I “Magnifici Sette” del Mercato Azionario: le Lezioni del Passato

Nel contesto degli investimenti, ci sono gruppi selezionati di aziende, con prospettive apparentemente garantite, che ciclicamente attirano l’attenzione del mercato. Storicamente, abbiamo visto come queste “mode” di investimento abbiano suscitato grandi aspettative, seguite spesso da risultati meno brillanti di quelli previsti. Un esempio famoso è

Scopri

Guida agli Investimenti in ETF per Investitori Italiani

Un Exchange Traded Fund (ETF) è un fondo d’investimento negoziato in borsa che replica l’andamento di un indice di riferimento, come l’S&P 500 o il FTSE MIB. A differenza dei fondi comuni di investimento tradizionali, gli ETF possono essere comprati e venduti come le azioni

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 12

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

A livello macro, i dati PMI sono stati la ciliegina sulla torta di un’economia “forte”, spingendo l’indice Macro Surprise degli Stati Uniti al massimo da aprile 2022, mentre il tasso della Fed è stato portato a nuovi massimi del ciclo.

INDICE MACRO SURPRISE USA

Una ripresa dei titoli bancari venerdì ha stimolato un rimbalzo delle azioni, che hanno guadagnato anche tra le rassicurazioni delle autorità sulla stabilità finanziaria e la speculazione secondo cui la Fed dovrà invertire la sua rotta.

L’S&P 500 ha segnato la sua seconda settimana consecutiva di guadagni. Un indicatore dei pesi massimi finanziari è salito dopo aver raggiunto il livello più basso da novembre 2020. I prestatori regionali hanno guidato la ripresa, con Citizens Financial Group Inc. e Zions Bancorporation che hanno aggiunto almeno il 2,9%. La First Republic Bank è crollata ancora una volta, estendendo il sell-off di quest’anno al 90%.

Le autorità globali hanno cercato di infondere calma nei mercati finanziari dopo il recente fallimento di alcuni prestatori regionali statunitensi e il crollo del gigante Credit Suisse Group AG.

Il settore bancario europeo è salito sulle montagne russe, riprendendosi dai minimi dopo il salvataggio di Credit Suisse per poi invertire la tendenza verso la fine della settimana. Alla chiusura, i titoli bancari dell’UE erano solo leggermente inferiori.

Mentre l’indice del credito bancario europeo senior sembrava a posto, i credit default swap a un anno di Deutsche Bank, una classica misura del rischio di controparte, sono letteralmente esplosi.

credit default swaps Deutsche Bank

Le mosse hanno spinto il cancelliere tedesco Olaf Scholz a sostenere pubblicamente l’istituto di credito, definendolo una “banca molto redditizia”. Nonostante la carneficina nelle banche della regione, gli indici azionari europei hanno chiuso la settimana in positivo.

E’ stata un’altra settimana volatile per il mercato obbligazionario statunitense. Il rendimento a 2 anni è crollato al minimo in quasi 7 mesi, al di sotto del 4%. Adesso il biennale è di oltre 120 punti base al di sotto del tasso benchmark della Fed.

Il dollaro ha cancellato il crollo post-Powell, chiudendo comunque in ribasso per la terza settimana delle ultime quattro. Le criptovalute sono state leggermente più alte.

L’oro ha chiuso sostanzialmente invariato, superando i 2000 $ due volte nel corso della settimana. Il petrolio, invece, non è riuscito a tenere i 70 $.

La Fed decide di dare priorità all’inflazione

Il FOMC ha votato all’unanimità per aumentare di 25 punti base il tasso di riferimento a un intervallo compreso tra il 4,75% e il 5%, il più alto da settembre 2007. Powell ha chiarito che l’inflazione rimane la principale preoccupazione dei politici e ha indicato che potrebbero arrivare altri aumenti.

La Fed ha affermato che continuerà allo stesso ritmo la riduzione del proprio bilancio, sebbene le recenti misure di emergenza per ristabilire la fiducia nel sistema bancario abbiano nuovamente gonfiato le sue attività.

Degno di nota è stato il cambiamento del linguaggio nella dichiarazione: la Fed è passata dal ritenere appropriati “aumenti continui” del tasso di riferimento al prevede che “un ulteriore rafforzamento della politica” potrebbe essere appropriato al fine di raggiungere una posizione sufficientemente restrittiva.

A questa riunione, i responsabili politici hanno preso in considerazione una pausa della loro campagna di aumento dei tassi, alla luce delle turbolenze bancarie. Tuttavia, il consenso per un aumento è stato forte poiché i dati recenti hanno mostrato pressioni inflazionistiche ancora elevate.

I responsabili politici hanno previsto che i tassi chiuderanno il 2023 a circa il 5,1%, invariati rispetto alla stima mediana di dicembre. La proiezione mediana per il 2024 è salita al 4,3% dal 4,1%.

proiezioni tassi Fed 2023

Powell ha affermato che la Fed è pronta a “utilizzare tutti i suoi strumenti” per mantenere la sicurezza, la solidità e l’efficienza del sistema bancario dopo le turbolenze di questo mese.

Secondo Powell, le debolezze della Silicon Valley Bank non sono presenti nel sistema bancario in generale e l’istituto di credito rappresenta un valore anomalo sia in termini di percentuale di depositi non assicurati che di partecipazione al rischio di duration.

Il presidente ha comunque riconosciuto che le recenti turbolenze bancarie probabilmente si tradurranno in condizioni di credito più rigide per famiglie e imprese, il che a sua volta potrebbe influenzare i risultati economici.

I mercati sfidano la Fed

I trader hanno abbandonato le scommesse secondo cui la Fed aumenterà i tassi di interesse a maggio. Si aspettano che la Fed taglierà i tassi a giugno, anche se Powell ha affermato che i tagli non sono il suo “caso base”.

Il mercato è decisamente più accomodante rispetto al dot plot della Fed per quanto riguarda la posizione dei tassi a fine anno, con ben 150 punti base di differenza. Il mercato sta chiaramente proiettando un peggioramento della crisi finanziaria e/o una recessione con atterraggio duro.

differenza tassi fed tassi mercato

Facendo eco alla determinazione di Powell di ripristinare la stabilità dei prezzi, tre funzionari della Fed hanno affermato che l’inasprimento di questa settimana era chiaramente necessario per frenare un’economia che si sta surriscaldando. Il presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, ha anche affermato di prevedere un tasso terminale al 5,625% quest’anno, ovvero 50 punti base in più rispetto alla proiezione mediana dei suoi colleghi.

La settimana delle banche centrali

La Fed non è stata l’unica banca centrale a dare la priorità all’inflazione, mettendo in secondo piano le turbolenze bancarie. Solo quattro giorni dopo aver presieduto il matrimonio tra le due più grandi banche del paese, la Banca nazionale svizzera ha alzato i tassi di interesse di 50 punti base e ha segnalato che ne sarebbero seguiti altri.

Qualche ora dopo, la Bank of England è andata avanti con un altro rialzo dei tassi d’interesse, aumentando di un quarto di punto al 4,25%, il livello più alto dal 2008.

C’è stata anche la Norges Bank, che ha aumentato il suo tasso d’interesse di riferimento di 25 punti base al livello più alto dal 2009 e ha trasmesso un messaggio risoluto di ulteriore inasprimento.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 11

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 10

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 9

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 8

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.