Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 20

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 20
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Quando tutti si inclinano da una parte, non ci vuole molto per convincerli dall’altra. Anche dopo un rally del 17% nell’S&P 500 da ottobre, il sentiment tra i gestori di fondi globali è sceso al livello più basso di quest’anno, secondo un sondaggio di Bank of America. Ma qualunque catastrofe gli investitori abbiano cercato di anticipare, non si è ancora avverata.

pessimismo azioni fondi globali

In rialzo dell’1,7%, l’S&P 500 ha segnato la sua migliore settimana da marzo, raggiungendo il livello più alto in nove mesi. Alla base della forza c’erano segnali che i legislatori americani stavano facendo progressi nei colloqui sul tetto del debito. Ma i negoziati hanno raggiunto un vicolo cieco venerdì, quando il presidente della Camera Kevin McCarthy ha incolpato la Casa Bianca per aver resistito ai tagli alla spesa.

L’abbandono di una riunione a porte chiuse venerdì da parte dei negoziatori repubblicani ostacola le possibilità di una conclusione praticabile prima dell’imminente data-X. Nel frattempo, il rischio sovrano degli Stati Uniti rimane a livelli estremi.

rischio sovrano USA data X

Con le azioni che continuano a salire, i ribassisti sono costretti a sciogliere le loro posizioni. Gli istituti di credito regionali, un gruppo preso di mira dai venditori allo scoperto durante le ultime turbolenze bancarie, sono balzati di quasi l’8% nella settimana.

Mentre una manciata di nomi tecnologici ha trascinato i mercati al rialzo, le azioni della vendita al dettaglio sono state vendute dopo che anche Target, Walmart e FootLocker hanno segnalato che i consumatori potrebbero indebolirsi in modo significativo.

I rendimenti sono esplosi al rialzo, con il segmento a breve termine che ha ampiamente sottoperformato. Il benchmark a due anni ha registrato il suo più grande aumento settimanale da giugno 2022.

Il dollaro si è rafforzato per la seconda settimana consecutiva mentre Bitcoin è rimasto in un range ristretto intorno ai $ 27.000.

Quella appena conclusa è stata la peggiore settimana dell’oro da febbraio. Il rame è rimasto invariato mentre il greggio è riuscito a guadagnare. Il natural gas è salito del 15%, tornando ai massimi di 2 mesi.

In Europa, il Dax ha registrato una chiusura settimanale record. Anche le azioni giapponesi stanno brillando, con i benchmark del paese che hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi 33 anni.

Powell manda un chiaro segnale che è incline a una pausa dei tassi

Il presidente della Federal Reserve ha segnalato di essere incline a sospendere gli aumenti dei tassi di interesse il mese prossimo, assumendo il comando del dibattito politico dopo che diversi funzionari hanno suggerito di essere favorevoli ad ulteriori aumenti.

“Abbiamo fatto molta strada nell’inasprimento delle politiche. Adesso la posizione della politica è restrittiva e stiamo affrontando l’incertezza sugli effetti ritardati del nostro inasprimento e sull’entità della stretta del credito dopo i recenti stress bancari”, ha detto Powell a una conferenza a Washington. “Essendo arrivati ​​fin qui, possiamo permetterci di guardare i dati e le prospettive in evoluzione per fare attente valutazioni”, ha continuato.

Gli investitori hanno ridotto le scommesse su un aumento dei tassi il mese prossimo a circa il 25% dopo i commenti di Powell, rispetto al 33% prima che parlasse.

Le osservazioni di Powell rafforzano una guida simile fornita da altri membri del suo gruppo, tra cui il presidente della Fed di New York John Williams e il governatore Philip Jefferson. Alcuni funzionari, tra cui il governatore Michelle Bowman e il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester, hanno suggerito che la Fed dovrebbe continuare ad alzare i tassi perché non hanno visto prove convincenti che le pressioni sui prezzi si stiano raffreddando abbastanza velocemente.

Ma Powell ha segnalato di non essere in quel campo, citando i venti contrari per l’economia derivanti dal recente crollo di quattro banche regionali statunitensi. “Sebbene gli strumenti di stabilità finanziaria abbiano contribuito a calmare le turbolenze bancarie, gli sviluppi nel settore stanno invece contribuendo a condizioni di credito più restrittive e probabilmente peseranno sulla crescita economica, sulle assunzioni e sull’inflazione”, ha affermato Powell. “Di conseguenza, il nostro tasso ufficiale potrebbe non aver bisogno di aumentare tanto quanto avrebbe dovuto altrimenti. Naturalmente, la portata di ciò è altamente incerta”.

La ripresa economica della Cina perde slancio

La ripresa economica della Cina sta perdendo slancio dopo un’iniziale esplosione dell’attività dei consumatori e delle imprese all’inizio dell’anno. I dati ufficiali hanno mostrato che la produzione industriale, le vendite al dettaglio e gli investimenti fissi sono cresciuti a un ritmo molto più lento del previsto ad aprile. Le cifre sono state deludenti anche se la bassa base di confronto dello scorso anno, quando Shanghai era in lockdown, ha contribuito a far aumentare i dati.

Una delle maggiori preoccupazioni è stata l’impennata del tasso di disoccupazione giovanile al massimo storico del 20,4%, segno che la ripresa post-pandemia non è abbastanza forte da assorbire i milioni di nuovi ingressi nel mercato del lavoro.

disoccupazione giovanile cina

Gli economisti affermano che saranno necessarie ulteriori azioni politiche per mantenere la ripresa, anche se i passi della banca centrale da soli non saranno sufficienti per aumentare la fiducia dei consumatori e delle imprese.

La People’s Bank of China ha lasciato intendere che manterrà una politica di sostegno, spingendo alcuni economisti a prevedere che potrebbe intraprendere azioni più incisive nei prossimi mesi, tra cui l’abbassamento del coefficiente di riserva obbligatoria o il taglio dei tassi di interesse.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 19

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 18

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 17

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 16

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.