Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 8

cosa fa muovere Wall Street Borsa Europea
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Durante il mese di gennaio erano aumentate le prove che l’inflazione stesse effettivamente diminuendo negli Stati Uniti, aprendo la strada per un atterraggio morbido dell’economia e forse anche una riaccelerazione dell’attività con una spinta dall’Europa e dalla Cina. Ma due rapporti a febbraio hanno messo in discussione quella narrativa.

Un’altra settimana di dati economici più caldi del previsto ha fatto salire le aspettative sul tasso terminale ai massimi del ciclo, mentre le aspettative per eventuali tagli dei tassi imminenti sono svanite.

Il mercato sta scontando una probabilità del 100% di un aumento di 25 punti base alla riunione del FOMC di marzo e del 21% di un aumento di 50 punti base. Sono aumentate anche le aspettative sugli aumenti dei tassi per maggio, giugno e luglio.

E mentre avevamo già visto le obbligazioni, il dollaro e l’oro invertire le loro tendenze da gennaio, non è stato fino a questa settimana che abbiamo visto le azioni iniziare effettivamente a scontare una realtà più aggressiva.

Tutti gli indici statunitensi hanno chiuso in rosso la settimana accorciata dalle festività. Il Dow Jones ha avuto la sua peggiore settimana da settembre, in calo di circa il 3%. L’S&P 500 ha chiuso al di sotto della sua media a 50 periodi, mentre il Nasdaq ha trovato supporto sulla media a 200.

Anche gli indici europei sono andati in rosso. Il Dax ha perso il 3,1% e il FTSE MIB il 2,7%.

I rendimenti dei Treasury sono stati più alti su tutta la curva, con il segmento a breve termine sottoperformante.

Il dollaro è salito, cancellando tutte le perdite dal crollo delle buste paga di gennaio.

Bitcoin ha combattuto di nuovo intorno ai 23.000 $, ma ha chiuso la sua settimana peggiore da novembre.

L’oro è sceso per la quinta settimana consecutiva, ma è rimasto sopra i 1800 $.

I prezzi del petrolio sono rimasti pressoché invariati.

L’indicatore di inflazione preferito dalla Fed accelera

La lettura dell’inflazione PCE superiore alle attese ha confermato ciò che abbiamo visto nel rapporto sull’inflazione dei prezzi alla produzione della scorsa settimana, ovvero che i prezzi continuano a salire e che il tasso di aumento potrebbe non diminuire così rapidamente come previsto in precedenza.

L’indice dei prezzi della spesa per consumi personali è aumentato del 5,4% rispetto all’anno precedente e la metrica core è aumentata del 4,7%, entrambi segnando riprese dopo diversi mesi di calo. La spesa al consumo, corretta per i prezzi, è aumentata dell’1,1% rispetto al mese precedente, il massimo in quasi due anni.

inflazione PCE Stati Uniti accelera

Su base mensile l’indice PCE è aumentato dello 0,6%, il massimo da giugno. Escludendo cibo ed energia, anche l’indice core PCE è salito dello 0,6%. Entrambe le letture hanno superato le aspettative.

Gran parte dell’allentamento celebrato alla fine dello scorso anno è stato in gran parte cancellato dopo le revisioni e l’accelerazione di gennaio. Inoltre, la resilienza della spesa dei consumatori unita all’eccezionale forza del mercato del lavoro renderà più difficile per la Fed portare l’inflazione al suo obiettivo del 2%.

La Fed vuole vedere una disinflazione su vasta scala

I verbali della riunione della Fed di febbraio hanno mostrato che i funzionari politici continuano a prevedere ulteriori aumenti degli oneri finanziari, anche se quasi tutti hanno sostenuto un rallentamento del ritmo degli aumenti.

Quasi tutti i funzionari hanno concordato sull’opportunità di aumentare i tassi di interesse di 25 punti base durante la riunione. Solo in pochi erano favorevoli a un aumento di 50 punti base. I partecipanti alla riunione hanno generalmente notato che i rischi al rialzo per le prospettive di inflazione sono rimasti un fattore chiave nel plasmare le prospettive politiche. Livelli restrittivi dei tassi saranno mantenuti fino a quando l’inflazione non sarà chiaramente su un percorso verso il target del 2%.

I funzionari hanno notato che i dati sull’inflazione ricevuti negli ultimi tre mesi hanno mostrato una gradita riduzione del ritmo mensile degli aumenti dei prezzi, ma hanno sottolineato che sono necessari ulteriori progressi. In particolare, i responsabili politici stanno monitorando l’inflazione dei servizi esclusi gli alloggi, una categoria che rappresenta più della metà dell’indice core PCE. Finché il mercato del lavoro rimarrà caldo e la crescita salariale superiore al 2%, probabilmente le pressioni al rialzo su questa categoria continueranno.

I membri del FOMC hanno sottolineato quanto sia importante che le condizioni finanziarie complessive rimangano coerenti con il grado di restrizione politica messa in atto per portare l’inflazione all’obiettivo del 2%. Diversi partecipanti hanno osservato che alcune misure delle condizioni finanziarie si sono allentate negli ultimi mesi.

Ueda sostiene la politica accomodante della BOJ

Il candidato governatore della Bank of Japan, Kazuo Ueda, ha messo in guardia contro qualsiasi soluzione magica per produrre un’inflazione stabile e normalizzare la politica, attenendosi al copione esistente della banca centrale nella prima udienza parlamentare per approvare la sua nomina.

Durante una sessione durata quasi tre ore, Ueda ha affermato che la BOJ dovrebbe mantenere la sua politica accomodante per il momento, segnalando la necessità di considerare la normalizzazione se le prospettive per i prezzi migliorassero nettamente. Ha aggiunto che ci vorrà ancora del tempo per raggiungere un’inflazione stabile e sostenuta dalla crescita dei salari.

Ueda ha precedentemente indicato che il quadro politico non è adatto a piccole modifiche, una visione che ha alimentato la speculazione secondo cui un potenziale cambiamento potrebbe portare all’abbandono totale del controllo della curva dei rendimenti.

Il potenziale nuovo governatore della BOJ ha inoltre indicato che non serviva alcuna modifica all’accordo del 2013 con il governo. L’accordo storico impegna la BOJ a raggiungere un’inflazione stabile al 2% ed è visto come una pietra angolare della strategia di crescita dell’Abenomics dell’ex primo ministro Shinzo Abe.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 7

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 6

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 5

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.