Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 14

cosa fa muovere Wall Street Borsa europea settimana 14
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

La scorsa settimana, il mercato ha osservato una pausa nella sua continua ascesa. L’S&P 500 ha concluso con la sua peggior performance settimanale da gennaio, nonostante un ultimo tentativo di recupero venerdì. La contrazione non ha risparmiato nessun indice principale, con le Small Caps e il Dow Jones che hanno registrato le maggiori difficoltà. Quali sono state le cause di questo scivolone? Sorprendentemente, dei solidi dati economici. Anche l’aumento del prezzo del petrolio ha fatto la sua parte. Il Brent ha mantenuto la sua posizione forte sopra i 90 dollari, sostenuto dalle tensioni geopolitiche. Nel frattempo, il dollaro ha chiuso la settimana con un lieve calo, mentre l’oro ha continuato il suo impressionante rally, raggiungendo nuovi massimi storici. Bitcoin, pur avendo registrato un calo, ha trovato un supporto a 65.000 dollari.

Rivalutazione del Mercato Obbligazionario

I dati macroeconomici positivi hanno scatenato una tempesta nel mercato obbligazionario: i rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni hanno raggiunto il massimo in più di quattro mesi, mentre i rendimenti a 2 anni hanno toccato nuovi massimi annuali. Di conseguenza, gli investitori hanno ritardato le previsioni su quando la Federal Reserve potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse. Dopo la pubblicazione del rapporto sull’occupazione di marzo, il mercato ha ridimensionato le aspettative di una riduzione dei tassi prima di settembre. I contratti swap, che anticipano le mosse della banca centrale sui tassi, ora indicano solamente il 52% di probabilità di un taglio dei tassi già a giugno.

probabilità tagli tassi giugno 2024

Ad alimentare ulteriormente l’incertezza sono state le dichiarazioni di figure politiche influenti, inclusi vari membri della Fed. Notabilmente, Neel Kashkari, presidente della Federal Reserve di Minneapolis, ha dichiarato che i tagli ai tassi potrebbero addirittura non essere necessari quest’anno, nonostante non sia votante sulla politica monetaria attuale. Anche Lorie Logan, presidente della Fed di Dallas, ha invitato alla cautela, sottolineando che è troppo presto per considerare riduzioni dei tassi di interesse a fronte di un’inflazione ancora elevata.

I trader ora guardano con attenzione ai prossimi dati sull’inflazione e si preparano per l’inizio della stagione degli utili, con attesa per i risultati di JPMorgan, Wells Fargo e Citigroup questo venerdì.

Economia e Mercato del Lavoro Forti

Sembra che il dibattito sugli “atterraggi” economici, sia duri che morbidi, possa essere archiviato, dato che l’economia americana sta mostrando segni di una ripresa vigorosa. I dati recenti sono inequivocabilmente positivi, evidenziando una resilienza che sorprende gli analisti.

Posti Vacanti e Buste Paga

Un esempio lampante di questa tendenza è l’ultimo rapporto JOLTS (Jobs and Labour Turnover Survey) del Bureau of Labor Statistics, che ha indicato una stabilizzazione dei posti di lavoro vacanti su livelli significativamente superiori rispetto a quelli pre-pandemia. Questo dato suggerisce che, nonostante una leggera diminuzione delle opportunità di lavoro vacanti, il mercato del lavoro rimane estremamente favorevole per chi è in cerca di impiego.

Il mese scorso, le buste paga non agricole hanno visto un incremento di 303.000 unità, superando le aspettative degli economisti e dimostrando la resilienza del mercato del lavoro. Questo aumento è stato ancora più impressionante considerando la revisione al rialzo di 22.000 posti di lavoro per i due mesi precedenti, secondo quanto riferito dal Bureau of Labor Statistics.

Il tasso di disoccupazione è scivolato al 3,8%, un calo che riflette un aumento del numero di persone che entrano nella forza lavoro e trovano impiego. Questo dinamismo si è manifestato in particolare nei settori dell’assistenza sanitaria, dell’edilizia, e del tempo libero e dell’ospitalità, che ora superano i livelli di occupazione pre-pandemia.

buste paga marzo

Settore Manifatturiero

L’attività industriale negli Stati Uniti ha registrato un sorprendente incremento a marzo, il primo dal settembre 2022, segnando un robusto recupero della produzione e una rinnovata forza della domanda, nonostante un aumento nei costi di produzione. L’indice manifatturiero dell’Institute for Supply Management ha visto un aumento di 2,5 punti, raggiungendo 50,3 – un valore che segna appena il passaggio dalla contrazione all’espansione – e interrompendo un periodo di 16 mesi di attività in calo.

La produzione ha mostrato una notevole ripresa, aumentando di 6,2 punti, il maggiore incremento dal 2020, e registrando la crescita più forte dall’estate del 2022. Anche l’indice dei nuovi ordini ha risentito di questa positiva inversione di tendenza, ritornando in territorio espansivo dopo la contrazione di febbraio.

Mercato del Petrolio: tra Geopolitica e OPEC

Le crescenti tensioni in Medio Oriente hanno causato una drammatica rivalutazione dei rischi geopolitici sul mercato del petrolio. Queste tensioni hanno sollevato timori di un potenziale conflitto regionale più ampio, con Israele che intensifica i preparativi per possibili rappresaglie iraniane in seguito a un attacco al complesso diplomatico in Siria.

L’aumento dei prezzi è stato alimentato da un contesto di offerta ristretta e una domanda più forte del previsto. Questo contesto è stato ulteriormente aggravato quando ad inizio settimana l’OPEC+ ha deciso di mantenere i tagli all’offerta per la prima metà dell’anno, con circa 2 milioni di barili al giorno di produzione tagliata.

Gli analisti di mercato sono diventati più rialzisti, prospettando che il Brent potrebbe raggiungere i 100 dollari al barile quest’anno, se le decisioni di taglio della produzione non saranno compensate da altre contromisure.

Le decisioni future dell’OPEC+ e le sue strategie di gestione dell’offerta saranno determinanti per la traiettoria dei prezzi del petrolio nel 2024 e oltre. Con una capacità produttiva inutilizzata in aumento, concentrata principalmente in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, il cartello dovrà bilanciare la ricerca di prezzi più alti con la difesa della propria quota di mercato in un contesto di conflitti armati in aumento e di maggiore produzione dalle Americhe.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 13

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 12

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.