Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 51

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Nella settimana appena terminata abbiamo ottenuto ulteriori dati che suggeriscono che l’atterraggio morbido è riuscito e il pericolo che la crescita riprenda innescando una ripresa dell’inflazione è probabilmente dietro di noi. La misura di inflazione sottostante preferita dalla Fed è aumentata di poco a novembre. Ulteriori rapporti hanno mostrato che i consumatori stanno diventando sempre più convinti che l’inflazione sia sulla strada giusta. Allo stesso tempo, i dati sulle vendite di nuove case negli Stati Uniti sono inaspettatamente crollati.

Tutto ciò ha contribuito a consolidare le aspettative degli investitori per tagli anticipati e profondi dei tassi di interesse il prossimo anno, nonostante le resistenze di diversi politici della Fed. I trader di swap scommettono che i tassi di interesse saranno allentati di oltre 150 punti base nel 2024, il doppio di quanto previsto dalla Fed.

Le azioni e le obbligazioni hanno registrato un’altra settimana positiva. L’indice S&P 500 ha messo a segno una serie di vittorie consecutive di otto settimane, la più lunga in più di cinque anni. La serie di guadagni del Nasdaq è stata la più lunga da luglio 2021. Le small cap sono salite di quasi il 3%, segnando la sesta settimana consecutiva in rialzo. Il Dow è rimasto indietro. Le obbligazioni statunitensi, invece, hanno registrato la quarta settimana consecutiva di guadagni.

S&P 500 rally Natale

Alcuni a Wall Street si stanno posizionando per ulteriori guadagni azionari in vista della sessione che ha dato il via al rally di Natale, una tendenza stagionale in cui le azioni tendono a salire. Dal 1928, l’S&P 500 ha registrato un rendimento medio dell’1,7% tra gli ultimi cinque giorni di dicembre e i primi due giorni del nuovo anno e ha portato un guadagno nel 79% dei casi.

Il dollaro è sceso ai minimi da luglio. Bitcoin è salito a circa $ 44.000 mentre l’oro è tornato sopra i 2.000 dollari. I prezzi del petrolio hanno registrato l’aumento settimanale più grande da ottobre.

L’indicatore di inflazione preferito dalla Fed si raffredda

L’indicatore preferito dalla Fed per l’inflazione sottostante è aumentato di poco a novembre, rafforzando l’orientamento della banca centrale verso i tagli dei tassi di interesse il prossimo anno. Il core PCE è aumentato dello 0,1% rispetto al mese precedente e del 3,2% rispetto a un anno fa. Su base semestrale annualizzata è sceso al di sotto del target della Fed per la prima volta in più di tre anni.

PCE USA sotto target

L’indice PCE complessivo è sceso dello 0,1% da ottobre, il primo calo da aprile 2020. La misura è aumentata del 2,6% rispetto a un anno fa, il guadagno più piccolo da febbraio 2021.

I politici prestano molta attenzione all’inflazione dei servizi, esclusi l’edilizia abitativa e l’energia, che tende ad essere più vischiosa. Questo parametro è aumentato dello 0,1% per il secondo mese consecutivo e del 2,7% rispetto all’anno precedente.

La spesa personale corretta per l’inflazione è aumentata dello 0,3% dopo un aumento dello 0,1% rivisto al ribasso in ottobre. Il reddito disponibile reale, il principale sostegno alla spesa dei consumatori, ha registrato l’aumento maggiore da marzo.

La ripresa della spesa suggerisce che le famiglie possono continuare a sostenere l’economia nonostante i maggiori costi di finanziamento. Un mercato del lavoro resiliente ma moderato rimane il principale motore trainante della domanda.

Nessun segnale dalla BOJ sull’uscita dai tassi negativi

La Bank of Japan ha lasciato il tasso a breve termine al -0,1% e mantenuto i parametri di controllo della curva dei rendimenti con una decisione unanime.

Il governatore della BOJ Kazuo Ueda ha evitato di segnalare quando deciderà di uscire dal regime dei tassi di interesse negativi. Non ha escluso la normalizzazione della politica in nessuno degli incontri dei prossimi mesi ma ha insistito sul fatto che prima è necessario vedere maggiori prove che l’inflazione raggiungerà il suo obiettivo in modo sostenibile. Ha aggiunto che è troppo presto per fornire dettagli specifici su eventuali piani di uscita.

La decisione di martedì non fermerà le speculazioni secondo cui prima o poi arriverà un rialzo dei tassi. L’inflazione continua a superare l’obiettivo della BOJ e prove aneddotiche suggeriscono che gli aumenti salariali per il prossimo anno saranno probabilmente maggiori rispetto a quest’anno. I trader di swap hanno scontato una probabilità di quasi il 90% di un rialzo dei tassi entro la riunione di aprile, circa il 60% per marzo e quasi il 45% per la riunione di gennaio.

Alcuni economisti vedono la svolta accomodante della Fed come un freno ai tempi per una mossa politica della BOJ. Se la fine dei tassi negativi della BOJ dovesse innescare uno yen molto più forte, riaccenderebbe la pressione deflazionistica nell’economia. Normalizzare la politica mentre le altre banche centrali stanno iniziano ad allentarla potrebbe anche innescare una maggiore volatilità nei mercati. Ueda ha in gran parte escluso la Fed come fattore, affermando che la BOJ non affretterebbe le sue decisioni politiche in base a ciò che pensa la Fed potrebbe fare tra tre o sei mesi.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 50

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 49

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 48

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 47

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.