Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 14

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 14
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

La settimana accorciata dalle vacanze ha visto una sfilza di dati sul mercato del lavoro, l’ultimo dei quali sembra sostenere una politica monetaria hawkish. L’indice S&P 500 è salito dopo il rapporto occupazionale ma ha concluso la settimana in perdita, mentre il rendimento a due anni è balzato di 15 punti base al 4,02%. Le buste paga non agricole statunitensi sono aumentate di 236.000 unità a marzo e il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5%.

Gli swap sugli indici overnight hanno mostrato che le probabilità di un aumento dei tassi di un quarto di punto percentuale alla riunione di maggio della Fed sono salite a circa due su tre, da circa 50-50 prima che i dati arrivassero. Gli investitori hanno scontato in modo aggressivo i tagli dei tassi entro la fine dell’anno.

La reazione istintiva del dollaro ai NFP è stata quella di salire più in alto. Il biglietto verde ha in seguito recuperato tutti i guadagni. L’oro ha chiuso sopra i 2.000 $ mentre Bitcoin è cambiato di poco.

Il petrolio ha chiuso in rialzo dopo che a inizio settimana l’OPEC ha deciso di procedere con un taglio alla produzione.

Oltre la superficie del rapporto occupazionale

I datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto 236.000 posti di lavoro a marzo, supportando l’argomentazione secondo cui la Fed dovrebbe portare i tassi più in alto e rimanere a quei livelli per un po’ di tempo. Ma guardando più da vicino, il rapporto suggerisce che le prospettive del mercato del lavoro si stanno già attenuando.

buste paga marzo usa

I numeri headline che ricevono tutta l’attenzione sono fortemente influenzati al rialzo dalla ben nota carenza di lavoratori in un paio di categorie: l’istruzione privata e servizi sanitari, che hanno aggiunto 65.000 lavoratori e il tempo libero e ospitalità, che ha aggiunto 72.000. Insieme, queste categorie hanno rappresentato il 70% dell’aumento delle buste paga. Se si tolgono dal quadro anche le assunzioni governative, rimane un aumento netto di appena 52.000, che è inferiore alla media pre-pandemia di 97.000.

Ci sono stati segnali di raffreddamento anche nei salari, che su base annuale sono aumentati al ritmo più lento da giugno 2021. La retribuzione oraria media su base mensile è aumentata a un ritmo confortevole dello 0,3%. I funzionari della Fed hanno prestato particolare attenzione a questa metrica poiché i forti guadagni salariali hanno dato agli americani la possibilità di continuare a spendere, esercitando una pressione al rialzo sui prezzi.

JOLTS report e sussidi di disoccupazione

Prima dell’uscita dei Non-Farm Payrolls, altri dati hanno puntato verso la normalizzazione del mercato del lavoro. Il JOLTS report ha mostrato che i posti vacanti negli Stati Uniti sono scesi a febbraio al minimo da maggio 2021, suggerendo un raffreddamento della domanda di lavoro in alcuni settori.

Il numero di posizioni disponibili è sceso a 9,9 milioni rispetto ai 10,6 milioni rivisti al ribasso del mese precedente, suggerendo che l’offerta e la domanda di lavoro si stanno muovendo verso un migliore equilibrio. Tuttavia, sono necessari ulteriori progressi, in particolare nel settore dei servizi, per contribuire ad alleviare le pressioni salariali.

Le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana hanno segnalato che il mercato del lavoro rimane ancora relativamente forte, anche se le revisioni dei dati indicano alcuni segnali di indebolimento.

Le richieste iniziali di disoccupazione sono state 228.000 nella settimana terminata il 1° aprile. Per la settimana precedente, il governo ha rivisto i numeri da 48.000 a 246.000, probabilmente spiegando perché l’ultima lettura ha superato quasi tutte le stime degli economisti.

I nuovi aggiustamenti stagionali del Dipartimento del Lavoro hanno aumentato le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione da inizio anno.

aggiustamenti stagionali richieste sussidi disoccupazione usa

Anche con gli adeguamenti, le domande di disoccupazione sono ancora relativamente basse e indicative di una forte domanda di lavoratori.

I tagli dell’OPEC+

Il mercato del petrolio ha recentemente subito un’ondata di incertezza a seguito dell’annuncio dell’OPEC+ di tagliare la produzione di oltre 1,1 milioni di barili al giorno. L’annuncio dell’OPEC+ si aggiunge ai tagli di produzione già dichiarati dalla Russia, portando il totale a circa 1,6 milioni di barili al giorno.

I tagli hanno fatto riacceso le discussioni sulle pressioni inflazionistiche, con alcuni analisti che parlano di un prezzo del petrolio al di sopra dei 100 $. Tuttavia, i mercati non sembrano così preoccupati per uno shock inflazionistico. Il prezzo del petrolio è salito “solo” del 6% dopo la notizia, un rimbalzo che visto nel contesto non è particolarmente degno di nota.

petrolio reazione tagli opec

Allo stesso tempo, la notizia dei tagli è stata accolta da un calo di 2,2 punti base del breakeven a 10 anni, che ora si attesta al 2,30%, un livello che implica che l’OPEC+ non ha scosso il mercato dalla convinzione che l’inflazione sia sotto controllo.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 13

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 12

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.