L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 21

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 21
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi sono aumentate dopo che i dati hanno mostrato che i consumatori americani hanno moderato le loro aspettative di inflazione, rafforzando il sentiment riguardo alle prospettive di tagli dei tassi della Federal Reserve quest’anno.

L’S&P 500 ha riconquistato la soglia dei 5.300, cancellando le perdite della settimana. Il Nasdaq 100 ha toccato un nuovo massimo storico, guidato dai guadagni di Nvidia, la stella della settimana. Le azioni crypto sono salite mentre la Securities and Exchange Commission ha aperto la strada al lancio finale dei primi ETF che investono direttamente in Ethereum.

I rendimenti del decennale statunitense sono aumentati al 4,46%, con il mercato obbligazionario che ha chiuso anticipatamente prima della festività del Memorial Day. Il dollaro ha interrotto una corsa vincente durata quattro giorni. Lo yen ha oscillato mentre il principale funzionario valutario giapponese ribadiva la sua posizione sull’adozione di misure contro movimenti eccessivi. Il petrolio e l’oro sono scesi. Bitcoin ha registrato una seconda settimana di rialzi, toccando i 69.000 dollari.

Gli ETF Spot su Ethereum sono quasi realtà

Siamo davvero vicini a vedere i primi ETF statunitensi che investono direttamente in Ethereum. La SEC ha recentemente approvato una proposta di Cboe Global Markets Inc., Nasdaq e NYSE per quotare questi prodotti. Anche se i gestori dei fondi necessitano ancora di un’approvazione separata, questo passo segna un avanzamento significativo.

La grande domanda ora è: gli ETF su Ethereum riusciranno a generare lo stesso entusiasmo dei loro predecessori su Bitcoin?

Da gennaio, gli ETF spot su Bitcoin hanno accumulato asset per 57 miliardi di dollari. Non sono solo i trader retail ad aver mostrato interesse, ma anche hedge fund, fondi pensione e banche. L’arrivo degli ETF su Bitcoin è stato rivoluzionario perché detenevano realmente Bitcoin, a differenza dei prodotti basati su futures. Lo stesso dovrebbe valere per gli ETF spot su Ethereum. Tuttavia, ci sono dubbi sul fatto che questi ultimi possano attirare lo stesso volume di afflussi.

Nel frattempo, il mercato ha reagito positivamente. Il prezzo di Ethereum è aumentato di oltre il 20%, segnando la migliore performance settimanale dal 2021. Gli exchange hanno registrato un afflusso netto di 62.000 ETH (231 milioni di dollari), con un picco negli acquisti giornalieri da parte dei detentori a lungo termine.

flussi ETH arrivo ETF Spot

Se Bitcoin sta cercando di proporsi come una riserva di valore digitale, Ethereum si propone come il punto di riferimento per la creazione di applicazioni decentralizzate.

Nvidia in Volo dopo gli Utili

Le azioni di Nvidia, il produttore di chip al centro del boom dell’intelligenza artificiale, sono schizzate del 15% la scorsa settimana dopo che le previsioni di vendita hanno confermato il forte interesse per il settore. La società ha annunciato che i ricavi del secondo trimestre saranno di circa 28 miliardi di dollari, superando i 26,8 miliardi previsti dagli analisti. Anche i risultati del primo trimestre hanno battuto le previsioni, grazie alla crescita della divisione data-center.

Nvidia ha anche annunciato uno split azionario 10-1 e ha aumentato il dividendo trimestrale del 150% a 10 centesimi per azione. Il rally di Nvidia ha influenzato positivamente anche altre aziende legate all’AI, come Super Micro Computer Inc. e Dell Technologies Inc.

Le prospettive ottimistiche rafforzano la posizione di Nvidia come principale beneficiario delle spese per l’intelligenza artificiale. I suoi acceleratori AI, chip che aiutano i data center a sviluppare chatbot e altri strumenti avanzati, sono diventati molto richiesti negli ultimi due anni, facendo schizzare le vendite e la valutazione di mercato di Nvidia a 2,6 bilioni di dollari.

capitalizzazione mercato Nvidia utili primo trimestre 2024

Nel primo trimestre fiscale, i ricavi di Nvidia sono più che triplicati a 26 miliardi di dollari. Escludendo alcuni elementi, il profitto è stato di 6,12 dollari per azione, superando le previsioni degli analisti di 24,7 miliardi di dollari di vendite e 5,65 dollari di utili per azione.

Il CEO Jensen Huang ha descritto questa fase come l’inizio di una nuova rivoluzione industriale, sottolineando l’importanza del ruolo di Nvidia nel panorama AI. L’azienda, fondata nel 1993 come fornitore di schede grafiche per i videogiochi, ha saputo anticipare le potenzialità dei suoi chip nello sviluppo di software AI, aprendo così un nuovo mercato.

L’uscita del chatbot ChatGPT di OpenAI nel 2022 ha scatenato una corsa tra le grandi aziende tecnologiche per costruire la propria infrastruttura AI, rendendo gli acceleratori H100 di Nvidia un prodotto indispensabile. Attualmente, gran parte di questi nuovi ricavi proviene da un ristretto gruppo di clienti, tra cui Amazon, Meta Platforms, Microsoft e Google, che rappresentano circa il 40% delle vendite.

Nvidia fatturato record

Nvidia sta cercando di diversificare il proprio business producendo computer completi, software e servizi per aiutare più aziende e agenzie governative a implementare i propri sistemi AI. La divisione data-center di Nvidia, ora la sua principale fonte di ricavi, ha generato 22,6 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre, mentre i chip per il gaming hanno contribuito con 2,6 miliardi di dollari.

L’azienda ha sottolineato l’intenzione di espandere il proprio mercato oltre i fornitori di servizi cloud, noti come hyperscalers. Huang ha dichiarato che l’AI si sta spostando verso le aziende di internet per i consumatori, le case automobilistiche, la biotecnologia e i clienti del settore sanitario. Anche i paesi stanno sviluppando i propri sistemi, un trend noto come AI sovrana.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 20

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 19

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 18

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 17

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.