Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 07

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 07
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

I trader hanno trovato poco incoraggiamento a spingere al rialzo il mercato azionario mentre l’“ultimo miglio” dell’inflazione verso il target del 2% si rivela quello più duro. La traiettoria della disinflazione non può essere lineare. I dati lo confermano. Due rapporti chiave hanno mostrato che l’inflazione è più vischiosa del previsto e il cuore del problema sono i servizi.

Nulla di troppo serio per i mercati. L’S&P 500 ha interrotto una serie di guadagni lunga cinque settimane. Il Nasdaq è stato il peggiore performer tra gli indici azionari perdendo l’1,6% e il Dow Jones è rimasto invariato.

I rendimenti dei Treasury sono aumentati lungo tutta la curva. Il dollaro ha chiuso in rialzo mentre l’oro è sceso. Il petrolio ha registrato un rally che lo ha portato al livello più alto da novembre. Bitcoin ha superato i 50.000 dollari per la prima volta dal 2021.

Se prima dei dati della scorsa settimana un taglio dei tassi a marzo era improbabile, adesso lo è ancora di più. Dopo aver dato un’occhiata ai rapporti di CPI e PPI i trader hanno dovuto aggiustare le loro aspettative di allentamento. Il mercato adesso sconta meno di 90 punti base di tagli nel 2024, rispetto ai circa 150 punti base scontati all’inizio di febbraio.

Nonostante la disinflazione stia incontrando degli ostacoli, la propensione al rischio è ancora alle stelle. Le condizioni finanziarie si sono allentate e la paura nel mercato del credito è quasi del tutto assente. Anche l’interesse per le coperture obbligazionarie sta diminuendo. E i trader azionari stanno accumulando opzioni rialziste per prepararsi a un ulteriore rialzo. Fanno bene ad essere così ottimisti?

Inflazione: da transitoria a intransigente

Il rapporto del CPI di gennaio è arrivato un po’ come una doccia fredda. Sia l’indice complessivo dei prezzi al consumo che l’indice “core” sono aumentati più del previsto.

inflazione USA gennaio

La categoria dei servizi “supercore” ha registrato l’incremento maggiore in quasi due anni. I politici della Fed ritengono che questa sia una misura chiave da monitorare per valutare il percorso dell’inflazione. Tuttavia, la calcolano sulla base dell’indice PCE.

A tenere calda l’inflazione sono i costi degli alloggi, che hanno contribuito per oltre due terzi all’aumento complessivo del CPI. In generale, l’inflazione dei servizi continua a rimanere ostinatamente elevata.

Nonostante la sorpresa negativa, l’inflazione continua ad essere su una traiettoria al ribasso. Ma i responsabili politici fanno bene a mantenere un approccio cauto. La Fed avrà accesso a numerosi rapporti sull’inflazione prima della riunione del 19-20 marzo. Ma probabilmente un taglio a quell’incontro sarà fuori discussione.

L’economia nipponica scivola in recessione

L’economia del Paese del Sol Levante è scivolata in recessione tecnica. La domanda interna anemica ha fatto contrarre il PIL dello 0,4% su base annualizzata nel quarto trimestre del 2023, dopo un calo del 3,3% nel trimestre precedente.

recessione Giappone

La contrazione economica potrebbe di certo avere delle implicazioni per le future decisioni politiche della Bank of Japan, mentre si prepara ad uscire dal regime dei tassi di interesse negativi. Ma a quanto pare non cambia le regole del gioco per il mercato azionario. L’indice Nikkei 225 sta sovraperformando la maggior parte degli indici azionari globali ed è sempre più vicino al suo massimo storico.

I venti favorevoli per le azioni giapponesi sono molti. Dopo un circolo deflazionistico decennale, l’inflazione è tornata. Le recenti riforme di corporate governance promosse dalla Borsa di Tokyo hanno portato le aziende ad aumentare i rendimenti per gli azionisti attraverso buyback e dividendi. La debolezza dello yen ha incrementato i loro profitti. Gli acquisti di Warren Buffet hanno senz’altro convinto molti ad investire nelle azioni del Sol Levante, che hanno beneficiato anche delle sfortune di altri paesi, in particolare della Cina.

Allerta intervento sullo yen

La scorsa settimana il principale funzionario giapponese del cambio valuta presso il ministero delle Finanze ha detto che le autorità sono pronte ad intervenire per sostenere lo yen. L’affermazione ha messo gli investitori in guardia.

I trader hanno accumulato coperture contro un potenziale intervento del Giappone. L’open interest per i contratti futures sullo yen a breve scadenza ha toccato il massimo degli ultimi sei anni, eclissando i livelli osservati prima di una serie di interventi avvenuti alla fine del 2022.

speculazione intervento giappone

La maggior parte dell’open interest nei futures si è concentrata sul contratto di marzo, quando la Bank of Japan inizierà la sua riunione politica di due giorni. Con lo yen che scivola oltre quota 150 rispetto al dollaro, il prossimo livello chiave è intorno a 152.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 06

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 05

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 04

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 03

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.