Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 18

cosa fa muove Wall Street Borsa Europea settimana 18
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Dopo una fase di ritiro dagli asset rischiosi motivata dai timori inflazionistici, gli investitori pessimisti hanno subito una battuta d’arresto: l’S&P 500 e i titoli del Tesoro USA hanno registrato il loro primo guadagno settimanale congiunto in quattro settimane.

Questo rialzo è stato stimolato dalle dichiarazioni incoraggianti del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, e dai dati più deboli del previsto sull’occupazione. Tuttavia, i dati economici contrastanti stanno incrementando i costi per gli investitori che cercano di prevedere le future mosse della Fed in materia di tassi di interesse, una decisione che sembra sempre più dipendere dai nuovi dati economici. Ma quali dati esattamente?

Martedì scorso, un indice che misura il costo generale del lavoro negli Stati Uniti ha segnato il maggiore incremento in un anno. Solo tre giorni dopo, un report del Dipartimento del Lavoro ha evidenziato il più piccolo aumento dei salari dal 2021. Le richieste di disoccupazione, per contro, sono rimaste stabili. Le vendite al dettaglio sono in crescita, anche se il prodotto interno lordo mostra segni di rallentamento. La produzione industriale sta vivendo un’espansione, anche se il settore manifatturiero sta rallentando.

Per i trader che credono che ogni singolo dato possa influenzare il processo decisionale della Fed, questa situazione rappresenta una vera e propria fonte di confusione. Di conseguenza, la volatilità del mercato è aumentata. Almeno nel breve termine, i rialzisti sembrano avere la meglio.

Recap Mercati

L’S&P 500 è cresciuto dello 0,6%, mentre l’indice Bloomberg che traccia i titoli del Tesoro USA ha mostrato un incremento, ponendo fine a una sequenza di perdite che durava da quattro settimane. Nel frattempo, durante la settimana, il dollaro ha subito il peggior declino da marzo, mentre i prezzi dell’oro sono calati per la seconda settimana consecutiva. Bitcoin, nonostante un rimbalzo il venerdì, ha perso valore, scendendo fino a 62.000 dollari. I prezzi del petrolio hanno mantenuto una tendenza negativa per l’intera settimana, raggiungendo i minimi di quasi due mesi.

Il Mercato del Lavoro USA Mostra Segni di Raffreddamento

Aprile ha portato una ventata di sorprese nel mercato del lavoro statunitense, suggerendo che il vento possa essere in procinto di cambiare direzione. Le assunzioni hanno rallentato notevolmente, con un aumento delle buste paga non agricole di soli 175.000 posti. Inoltre, il tasso di disoccupazione è aumentato al 3,9%.

NFP aprile 2024

Nonostante il rallentamento delle assunzioni e la moderazione della crescita salariale – con l’aumento dello 0,2% da marzo e del 3,9% su base annua, il ritmo più lento dal giugno 2021 – la situazione è lontana dall’essere chiara. Questo rallentamento non indica una nuova tendenza. E’ importante non trarre conclusioni affrettate basandosi su un singolo mese di dati.

In un mondo economico dove ogni dato conta, l’equilibrio tra crescita, inflazione e politica monetaria non è mai stato così delicato. E in questo scenario, il mercato del lavoro americano rimane sotto i riflettori, con tutti gli occhi puntati su quali saranno le prossime mosse della Fed. Al momento, gli operatori di swap prevedono un allentamento della politica monetaria di circa 50 punti base quest’anno, il che equivarrebbe a due tagli dei tassi.

tagli tassi 2024

FOMC: Nessuna Indicazione di Tagli Imminenti

La Fed ha mantenuto un approccio cauto, segnalando nuove preoccupazioni sull’inflazione e indicando che i tassi di interesse potrebbero rimanere elevati per un periodo prolungato, anziché subire ulteriori aumenti.

Durante la riunione di mercoledì scorso, i funzionari hanno unanimemente deciso di lasciare l’intervallo obiettivo per il tasso fed funds tra il 5,25% e il 5,5%, livello stabilito da luglio. Questa decisione si basa su una serie di dati che mostrano pressioni inflazionistiche persistenti, sottolineando la necessità di ulteriori prove di un raffreddamento degli aumenti dei prezzi prima di considerare qualsiasi riduzione dei tassi.

Powell ha notato che l’inflazione continua a superare le aspettative e che la fiducia necessaria per ridurre i tassi potrebbe richiedere più tempo del previsto. Nel contesto di una resiliente espansione economica, la Fed ha anche pianificato di rallentare il ritmo di riduzione del suo portafoglio di asset. Questo è stato visto come un gesto per mitigare il rischio di turbolenze sui mercati finanziari, evidenziando un approccio ponderato e metodico nella gestione della politica monetaria.

Possibili Interventi FX in Giappone

Mentre il Giappone celebra la Golden Week, l’attenzione dei trader valutari rimane alta sullo yen, in seguito a due presunti interventi non confermati. Questi tentativi di sostenere la valuta, la cui conferma arriverà solo l’ultimo giorno di maggio con la pubblicazione dei dati ufficiali, non hanno impedito allo yen di perdere ulteriormente terreno. L’effetto sugli scambi è stato di breve durata.

I possibili interventi emergono in un contesto in cui il Giappone, con un debito che supera il 250% del suo PIL e tassi di interesse ben 500 punti base inferiori a quelli della Fed, fatica a colmare il divario con la politica monetaria degli Stati Uniti. La pressione è ulteriormente accentuata dalla forza del dollaro americano e da un ambiente globale dove anche altri paesi combattono per stabilizzare le loro valute.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 17

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 16

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 15

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 14

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.