L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 18

cosa fa muovere mercati wall street borsa europea settimana 18
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Dopo un focus narrativo dei mass media sul fatto che la crisi bancaria è tutta dovuta ai venditori allo scoperto, venerdì abbiamo visto uno short covering rally in diverse banche regionali. PacWest è salita di oltre l’80%, a seguito di una disfatta che ha visto le sue azioni crollare a un minimo storico. Anche Western Alliance e First Horizon sono balzate. Tuttavia, questi nomi hanno chiuso la settimana in forte calo.

La volatilità si è ripresa in tutte le classi di attività. Il VIX ha registrato l’aumento settimanale più grande da quando sono emersi i problemi bancari a marzo. Una misura del rischio cross-asset tenuta da Bank of America è aumentata per quattro giorni consecutivi fino a giovedì, solo la seconda volta quest’anno. Anche le misure di turbolenza nelle obbligazioni e nel petrolio sono aumentate.

L’S&P 500 ha chiuso i cinque giorni in ribasso dello 0,8%, con l’aumento dell’1,9% di venerdì che ha pareggiato un calo che si attestava al 2,6% il giorno prima. Un paniere di azioni altamente shortate seguite da Goldman Sachs è balzato di oltre il 3% nell’ultimo giorno della settimana. I forti guadagni di Apple hanno contribuito a sollevare lo spazio tecnologico mega-cap.

Il rendimento dei Treasury a due anni ha oscillato di 50 punti base nella settimana, contribuendo a inviare l’indice MOVE della volatilità obbligazionaria al massimo in quasi un mese. Un indicatore di JPMorgan della volatilità globale dei cambi è rimbalzato dal suo minimo annuale, salendo per cinque giorni consecutivi. La volatilità su dieci giorni del petrolio è balzata al livello più alto da ottobre, mentre il greggio è affondato per la terza settimana consecutiva.

Le aspettative del mercato sui tassi della Fed sono crollate dopo che Powell ha lasciato intendere che i rialzi sono finiti. I mercati stanno ora scontando tassi inferiori di 50 punti base rispetto ai livelli attuali entro la fine dell’anno.

aspettative tassi Fed FOMC maggio

La curva dei rendimenti si è notevolmente inclinata durante la settimana e il dollaro è sceso di nuovo.

Bitcoin è rimasto invariato, mentre Ethereum ha notevolmente sovraperformato.

L’oro ha sfiorato una chiusura settimanale record.

La Fed suggerisce una possibile pausa

La Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale e ha lasciato intendere che potrebbe essere stata l’ultima mossa della campagna di inasprimento più aggressiva degli ultimi 40 anni.

Dalla dichiarazione di marzo è stata omessa una riga che affermava che un “ulteriore rafforzamento delle politiche” poteva essere “appropriato”. Invece, il FOMC terrà conto di vari fattori “nel determinare la misura in cui un ulteriore rafforzamento delle politiche potrebbe essere appropriato”.

L’aumento di mercoledì ha portato il tasso di riferimento della Fed a un intervallo compreso tra il 5% e il 5,25%, il livello più alto dal 2007.

Se quel tasso si dimostrerà abbastanza alto da riportare l’inflazione all’obiettivo del 2% della Fed sarà valutato sulla base dei dati in arrivo, ha affermato Powell, aggiungendo in seguito che le prospettive di inflazione dei funzionari della Fed non supportano i tagli dei tassi quest’anno.

Powell ha affermato che le condizioni delle banche sono ampiamente migliorate dall’inizio di marzo, ma che le tensioni nel settore sembrano portare a condizioni di credito ancora più rigide per famiglie e imprese.

E’ probabile che queste condizioni di credito più restrittive pesino sull’attività economica, sulle assunzioni e sull’inflazione. Ma la portata di questi effetti rimane incerta. Powell ha affermato che è possibile che gli Stati Uniti possano sperimentare una lieve recessione.

Il lavoro della BCE non è finito

La Banca centrale europea ha aumentato i tassi di 25 punti base e – a differenza della Fed – ha insistito sul fatto che la mossa non sarà l’ultima. La decisione è stata quasi unanime, con alcuni membri del Consiglio direttivo che erano a favore di un aumento maggiore.

Le decisioni future rimarranno dipendenti dai dati in quanto l’obiettivo è quello di aumentare i tassi a livelli sufficientemente restrittivi per riportare l’inflazione al 2%. Il tasso sui depositi si trova adesso al 3,25%, il livello più alto dal 2008.

Il lavoro della BCE non è del tutto finito. Lagarde ha sottolineato che permangono rischi al rialzo per le prospettive di inflazione. I politici hanno monitorato a lungo la crescita dei salari, ma ora stanno anche osservando più da vicino i margini di profitto delle imprese, che si sono ampliati durante lo shock inflazionistico e potrebbero sostenere le pressioni sui prezzi se un mercato del lavoro resiliente continua a sostenere la domanda. La disoccupazione nella regione dell’euro ha toccato il minimo storico del 6,5% a marzo.

La BCE prevede di interrompere i reinvestimenti nell’ambito del suo programma di acquisto di attività (APP) a partire da luglio. Finora, la riduzione della sua scorta di obbligazioni di circa 5 trilioni di euro non ha causato rotture nei mercati finanziari. Per quanto riguarda il PEPP, il Consiglio Direttivo intende reinvestire i pagamenti di capitale dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito del programma almeno fino alla fine del 2024.

Poiché le banche stanno rimborsando gli importi presi in prestito nell’ambito delle operazioni mirate di rifinanziamento a lungo termine, il Consiglio direttivo valuterà regolarmente in che modo le operazioni di prestito contribuiscono al suo orientamento di politica monetaria.

Il mercato del lavoro rimane resiliente

Le assunzioni e gli aumenti salariali dei lavoratori negli Stati Uniti hanno subito un’accelerazione ad aprile, mostrando segni di resilienza del mercato del lavoro. Le buste paga non agricole sono aumentate di 253.000. Il tasso di disoccupazione è sceso al minimo del 3,4%.

non farm payrolls aprile 2023

La crescita dell’occupazione è stata ampia, riflettendo i guadagni nell’assistenza sanitaria, nei servizi professionali e alle imprese, nonché nel tempo libero e nell’ospitalità. Tuttavia, i numeri delle buste paga dei due mesi precedenti sono stati rivisti al ribasso di un totale di 149.000.

Parte di ciò che la Fed vorrebbe vedere è un ulteriore allentamento degli aumenti salariali. Ciò non si è visto nell’ultimo rapporto. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,5% ad aprile – il massimo in circa un anno – e del 4,4% rispetto all’anno scorso.

Il mercato del lavoro, tuttavia, si sta equilibrando. I posti di lavoro vacanti del JOLTS report sono diminuiti di oltre 2 milioni dal picco dell’anno scorso e si trovano al minimo in quasi due anni.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 17

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 16

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 15

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 14

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.