Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

De-dollarizzazione: perché il dollaro non perderà presto il suo status?

Le voci sulla morte della valuta statunitense sono tanto esagerate quanto ripetute. Negli ultimi tempi c’è un gran parlare di de-dollarizzazione, ovvero del fatto che il dollaro stia perdendo il suo ruolo nell’economia globale. Secondo il gruppo di ricerca GlobalData, la discussione sullo status del dollaro su piattaforme come Twitter e Reddit è aumentata del 600% durante il primo trimestre, rispetto agli ultimi tre mesi del 2022. Ciò è correlato al fatto che il suo valore rispetto ad un paniere di valute sta diminuendo. Tuttavia, vale la pena notare che il dollaro è più forte di quanto non sia stato per la maggior parte di questo secolo.

de-dollarizzazione

Non c’è nulla nella recente performance del biglietto verde che suggerisca che il suo status di valuta di riserva globale sia in pericolo. Ma una serie di eventi politici hanno guidato le speculazioni.

A causa delle sanzioni, la Russia è tagliata fuori da molte reti basate sul dollaro. Nazioni come il Brasile, l’India e l’Arabia Saudita hanno compiuto mosse verso la de-dollarizzazione, sperando di fare meno affidamento sul dollaro per i loro scambi internazionali.

Coloro che si oppongono alla politica monetaria statunitense dell’ultimo quarto di secolo presentano la de-dollarizzazione come un risultato inevitabile della svalutazione monetaria. Negli ultimi 15 anni circa, il denaro negli Stati Uniti è stato molto economico e accessibile. Quindi ci sono buone ragioni per cui il resto del mondo potrebbe voler abbandonare il dollaro. Ma ciò non significa che la de-dollarizzazione sia imminente, e certamente non dovrebbe implicare che sarebbe un processo facile.

A che punto è la de-dollarizzazione?

Fintanto che gli Stati Uniti saranno la più grande economia commerciale aperta e fintanto che tutto il mondo vorrà accedere all’economia statunitense, la posizione del dollaro come valuta di riserva globale è sicura.

La gente parla di de-dollarizzazione dal 1990 e afferma che sarà graduale fino a che non avverrà tutta in una volta. Ma al momento non esiste ancora un concorrente legittimo.

Le indagini triennali sui mercati dei cambi condotte dalla Bank for International Settlements confermano che, sebbene il dollaro stia perdendo una piccola quota di mercato, rimane molto avanti rispetto alla concorrenza.

valute riserva globale

Misurato convenzionalmente, il dollaro rappresenta ora una quota minore delle riserve internazionali rispetto al 1999, passando da poco più del 70% al 59%. Tuttavia, la quota in dollari delle riserve internazionali è oggi più alta di quanto non fosse nel 1995.

Pertanto, le misure fondamentali del commercio di valuta suggeriscono che la de-dollarizzazione non sta affatto avvenendo, nonostante le valide critiche alla stampa di denaro statunitense degli ultimi anni. La realtà è che è tutte le valute fiat si stanno svalutando e il dollaro è la camicia sporca più pulita.

Questo non significa che la supremazia del dollaro sarà eterna. La sterlina britannica è stata la valuta di riserva prima del dollaro e altre potenze imperiali avevano quel rango prima di allora.

Perché il dollaro è la valuta di riserva globale?

Ci sono tre fattori principali che rendono il dollaro la valuta fiat “migliore”:

  • La vastità dell’economia statunitense. Solo la Cina e l’Europa sono vicine.
  • La natura liberamente convertibile del dollaro. Il governo cinese continua a esercitare un forte controllo sul tasso di cambio dello yuan, creando un rischio politico molto maggiore.
  • La stabilità politica ed economica degli Stati Uniti rispetto sia all’Europa che alla Cina

Nessuna di queste cose durerà necessariamente per sempre. Se la Cina continua a crescere e apre la sua economia, e se le tendenze di polarizzazione negli Stati Uniti mettono in pericolo la sua stabilità politica, allora il dollaro potrebbe col tempo perdere il suo privilegio.

Gli Stati Uniti hanno i mercati finanziari più profondi e liquidi del mondo e rimangono aperti, nonostante alcune restrizioni agli investimenti cinesi in settori sensibili per la sicurezza nazionale.

Con il dollaro stimato all’88% di tutte le transazioni internazionali, l‘euro al 31% è solo un modesto concorrente. L’euro, a differenza del dollaro, non sarà mai legato a un unico governo nazionale e l’Unione europea non si avvicina alla potenza militare degli Stati Uniti.

Si stima che lo yuan rappresenti solo il 7% del totale delle transazioni internazionali e la Cina sembra riluttante ad aprire i suoi mercati dei capitali, poiché ciò potrebbe portare a rapidi deflussi di capitali e forse a una crisi finanziaria. Ma senza mercati dei capitali aperti, lo yuan non è un forte contendente.

ARTICOLI CORRELATI:

Caos nel mercato del forex: la forza del dollaro fa parlare di una ripetizione del Plaza Accord

Nuovi massimi per il dollaro: l’aumento del biglietto verde influenza tutto il mondo

L’effetto di un dollaro forte sui profitti delle aziende

Gli effetti di un dollaro forte su economia e finanza

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.