Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 9

cosa fa muovere wall sreet borsa europea settimana 9
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi hanno chiuso la settimana in rialzo, spinte dalla speculazione secondo cui la Federal Reserve non alzerà i tassi di interesse oltre i livelli di picco già prezzati. Il rally dell’S&P 500 di venerdì ha aiutato a spezzare una serie di sconfitte lunga tre settimane. Il Nasdaq ha chiuso la settimana in rialzo di oltre il 2,5% mentre il Dow Jones ha concluso una serie di perdite di 4 settimane. Anche in Europa gli indici sono stati positivi.

Gli investitori si sono rincuorati dopo che Raphael Bostic della Fed di Atlanta ha detto giovedì che la banca centrale potrebbe sospendere i suoi aumenti dei tassi quest’estate. I trader hanno interpretato i suoi commenti come accomodanti, anche se Bostic ed i suoi colleghi hanno affermato che le decisioni continueranno a dipendere dai dati.

La propensione al rischio ha ricevuto un impulso anche dai dati di fabbrica cinesi oltre le previsioni. Il petrolio ha guadagnato per quarto giorni consecutivi, con la fiducia nel robusto rimbalzo della Cina a sostegno dei prezzi.

I rendimenti obbligazionari sono aumentati durante la settimana, anche se i titoli del Tesoro hanno registrato un rally venerdì, con il rendimento a 10 anni che ha chiuso intorno al 3,96%. Un benchmark del dollaro ha avuto la sua settimana peggiore da metà gennaio, terminando quattro settimane consecutive di guadagni.

Bitcoin ha avuto un trend laterale tra i 23.000 $ e i 24.000 $ per la maggior parte della settimana, ma alla fine è tornato sui 22.000 $ rompendo la media a 50 periodi. L’oro è salito di oltre il 2%, superando i 1850 $.

Il rapporto semestrale di politica monetaria della Fed

Nel suo rapporto semestrale per il Congresso, la Federal Reserve ha dichiarato che saranno necessari ulteriori aumenti dei tassi di interesse per raggiungere una posizione politica sufficientemente restrittiva.

Il rapporto della Fed, che fornisce ai legislatori un aggiornamento sugli sviluppi economici e finanziari e sulla politica monetaria, è stato pubblicato sul sito web della banca centrale prima della testimonianza del presidente Jerome Powell davanti alla commissione bancaria del Senato questo martedì e alla commissione per i servizi finanziari della Camera il giorno dopo.

Il rapporto includeva diversi studi che evidenziavano argomenti speciali, tra cui una spiegazione del motivo per cui la ripresa della forza lavoro è stata così lenta. “Più della metà della carenza di forza lavoro riflette un tasso di partecipazione inferiore a causa di un’ondata di pensionamenti oltre quanto ci si sarebbe aspettato date le tendenze demografiche“, osserva il rapporto. “Il restante deficit è attribuibile al rallentamento della crescita della popolazione, che a sua volta riflette sia la maggiore mortalità dovuta principalmente al Covid sia i minori tassi di immigrazione nei primi due anni della pandemia”.

Il rapporto ha anche elencato una serie di linee guida di politica monetaria, come quella sviluppata da John Taylor della Stanford University, a dimostrazione del fatto che gli aumenti dei tassi sono rimasti indietro rispetto ai benchmark popolari per la politica.

Sullo sfondo di prospettive economiche più deboli, tassi di interesse più elevati e maggiore incertezza nella seconda metà dell’anno, il rapporto ha affermato che le vulnerabilità finanziarie rimangono complessivamente moderate. “Le pressioni di valutazione nei mercati azionari sono aumentate leggermente e i prezzi degli immobili hanno continuato a essere elevati rispetto ai fondamentali, come gli affitti, nonostante un marcato rallentamento degli aumenti dei prezzi”.

L’Europa ha un problema di inflazione più grosso degli USA

L’inflazione dell’Eurozona è scesa all’8,5% a febbraio da un picco del 10,6% a ottobre, ma la misura core, che esclude cibo ed energia, è aumentata a un record del 5,6%.

inflazione core Eurozona record

Gli indici dei prezzi al consumo francesi e spagnoli superiori alle attese, con il primo che ha raggiunto il massimo in 40 anni, hanno presagito i dati dell’intero blocco. Anche l’inflazione tedesca è uscita più alta del previsto questa settimana.

Tutto ciò sta avendo un effetto sulle aspettative dei mercati. All’alba del 2022, i breakeven nel mercato obbligazionario – la previsione implicita dell’inflazione derivata dalla differenza tra i rendimenti obbligazionari di riferimento e quelli indicizzati all’inflazione – suggerivano che le grandi economie europee avevano ancora poco di cui preoccuparsi.

Adesso i tassi di pareggio francesi si stanno avvicinando al 3%, mentre quelli della Germania superano quelli degli Stati Uniti. La lunga crisi deflazionistica europea, che ha visto anni di tassi di interesse negativi, è definitivamente finita. O almeno questo è ciò che pensa il mercato obbligazionario.

Alla riunione della Banca Centrale Europea del 16 marzo è previsto il terzo aumento consecutivo di mezzo punto percentuale. Sono scontati due successivi aumenti della stessa entità a maggio e giugno. Ciò significherebbe 450 punti base di inasprimento in meno di un anno, praticamente al passo con il ritmo della Federal Reserve, nonostante l’economia dell’Eurozona non sia neanche lontanamente forte.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 8

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 7

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 6

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 5

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.