Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 03

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 03
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Negli ultimi due anni gli investitori hanno dovuto affrontare la più grande guerra di terra in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale, l’inflazione più rapida dall’inizio degli anni ’80 e i costi di finanziamento più alti dall’inizio del millennio. Queste tre forze hanno spinto il benchmark azionario statunitense in un mercato ribassista nel giugno 2022. Tuttavia, le azioni hanno sfidato i timori di una recessione per salire alle stelle nel 2023 e hanno continuato a salire all’inizio del 2024.

S&P 500 ai massimi storici

Venerdì l’indice S&P 500 ha stabilito un nuovo massimo storico a 4.839,81, eclissando il suo massimo di chiusura precedente fissato il 3 gennaio 2022. I cosiddetti “Magnifici Sette” – Alphabet, Amazon.com, Apple, Meta Platforms, Microsoft, Nvidia e Tesla – hanno alimentato i guadagni dell’indice.

Per ora, la visione degli ottimisti azionari ha la meglio: le Big Tech alimenteranno la crescita dei profitti, l’inflazione si sta finalmente allentando e l’economia è ancora resiliente. I pronostici azionari di Wall Street hanno la storia dalla loro parte se la campagna di inasprimento della Fed sta volgendo al termine poiché le pause dei tassi storicamente inaugurano rendimenti a due cifre per le azioni.

Nonostante le preoccupazioni riguardanti il calendario della Fed per l’avvio dei tagli dei tassi e la possibilità che il Tesoro abbia bisogno di aumentare i propri requisiti di finanziamento, i mercati continuano a premiare le mega cap tecnologiche mentre la promessa dell’intelligenza artificiale diventa sempre più realtà.

Ma un rally azionario guidato dai titoli tecnologici significa che una parte sempre più ampia dell’indice di riferimento è strettamente legata alle prospettive di utili a lungo termine, e quindi più sensibile all’aumento dei rendimenti. La correlazione tra l’indice S&P 500 e i titoli del Tesoro di riferimento è positiva dall’agosto dello scorso anno.

correlazione azioni obbligazioni

I rendimenti dei titoli del Tesoro sono aumentati la scorsa settimana. Il dollaro ha chiuso in rialzo. Bitcoin ha faticato da quando gli ETF spot hanno iniziato a negoziare ma è riuscito a chiudere la settimana praticamente invariato. L’oro ha chiuso in ribasso ma è rimbalzato sulla soglia dei 2000 $. Il petrolio è aumentato.

Il mercato modera le sue scommesse sui tagli dei tassi

I trader hanno moderato le loro scommesse sui tagli dei tassi poiché i dati economici statunitensi hanno continuato a mostrare resilienza. A temperare le aspettative sono stati anche i funzionari della Fed. Il governatore Christopher Waller ha affermato che la banca centrale americana dovrebbe adottare un approccio cauto e sistematico. “Con l’attività economica e i mercati del lavoro in buona forma e l’inflazione che sta gradualmente scendendo verso il 2%, non vedo alcun motivo per muoversi o tagliare così rapidamente come in passato”, ha affermato, facendo riferimento ai precedenti cicli di allentamento dei tassi.

Il presidente della Fed di Chicago, Austan Goolsbee, ha affermato che un continuo calo dell’inflazione meriterebbe una discussione sulla riduzione dei tassi. Ha sottolineato che la banca centrale prenderà le decisioni riunione dopo riunione. Il suo omologo di Atlanta, Raphael Bostic, ha affermato di essere disponibile a cambiare la sua opinione sulla tempistica dei tagli a seconda dei dati. Tuttavia, vuole essere sicuro che l’inflazione sia sulla strada verso il 2% prima di allentare la politica. Il capo della Fed di San Francisco, Mary Daly, ha affermato che è troppo presto per dichiarare vittoria sull’inflazione.

I mercati stanno attualmente scontando riduzioni di circa 1,4 punti percentuali quest’anno, rispetto alle aspettative di un allentamento di ben 1,7 punti percentuali della settimana precedente.

aspettative tagli tassi 2024

L’economia degli Stati Uniti è ancora forte

Il tanto dibattuto atterraggio morbido dell’economia statunitense si è rivelato un non atterraggio, o forse addirittura un decollo. Le spese per le festività hanno continuato a sostenere l’economia alla fine dell’anno. Alla luce del rapporto sulle vendite al dettaglio al di sopra delle aspettative, la Fed di Atlanta ha alzato la sua proiezione di crescita del PIL per il quarto trimestre, prevedendo un aumento del 2,4%.

stima PIL USA quarto trimestre 2023

La Cina continua a deludere

L’ultimo round di dati economici in Cina ha deluso le aspettative. A dicembre i prezzi delle case hanno registrato il calo più grande dal 2015. Le nuove costruzioni edilizie, un indicatore chiave della fiducia tra gli sviluppatori immobiliari, sono crollate del 20,9%. Nel frattempo, un’ampia misura della variazione dei prezzi ha prolungato il suo periodo di calo trimestrale, che è ora il più lungo dall’inizio della crisi finanziaria asiatica nel 1999.

Con il crollo del settore immobiliare e i timori di una spirale deflazionistica, gli investitori globali rimangono riluttanti ad esporsi agli asset cinesi. Il CSI 300 è sceso ai minimi degli ultimi 5 anni. Le azioni cinesi quotate a Hong Kong e negli Stati Uniti sono crollate.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 02

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 01

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 52

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 51

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.