L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 44

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea settimana 44
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

I segnali di raffreddamento nel mercato del lavoro hanno rafforzato l’idea che la Federal Reserve abbia finito con gli aumenti dei tassi. La prova che il presidente della Fed sta diventando meno aggressivo ha alimentato il più grande rally cross-asset da novembre 2022, con azioni, obbligazioni e credito in aumento in tandem.

L’azione ribassista degli ultimi mesi e il posizionamento difensivo hanno contribuito ai guadagni. Ci sono prove evidenti che gli hedge fund colti allo scoperto insieme ai quant sistematici sono stati costretti a rientrare su tutti i tipi di asset. Gli investitori che avevano scommesso sul calo delle azioni sono stati colpiti in modo particolarmente duro, con un paniere delle società “più shortate” che ha guadagnato il 13%.

L’S&P 500 e il Nasdaq hanno segnato la loro migliore settimana del 2023. L’“indicatore della paura” di Wall Street – il VIX – ha visto il suo più grande crollo settimanale da dicembre 2021.

I rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di oltre 25 punti base, il calo settimanale più grande da marzo. I catalizzatori del calo dei rendimenti della settimana sono semplici da individuare. Il Tesoro degli Stati Uniti ha segnalato mercoledì che intende rallentare il tasso di crescita delle vendite trimestrali di titoli di debito, reprimendo alcune delle preoccupazioni per l’aumento dell’offerta di titoli di Stato. E il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, suggerisce che il mercato del lavoro sta rispondendo agli sforzi della Fed per raffreddarlo.

Il dollaro ha avuto la settimana peggiore da luglio. Dopo un paio di settimane entusiasmanti, le criptovalute sono state relativamente calme (nonostante l’impennata di Bitcoin fino a 36.000 dollari dopo la Fed). L’oro ha resistito sopra i 2.000 dollari, mentre il petrolio è sceso sotto gli 81 dollari.

La Fed ha probabilmente finito con gli aumenti dei tassi

Powell ha lasciato intendere che la Fed potrebbe aver terminato il ciclo di inasprimento più aggressivo degli ultimi quattro decenni dopo aver mantenuto i tassi di interesse invariati per il secondo incontro consecutivo. I funzionari hanno segnalato che il recente aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro a lungo termine riduce la necessità di un altro rialzo.

Con un’inflazione ancora ben al di sopra del target e la crescita economica ai livelli più alti in quasi due anni, Powell e i suoi colleghi hanno mantenuto la possibilità di agire nuovamente. Tuttavia, il presidente ha preso le distanze dal dot plot di settembre, affermando che rappresenta solo le opinioni individuali dei funzionari in quel momento e non un piano che metteranno in pratica. “Penso che l’efficacia del dot plot probabilmente decada nel periodo di tre mesi tra quell’incontro e il successivo”, ha dichiarato Powell.

I rischi per le prospettive sono diventati più bilaterali e le decisioni verranno prese “incontro dopo incontro”. Il FOMC avrà una grande quantità di dati, tra cui due rapporti sull’occupazione e due rapporti sull’inflazione, prima della riunione di dicembre.

La domanda di lavoratori inizia a raffreddarsi

Gli ultimi dati suggeriscono che il mercato del lavoro statunitense si sta gradualmente normalizzando. La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti è rallentata più del previsto e il tasso di disoccupazione è salito al 3,9%, il massimo di due anni. Le buste paga non agricole sono aumentate di 150.000 unità nel mese di ottobre e i dati dei due mesi precedenti sono stati rivisti al ribasso.

L’assistenza sanitaria e l’assistenza sociale, così come il governo, hanno guidato l’aumento occupazionale. Altre categorie, tuttavia, hanno mostrato una crescita tiepida o addirittura un calo. I dipendenti del settore manifatturiero sono diminuiti di 35.000 unità in ottobre, in gran parte a causa dello sciopero sindacale della United Auto Workers.

dati non farm payroll ottobre 2023

L’aumento del tasso di disoccupazione indica una ripresa dei licenziamenti, uno sviluppo che i datori di lavoro avevano finora evitato. L’indagine presso le famiglie ha evidenziato un aumento di oltre 200.000 unità tra coloro che hanno perso il lavoro o ne hanno portato a termine uno temporaneo.

L’allentamento della domanda di lavoratori sta esercitando una pressione al ribasso sulla crescita dei salari. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,2% il mese scorso e del 4,1% rispetto all’anno precedente, l’aumento più piccolo dalla metà del 2021.

La BOJ aggiusta il controllo della curva dei rendimenti

La Bank of Japan ha modificato il controllo della curva dei rendimenti, definendo l’1% come un punto di riferimento per le obbligazioni a 10 anni anziché un limite rigido. La modifica rappresenta un altro passo nella direzione della normalizzazione della politica monetaria.

Nel periodo precedente l’incontro si erano sviluppate speculazioni secondo cui la BOJ avrebbe avviato un intervento per rilanciare lo yen, che la settimana scorsa è sceso al minimo di un anno. Se la banca centrale abbandonasse la sua politica monetaria ultra-espansiva, i rendimenti del mercato obbligazionario globale potrebbero subire un’impennata.

L’aumento dei rendimenti delle obbligazioni giapponesi potrebbe alimentare il rimpatrio di migliaia di miliardi di dollari da parte dei fondi giapponesi. Da quando la BOJ ha introdotto i tassi di interesse negativi nel gennaio 2016, gli investitori nazionali hanno accumulato 66 trilioni di yen in obbligazioni estere.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 43

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 42

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 41

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 40

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.