere in alto il punto mediano del dot plot e passare a due tagli.

dot plot dicembre
Il dot plot di dicembre

L’attenzione si estende anche oltre il 2024. A dicembre i politici avevano previsto tagli di un intero punto percentuale nel 2025. Le proiezioni del FOMC includono anche una stima del tasso ufficiale sul “lungo periodo”, visto come una sorta di proxy per il tasso neutrale, quello che non stimola né rallenta la crescita economica. La mediana dei politici del tasso a lungo termine è stata mantenuta al 2,5% o meno da prima della pandemia. Questo livello potrebbe essere troppo basso per riflettere correttamente le realtà attuali del mercato (l’aumento del debito federale, ad esempio).

Si prevede che i funzionari della Fed lasceranno i tassi invariati al massimo degli ultimi due decenni questa settimana.

Mentre la recente forza dell’inflazione e dei dati sull’occupazione hanno alimentato la narrativa secondo cui l’economia sta riaccelerando, i dati sulle vendite al dettaglio respingono questa idea. Il valore degli acquisti al dettaglio, non adeguato all’inflazione, è aumentato meno del previsto a febbraio, dopo le revisioni al ribasso dei due mesi precedenti.

Le cosiddette vendite del gruppo di controllo – utilizzate per calcolare il prodotto interno lordo – sono rimaste invariate a febbraio dopo essere diminuite nel mese precedente. La misura, che esclude i servizi di ristorazione, i concessionari di automobili, i negozi di materiali da costruzione e le stazioni di servizio, suggerisce un’attività economica più debole finora nel primo trimestre.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 09

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 08

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 07

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.