Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Fed: i rendimenti più alti riducono la necessita di ulteriori aumenti dei tassi

La Fed ha segnalato che i rendimenti più alti dei titoli del Tesoro a lungo termine riducono la necessità di ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Sebbene il presidente Jerome Powell abbia lasciato la porta aperta a un altro aumento il mese prossimo, ha anche ammesso che i funzionari potrebbero aver finito con la loro campagna di inasprimento.

Powell non è ancora sicuro di poter giudicare se la politica monetaria sia sufficientemente restrittiva da riportare l’inflazione all’obiettivo del 2%. “La domanda che ci poniamo è: dovremmo aumentare di più?”, ha detto il presidente durante la conferenza stampa dopo la decisione. “Rallentare ci sta dando, penso, un’idea migliore di quanto ancora dobbiamo fare, se dobbiamo fare di più”.

Mercoledì, il Federal Open Market Committee (FOMC) ha quindi mantenuto i tassi di interesse invariati per la seconda riunione consecutiva. La decisione è stata unanime e ha lasciato l’intervallo obiettivo per il tasso di riferimento della Fed al livello più alto in 22 anni.

Fed mantiene tassi novembre: rendimenti alti riducono necessità ulteriori aumenti

Una crescita persistentemente al di sopra del trend o dei segnali che la tensione nel mercato del lavoro non si sta più allentando, potrebbero mettere a rischio ulteriori progressi sull’inflazione e giustificare ulteriori aumenti dei tassi.

Azioni e obbligazioni hanno esteso i guadagni. L’indice S&P 500 ha chiuso in rialzo di oltre l’1% mentre il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è crollato sotto il 4,75% per la prima volta in due settimane. Il dollaro è sceso.

I cambiamenti nella dichiarazione

I funzionari hanno apportato modifiche minime alla dichiarazione post-riunione. La Fed ha affermato che le condizioni finanziarie e di credito più restrittive per le famiglie e le imprese probabilmente peseranno sull’attività economica, sulle assunzioni e sull’inflazione, aggiungendo la parola “finanziario” a un linguaggio che in precedenza si riferiva solo alle condizioni di credito. “La portata di questi effetti rimane incerta”, ha affermato la Fed, ribadendo che “rimane molto attenta ai rischi di inflazione”.

Un’altra modifica è stata quella di aggiornare la loro descrizione del ritmo della crescita economica da “forte” a “solido” per riflettere i migliori dati economici pubblicati dopo la riunione di settembre.

I politici hanno ripetuto che, nel determinare l’entità dell’ulteriore rafforzamento della politica monetaria che potrebbe essere appropriato per riportare l’inflazione al 2% nel tempo, avrebbero tenuto conto dell’inasprimento cumulativo della politica monetaria, nonché degli effetti ritardati sull’economia e sull’inflazione.

Rendimenti più alti riducono la necessità di ulteriori aumenti

Dopo aver aumentato i tassi di interesse da livelli prossimi allo zero a un intervallo compreso tra il 5,25-5,50%, i funzionari si stanno prendendo tempo per valutare gli effetti delle loro mosse passate.

Powell ha affermato che i precedenti rialzi dei tassi stanno esercitando una pressione al ribasso sull’attività economica e sull’inflazione, e che gli effetti completi dell’inasprimento devono ancora essere avvertiti. Ha aggiunto che le condizioni finanziarie si sono irrigidite in modo significativo negli ultimi mesi, spinte soprattutto da rendimenti obbligazionari a lungo termine più elevati. Alcuni funzionari hanno affermato che i rendimenti dei titoli del Tesoro a lungo termine più alti riducono la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, spingendoli a sostenere un’altra pausa alla riunione di questa settimana.

“Alla luce delle incertezze, dei rischi e dei progressi compiuti, il comitato sta procedendo con cautela”, ha affermato Powell. “Continueremo a prendere le nostre decisioni incontro dopo incontro”. Il FOMC si riunirà il 12-13 dicembre e poi il 30-31 gennaio. I funzionari avranno a disposizione numerosi dati, tra cui due rapporti sull’occupazione e due rapporti sull’inflazione, oltre a ulteriori dati sulle condizioni finanziarie e sui rischi geopolitici.

Le probabilità di un altro aumento

L’economia statunitense è cresciuta ad un tasso annualizzato del 4,9% nell’ultimo trimestre, il ritmo più rapido in quasi due anni, poiché la spesa dei consumatori è rimasta resiliente. La misura di inflazione preferita dalla Fed – il core PCE – è aumentata ai massimi di quattro mesi a settembre.

Se tale forza economica persisterà o rallenterà è una delle maggiori domande a cui i politici devono rispondere, e il risultato ha il potenziale per modellare la direzione dell’inflazione e della politica della Fed.

Le proiezioni rilasciate alla riunione di settembre della Fed mostravano che la maggioranza dei politici sostenevano un ulteriore aumento dei tassi quest’anno e prevedevano costi di finanziamento più alti per un periodo più lungo. Tuttavia, Powell ha preso le distanze dal dot plot di settembre, affermando che rappresenta solo le opinioni individuali dei funzionari in un particolare momento. “Non è un piano su cui siamo d’accordo, o che metteremo in pratica”, ha detto. “Penso che l’efficacia del dot plot probabilmente decada nel periodo di tre mesi tra un incontro e quello successivo.”

Prima della decisione di mercoledì, i trader vedevano una possibilità su tre di un aumento di 25 punti base entro la fine di gennaio. Le probabilità di un ulteriore aumento sono diminuite dopo la decisione.

ARTICOLI CORRELATI:

La Fed non è preoccupata per i rendimenti al 5%

L’impatto del ciclo di inasprimento della Fed sulle banche

La Fed lascia i tassi invariati e segnala la possibilità di un altro aumento

La Fed aumenta i tassi ai massimi di 22 anni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.