Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 47

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 47
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

“Ottimismo” è la parola d’ordine per le festività del Thanksgiving. Gli investitori si sono riversati in azioni al ritmo più veloce degli ultimi due anni. I fondi azionari globali hanno registrato afflussi per circa 40 miliardi di dollari nelle due settimane fino al 21 novembre, il massimo da febbraio 2022, secondo i dati di EPFR Global.

L’S&P 500 ha registrato un rally di quasi il 19% nel 2023. L’indice è ora in rialzo dell’8,7% questo mese, uno dei migliori guadagni mai registrati a novembre.

s&p 500 performance novembre

La domanda di strategie di copertura è quasi evaporata. I rifugi difensivi vengono abbandonati mentre gli investitori scelgono le obbligazioni spazzatura e le azioni a piccola capitalizzazione.

Ad alimentare tutto c’è la convinzione che la Federal Reserve abbia finito di aumentare i tassi di interesse e inizierà a tagliarli nel 2024. Ciò sta consentendo all’ottimismo per un atterraggio morbido di prendere il sopravvento.

I rendimenti obbligazionari hanno chiuso la settimana in rialzo, con il segmento a breve termine che ha sottoperformato. I titoli del Tesoro hanno seguito un calo delle obbligazioni europee causato dalle preoccupazioni per l’aumento dell’offerta. La Germania sospenderà un limite costituzionale al nuovo indebitamento per il quarto anno consecutivo.

Il dollaro ha chiuso in ribasso mentre Bitcoin ha raggiunto un nuovo massimo ciclico. L’oro è balzato sopra i 2.000 dollari. I prezzi del petrolio hanno chiuso in lieve rialzo, dopo 4 settimane di perdite consecutive.

I verbali della Fed mostrano funzionari cauti

Nel loro ultimo incontro i funzionari della Federal Reserve si sono trovati d’accordo su una strategia per procedere con cautela e basare qualsiasi ulteriore inasprimento sui progressi verso il loro obiettivo di inflazione.

Il comitato ha riconosciuto che i tassi di interesse più elevati stanno iniziando a pesare su famiglie e imprese. I rapporti del personale hanno citato standard di prestito più restrittivi in tutte le categorie di prestiti al consumo nel terzo trimestre e tassi di insolvenza in aumento.

Il comitato sta cercando di gestire i rischi bilaterali. Da una parte vuole evitare un inasprimento eccessivo che potrebbe portare l’economia in recessione, dall’altra vuole evitare il rischio di un inasprimento insufficiente che non riesce a raffreddare i consumi e riportare il tasso di inflazione al target.

Pur notando che l’inflazione si è attenuata nel corso dell’ultimo anno, i funzionari hanno sottolineato che l’inflazione attuale è ben al di sopra dell’obiettivo a lungo termine del comitato. Hanno aggiunto che saranno necessarie ulteriori prove per poter essere sicuri che l’inflazione è chiaramente sulla strada verso il 2%.

L’OPEC rimanda la sua riunione

La riunione dell’OPEC+ prevista per lo scorso fine settimana è stata rimandata al 30 novembre. L’Arabia Saudita è in trattative difficili con gli altri membri. Sin da luglio i sauditi hanno tagliato la produzione di 1 milione di barili al giorno. Garantire che altri produttori OPEC+ contribuiscano alla riduzione dell’offerta potrebbe essere un’impresa ardua.

Nell’incontro di giugno, Angola, Congo e Nigeria sono stati spinti ad accettare quote di produzione più basse per il 2024 perché la loro capacità produttiva si è deteriorata. Questi paesi accetteranno difficilmente di effettuare ulteriori tagli alla produzione.

I paesi africani si sono assicurati il ​​diritto alla revisione delle loro capacità produttive da parte di consulenti esterni, e almeno la Nigeria ha recentemente dimostrato di poter superare i suoi nuovi limiti. Il mese scorso ha pompato 1,416 milioni di barili al giorno, ovvero 36.000 barili al giorno al di sopra dell’obiettivo per il 2024.

riunione OPEC rimandata produzione e quote

Nel frattempo, gli Emirati Arabi Uniti hanno ottenuto dall’OPEC+ il diritto di aumentare modestamente la produzione a gennaio e potrebbero essere riluttanti a rinunciare a quell’opportunità.

Il greggio è sceso di circa il 18% rispetto al picco di settembre. Le prospettive per il prossimo anno sembrano ancora più deboli. L’Agenzia internazionale per l’energia prevede un surplus nel primo semestre.

Binance si dichiara colpevole e Zhao si dimette

Binance e il suo amministratore delegato Changpeng Zhao (CZ) si sono dichiarati colpevoli di violazioni delle leggi anti-riciclaggio e delle sanzioni statunitensi in base a un accordo che consente all’exchange di continuare a operare.

Binance pagherà 4,3 miliardi di dollari. CZ è stato costretto a dimettersi dalla carica di amministratore delegato. Richard Teng succederà a Zhao come CEO.

Zhao rischia fino a 10 anni di prigione, ma si prevede che non sconterà più di 18 mesi in base al patteggiamento. Il Dipartimento di Giustizia non ha ancora deciso la durata della pena detentiva che gli verrà richiesta.

Le violazioni di Binance includono la mancata prevenzione e segnalazione di transazioni sospette con terroristi, tra cui le Brigate Al-Qassam di Hamas, la Jihad islamica palestinese, Al Qaeda e lo Stato islamico dell’Iraq e della Siria. Secondo la documentazione del tribunale, Binance ha inoltre consentito almeno 1,1 milioni di transazioni, per un valore di oltre 898 milioni di dollari, sulla sua piattaforma tra clienti negli Stati Uniti e in Iran.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 46

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 45

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 44

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 43

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.