Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 05

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi hanno fatto nuovi massimi nonostante la settimana appena conclusa abbia portato alcuni drammi. Le perdite della New York Community Bankcorp hanno riacceso le preoccupazioni per le banche regionali. Powell ha eliminato la possibilità di tagli dei tassi anticipati. E tre dei cinque giganti tecnologici che hanno riportato i risultati del quarto trimestre hanno deluso le aspettative degli investitori.

Eppure, l’S&P 500 è riuscito a segnare un nuovo massimo storico. In rialzo dell’1,4%, il benchmark ha registrato il quarto guadagno settimanale consecutivo e ha chiuso il mese di gennaio in territorio positivo.

Meta Platforms è stata la protagonista della settimana, in rialzo del 20% dopo aver previsto vendite al di sopra delle stime e aver annunciato un dividendo trimestrale. L’impennata ha aggiunto 197 miliardi di dollari alla sua capitalizzazione di mercato in una singola sessione, il più grande guadagno di sempre in termini di valore.

azioni Meta salgono annuncio dividendo

Le azioni di Amazon sono aumentate dopo gli utili poiché la strategia di riduzione dei costi sembra aver dato i suoi frutti.

Dall’altro lato dello spettro, Alphabet ha segnalato un lieve calo delle vendite nella sua unità principale. La crescita del core business di Microsoft ha deluso le aspettative e le vendite di Apple sono crollate in Cina, un mercato che genera circa un quinto delle sue entrate.

La resilienza delle azioni è una buona notizia per i tori di Wall Street. Ma, per alcuni strateghi, la concentrazione del mercato è preoccupante: i cosiddetti Magnifici Sette hanno rappresentato il 45% dei guadagni dell’S&P 500 a gennaio. Nell’ultimo anno il gruppo è aumentato dell’80%, mentre il titolo medio dell’S&P 500 è cresciuto solo del 3%.

Detto questo, i dati economici della settimana hanno mostrato una forza diffusa, a partire dalla fiducia dei consumatori fino all’occupazione. I segnali di un’economia forte non fanno altro che rafforzare l’opinione secondo cui la Fed ritarderà l’inizio dei tagli dei tassi. I contratti swap che fanno riferimento alla data della riunione della Fed di marzo hanno dimezzato le probabilità di un taglio di un quarto di punto, a circa il 15%.

tagli tassi marzo

I rendimenti dei titoli del Tesoro sono rimbalzati sulla scia del rapporto occupazionale. Il biennale è aumentato di 16 punti base venerdì e il dollaro è salito al livello più alto da dicembre.

Bitcoin è aumentato, aggirandosi intorno ai 43.000 dollari. L’oro ha chiuso la settimana in rialzo, nonostante il calo registrato dopo le buste paga. Il petrolio è sceso, cancellando il guadagno della scorsa settimana.

Il mercato del lavoro statunitense rimane forte

Se c’è una cosa da cogliere dal rapporto occupazionale di venerdì è che nel complesso il mercato del lavoro USA rimane forte. È decisamente più solido di quanto si potrebbe pensare solo guardando i titoli recenti, che tendono a concentrarsi sui licenziamenti nel settore tecnologico.

Non solo il tasso di disoccupazione è ancora al 3,7%, mentre la creazione di posti di lavoro ha superato di gran lunga le aspettative degli economisti, ma anche le revisioni dei rapporti precedenti sono state migliori del previsto. C’era molta preoccupazione che i guadagni di posti di lavoro del 2023 sarebbero stati rivisti al ribasso. Ciò si è rivelato non essere il caso. Nel corso dello scorso anno sono stati creati 115.000 posti di lavoro in più di quanto si pensasse in precedenza.

Le buste paga non agricole sono aumentate di 353.000 unità il mese scorso. La crescita dell’occupazione è stata guidata dall’assistenza sanitaria, dai servizi professionali e alle imprese e dal commercio al dettaglio. Quasi tutti i settori, ad eccezione dell’estrazione mineraria e dell’estrazione del gas, hanno visto nuovi posti di lavoro a gennaio.

buste paga mercato lavoro USA gennaio

Per quanto riguarda le questioni da individuare, a gennaio si è riscontrata qualche debolezza nel sondaggio sulle famiglie, forse dovuta a perturbazioni legate alle condizioni meteorologiche, ma che vale comunque la pena tenere d’occhio.

La crescita delle ore lavorate continua a rallentare. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è stato leggermente inferiore alle attese. D’altro canto, il rapporto tra occupazione e popolazione delle fasce di età più giovani è aumentato rispetto al mese scorso, cosa gradita da vedere.

Le banche regionali non sono ancora fuori pericolo

Le azioni della New York Community Bancorp (NYCB) sono crollate di quasi il 50% la scorsa settimana, chiudendo ai minimi dal 2000. La banca statunitense ha ridotto il suo dividendo e registrato una perdita trimestrale per colpa dell’accantonamento di centinaia di milioni di dollari.

Le news hanno in qualche modo riacceso i timori di ulteriori turbolenze bancarie. L’indice KBW delle banche regionali statunitensi ha registrato la settimana peggiore da maggio dello scorso anno, durante le ricadute della crisi bancaria. Aozora, con sede a Tokyo, è crollata di oltre il 20% dopo aver avvertito delle perdite associate a proprietà commerciali negli Stati Uniti. In Europa, Deutsche Bank ha più che quadruplicato i suoi accantonamenti per le perdite immobiliari statunitensi.

A prima vista, i problemi della NYCB sembrano essere legati al suo bilancio. L’anno scorso ha acquisito Signature Bank, una delle banche regionali fallite. Di conseguenza, le sue attività sono salite sopra la soglia normativa di 100 miliardi di dollari. I requisiti normativi adesso le impongono di detenere più capitale e liquidità.

Questa però è solo una parte della storia. Nel quarto trimestre la banca ha pagato un tasso medio sui depositi del 3,62%, rispetto all’1,93% di un anno fa. Allo stesso tempo, la crescita dei prestiti si è arrestata. La sua redditività si è quindi ridotta. Il suo margine di interesse netto è sceso di 45 punti base al 2,82% su base trimestrale e si prevede che continuerà a diminuire nel corso dell’anno.

La NYCB ha affermato che l’aumento degli accantonamenti era correlato a un edificio cooperativo e ad un immobile adibito a uffici. Sebbene gli uffici siano un’area di particolare preoccupazione, la maggiore esposizione immobiliare della società proviene da edifici multifamiliari. La banca detiene circa 37 miliardi di dollari in mutui per appartamenti. Quasi la metà di questi prestiti sono garantiti da edifici ad affitto regolamentato, rendendoli vulnerabili alle normative dello stato di New York approvate nel 2019 che limitano rigorosamente la capacità dei proprietari di aumentare gli affitti.

Una quantità record di prestiti per immobili commerciali sta giungendo a scadenza e necessita di rifinanziamento quest’anno e il prossimo. Nel frattempo, il valore degli immobili commerciali continua a calare. Ulteriori svalutazioni potrebbero mettere in difficoltà le banche regionali più esposte.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 04

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 03

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 02

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 01

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.