Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 50

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 50
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Gli investitori e gli analisti di Wall Street sono stati colti di sorpresa dal presidente Powell la scorsa settimana, che ha segnalato la fine della storica campagna di stretta monetaria della Fed con una svolta accomodante nel 2024. In seguito, il Dow Jones e il Nasdaq 100 sono saliti a livelli record. Le obbligazioni sono salite lungo tutta la curva, con il rendimento del decennale che è sceso sotto il 4% per la prima volta da agosto. Il credito è esploso e gli asset rischiosi in tutto il mondo si sono ripresi.

L’S&P 500 ha registrato la sua settima settimana consecutiva in positivo, la serie di guadagni più lunga in sei anni, sfiorando un massimo record. Ciò ha costretto i trader e gli strateghi di Wall Street ad aumentare le loro previsioni sia per le azioni che per le obbligazioni.

S&P 500 svolta accomodante Powell

Con l’arrivo del nuovo anno, si sollevano seri interrogativi su quanto i mercati possano ancora salire. I sei tagli dei tassi di interesse previsti dal mercato obbligazionario potrebbero non essere giustificati. Venerdì, i funzionari politici hanno già iniziato a reagire, con il presidente della Fed di New York John Williams che ha definito “prematuro” parlare di un taglio dei tassi di marzo.

L’oro ha restituito parte dei suoi guadagni post-FOMC. Il dollaro invece è crollato.

Bitcoin ed Ethereum sono scesi entrambi. Il petrolio è riuscito a chiudere la prima settimana in positivo da ottobre.

Powell segnala il pivot della Fed

La Fed ha deciso di mantenere i tassi a un massimo di 22 anni per la terza riunione consecutiva e ora è pronta ad invertire la sua direzione politica passando ai tagli dei tassi nel 2024. Meno di due settimane fa, Powell aveva dichiarato che sarebbe stato “prematuro” speculare sui tempi dei tagli dei tassi. Ma l’argomento è stato chiaramente affrontato durante l’incontro di mercoledì.

La stima mediana dei funzionari della Fed per i tassi di interesse alla fine del 2024 è del 4,6%. Ciò equivale a tre tagli dei tassi di 25 punti base. I politici prevedono ulteriori riduzioni del tasso di riferimento, che chiuderà il 2025 al 3,6%.

dot plot Fed dicembre

Una leggera modifica alla dichiarazione del FOMC ha evidenziato il cambiamento di tono, con i funzionari che hanno osservato che monitoreranno una serie di dati e sviluppi per vedere se “qualsiasi” ulteriore rafforzamento della politica sarà appropriato. Quella parola non era presente nella dichiarazione di novembre.

Powell ha riconosciuto i progressi fatti sull’inflazione e la maggior parte dei funzionari ora ritiene che i rischi per la crescita dei prezzi siano sostanzialmente bilanciati.

Le proiezioni aggiornate mostrano anche stime di inflazione più basse per quest’anno e il prossimo, con l’indicatore dei prezzi preferito dalla Fed che ora è visto in aumento del 2,4% nel 2024. I politici hanno leggermente abbassato le loro previsioni per la crescita economica per il prossimo anno e mantenuto invariate le proiezioni sulla disoccupazione.

La BCE non discute affatto di tagli dei tassi

La BCE si è unita alla Bank of England nel respingere le aspettative del mercato sui tagli dei tassi nel 2024. La presidente Lagarde ha dichiarato che i membri del Consiglio direttivo non hanno affatto discusso di tagli dei tassi. Nessuno dovrebbe aspettarsi un allentamento nei prossimi due trimestri.

Come ampiamente previsto, la BCE ha mantenuto il tasso sui depositi al record del 4% per il secondo incontro consecutivo. Nel frattempo, i funzionari hanno affermato che accelereranno la fine dei reinvestimenti nell’ambito del programma di acquisto di obbligazioni PEPP.

Nella seconda metà dell’anno la BCE intende ridurre il portafoglio PEPP in media di 7,5 miliardi di euro al mese. Interromperà i reinvestimenti alla fine del 2024. L’annuncio significa che la BCE perde parte della capacità di affrontare le turbolenze nei mercati obbligazionari europei poiché i reinvestimenti possono essere utilizzati in modo flessibile per acquistare il debito dei paesi più sensibili all’aumento dei costi di finanziamento.

Nella sua dichiarazione, la BCE ha omesso di affermare che “si prevede che l’inflazione resterà troppo elevata per troppo tempo”, affermando invece che “diminuirà gradualmente nel corso del prossimo anno”.

Le nuove proiezioni trimestrali mostrano un’economia più debole che ammorbidisce le prospettive per i prezzi al consumo. La BCE prevede un’inflazione al 2,7% l’anno prossimo, al 2,1% nel 2025 e all’1,9% nel 2026.

proiezioni economiche BCE dicembre

Ma i funzionari non devono assolutamente abbassare la guardia, ha detto Lagarde in conferenza stampa citando rischi persistenti al rialzo per i prezzi al consumo derivanti dagli aumenti salariali. Le retribuzioni negoziate in Eurozona sono aumentate del 4,7% nel terzo trimestre, il ritmo più veloce degli ultimi decenni.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 49

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 48

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 47

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 46

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.