Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 10
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

La tenace resilienza delle obbligazioni, delle materie prime e dell’universo azionario è stata la caratteristica distintiva del panorama del trading della settimana appena conclusa. Mentre Powell ha fatto poco per chiarire le tempistiche dei tagli dei tassi, un proxy per la performance incrociata degli asset – l’exchange traded fund RPAR Risk Parity – ha ottenuto il suo miglior guadagno dell’anno. Un ETF che monitora il credito societario si è dimostrato altrettanto positivo.

La versione equal weighted dell’S&P 500 ha raggiunto un nuovo massimo storico per la prima volta da gennaio 2022. Questo indice elimina i bias dimensionali e quindi diluisce l’influenza delle megacap tecnologiche.

S&P 500 equal weighted massimo storico

Nei due giorni trascorsi a Capitol Hill, Powell non ha dato prova di essere infastidito dall’impennata dei prezzi degli asset, qualcosa che va contro il suo obiettivo di mantenere le condizioni finanziarie sufficientemente restrittive.

Mentre le azioni hanno chiuso venerdì con una nota amara, con l’S&P 500 che ha chiuso la settimana in leggero calo, il ritiro è arrivato dopo che l’indice è salito in 16 delle ultime 18 settimane, una serie di resilienza azionaria che non si vedeva da cinquant’anni.

In generale, la propensione al rischio è elevata. I mercati del credito si stanno comportando come se fosse tornata l’era del denaro facile, con i rendimenti delle obbligazioni spazzatura e le loro controparti investment grade in calo.

Bitcoin ha superato per la prima volta i 70.000 dollari. Le obbligazioni sono aumentate, con il rendimento del decennale che ha chiuso vicino al 4%. Il dollaro ha registrato la serie di perdite più lunga da ottobre. L’oro ha registrato un nuovo massimo storico mentre il petrolio ha chiuso la settimana in ribasso.

Il tasso di disoccupazione USA tocca il massimo degli ultimi 2 anni

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è salito al livello più alto degli ultimi due anni a febbraio (3,9%), anche se le assunzioni sono rimaste in buona salute. Il mese scorso le buste paga non agricole sono aumentate di 275.000 unità dopo una revisione al ribasso di 167.000 unità dei dati relativi ai mesi precedenti. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,1% rispetto a gennaio e del 4,3% rispetto a un anno fa.

non farm payrolls febbraio 2023

Il rapporto illustra un mercato del lavoro in graduale rallentamento, con incrementi occupazionali e salariali più moderati che suggeriscono che l’economia continuerà ad espandersi senza troppi rischi di una riaccelerazione dell’inflazione. Una tale combinazione dà spazio ai politici della Fed per abbassare i tassi di interesse quest’anno.

I dati sulle buste paga e sui salari derivano da un sondaggio condotto tra imprese e altri datori di lavoro, mentre i dati sulla disoccupazione provengono da un sondaggio separato e più ristretto condotto tra le famiglie. Quest’ultima indagine riflette un aumento del numero di lavoratori disoccupati.

Scavando sotto la superficie, i dati hanno mostrato che parte dell’aumento del tasso di disoccupazione era dovuto al fatto che le persone entravano nel mondo del lavoro senza trovare immediatamente un’occupazione.

La Fed non è lontana dalla fiducia necessaria per tagliare i tassi

Testimoniando davanti al Comitato bancario del Senato, il presidente della Fed Jerome Powell ha suggerito che la banca centrale si sta avvicinando alla fiducia necessaria per iniziare a tagliare i tassi di interesse.

“Stiamo aspettando di avere più fiducia che l’inflazione si muova in modo sostenibile al 2%”, ha detto Powell giovedì. “Quando avremo quella fiducia – e non siamo lontani da essa – sarà opportuno iniziare a ridurre il livello di restrizione”.

I politici hanno quindi bisogno di ulteriori prove che l’inflazione si stia dirigendo verso il loro obiettivo prima di agire. Tuttavia, le osservazioni di Powell hanno rafforzato l’idea che una prima mossa potrebbe avvenire nei prossimi mesi.

Dopo aver aumentato il tasso di riferimento di oltre cinque punti percentuali a partire da marzo 2022, la Fed ha mantenuto i tassi di interesse al massimo degli ultimi due decenni da luglio. In un contesto di forte crescita dell’occupazione e dell’aumento dei prezzi di gennaio, i funzionari non hanno alcuna fretta di abbassare i costi di finanziamento dall’attuale intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,5%.

Lagarde segnala un taglio della BCE a giugno

A differenza di Powell, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha dato indizi più precisi sulle prossime mosse di politica monetaria. I politici potrebbero essere nella posizione di abbassare i tassi di interesse a giugno poiché nuove proiezioni mostrano che l’inflazione raggiungerà l’obiettivo del 2% nel 2025.

Intervenendo dopo che i politici hanno lasciato il tasso sui depositi al 4% per la quarta riunione consecutiva, Lagarde ha riconosciuto il netto rallentamento dell’inflazione. Tuttavia, lei e i suoi colleghi non sono sufficientemente fiduciosi al momento per avviare l’allentamento monetario.

“Abbiamo chiaramente bisogno di più prove, di più dettagli”, ha detto ai giornalisti giovedì, evidenziando i prossimi dati sui salari. “Sappiamo che questi dati arriveranno nei prossimi mesi. Ne sapremo qualcosa di più ad aprile, ma ne sapremo molto di più a giugno”.

Le ultime prospettive trimestrali della BCE sono incoraggianti. I funzionari prevedono che l’inflazione si attesterà al 2,3% quest’anno, in calo rispetto al 2,7% di dicembre, al 2% nel 2025 e all’1,9% nel 2026. Nel frattempo si prevede che l’economia si espanderà dello 0,6% nel 2024 rispetto allo 0,8% precedente.

nuove previsioni economia BCE marzo

Le proiezioni aggiornate sull’inflazione hanno sostenuto le aspettative degli investitori secondo cui un primo taglio dei tassi arriverà a giugno. I mercati stanno ora scontando un intero punto percentuale di allentamento nel 2024, mentre gli economisti stimano che ci saranno tre tagli.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 09

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 08

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 07

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 06

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.