I fondamentali per un dollaro forte

La forza del dollaro si è fatta sentire da un anno a questa parte. Dal minimo di maggio 2021 al suo picco recente, la valuta è aumentata del 14% rispetto a un ampio paniere di valute. Nonostante il ritracciamento recente, il dollaro è ancora forte

Scopri

Euro verso la parità con il dollaro

L’euro non è stato così conveniente rispetto al dollaro da quasi due decenni, ma può diventare ancora più economico. Con un tasso di cambio a 1.05, l’euro si sta avviando verso la parità con il dollaro. Il rischio finale è che i flussi di gas

Scopri

Nuovi massimi per il dollaro: l’aumento del biglietto verde influenza tutto il mondo

Il dollaro si è rafforzato notevolmente da quando la Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse per allentare le pressioni inflazionistiche. Essendo alla base della maggior parte dei pagamenti globali, il dollaro influenza tutto il mondo.

L’indice Dollar Spot di Bloomberg, che misura la valuta rispetto a un paniere di controparti dei mercati sviluppati ed emergenti, è salito di oltre il 15% quest’anno. Il dollaro ha toccato nuovi massimi storici questa settimana ed è salito di circa il 7% nel terzo trimestre.

nuovi massimi dollaro terzo trimestre 2022

Nelle ultime settimane, sia l’euro che la sterlina britannica sono crollati contro il biglietto verde. Il pound è precipitato al minimo di $ 1,035, il più debole mai registrato. L’euro, nel frattempo, è stato costantemente scambiato sotto la parità con il dollaro dopo aver superato la soglia a luglio, quando la guerra tra Russia e Ucraina ha aggravato la crisi energetica e aumentato le possibilità di una recessione.

Perché il dollaro è forte?

L’aumento del valore del biglietto verde non dipende solo dalla Fed. Sebbene l’economia statunitense stia rallentando, è ancora migliore di altre economie avanzate, come il Regno Unito, l’Europa e il Giappone.

Allo stesso tempo, i rischi geopolitici che sommergono l’economia globale hanno spinto gli investitori verso investimenti sicuri e il dollaro è attualmente uno dei beni rifugio più richiesti.

Quando si tratta di finanza e commercio globali, l’influenza degli Stati Uniti è smisurata. Questo perché il dollaro è la valuta di riserva mondiale da quando gli Stati Uniti e i loro alleati hanno concordato alla conferenza di Bretton Woods di fissarlo a un tasso di $ 35 per oncia d’oro.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, la quota del dollaro sulle riserve globali si attesta al 58,9%, ben al di sopra dell’euro al 20,1%. Dopo l’euro, lo yen giapponese rappresenta solo il 5,36% delle riserve totali. Sebbene la quota del dollaro sia scesa negli ultimi anni da circa il 70%, è ancora al di sopra dei minimi di circa il 45% nei primi anni ’90.

quota dollaro riserve mondiali

Il vantaggio di detenere dollari è che i mercati statunitensi sono molto più profondi e liquidi di qualsiasi altro. Con 23 trilioni di dollari, il mercato del Tesoro statunitense è più del doppio del mercato dei titoli di Stato giapponesi. Per quanto riguarda l’Europa, i mercati obbligazionari di Regno Unito, Francia, Italia e Germania sono tutti inferiori a $ 3 trilioni.

Inoltre, il biglietto verde è coinvolto in circa il 40% delle transazioni mondiali, indipendentemente dal fatto che gli Stati Uniti siano coinvolti o meno.

Chi beneficia di un dollaro forte?

Per gli importatori statunitensi che acquistano merci dall’estero, la forza del dollaro è una storia positiva. Queste aziende vedranno un certo alleggerimento dei loro costi man mano che il dollaro aumenta.

Anche i viaggiatori statunitensi che pianificano una vacanza all’estero beneficiano di un dollaro forte, sia in termini di costi di viaggio che di acquisto di beni e servizi all’estero.

Chi accusa di più la forza del dollaro?

Le aziende con sede negli Stati Uniti ma che vendono i loro prodotti e/o servizi in tutto il mondo in diverse valute, sono svantaggiate dall’aumento del dollaro.

Recentemente, i dirigenti di multinazionali come Microsoft e Salesforce hanno iniziato a lamentarsi del fatto che la forza del dollaro sta danneggiando i loro profitti.

Microsoft è una multinazionale che assorbe circa la metà dei suoi ricavi in ​​valute estere. Se il valore del denaro che guadagna all’estero diminuisce rispetto al dollaro, significa che Microsoft guadagnerà meno in dollari statunitensi per quelle vendite.

Il CEO di Salesforce ha osservato che in questo anno fiscale è probabile che un dollaro forte costerà all’azienda più di 800 milioni di dollari. Ciò ha seguito i commenti di Procter & Gamble, che prevede un colpo al netto delle tasse di $ 900 milioni nell’anno fiscale che si concluderà a giugno 2023.

La forza del dollaro potrebbe danneggiare i profitti di circa un terzo delle società dell’S&P 500, secondo Bloomberg Intelligence, con beni di prima necessità, materiali, tecnologia e comunicazioni tra i settori più colpiti.

Altri grandi perdenti sono i mercati emergenti. Questi paesi emettono debito denominato in dollari che in seguito devono ripagare con le rispettive valute. Con un dollaro che aumenta, il pagamento degli interessi e il rifinanziamento diventano più costosi. Ciò potrebbe portare a perdite e insolvenze

Inoltre, la maggior parte delle materie prime del mondo è prezzata in dollari. Questo significa che il petrolio, il grano e la soia coltivati ​​nei mercati emergenti saranno più costosi.

Mentre gli importatori statunitensi beneficiano di un dollaro forte, gli esportatori vengono danneggiati. Questo perché i prodotti statunitensi diventano più costosi e meno attraenti per chi acquista dall’estero.

Le persone che vivono in paesi in cui la valuta è ora più debole del dollaro potrebbero pensarci due volte prima di viaggiare negli Stati Uniti. Man mano che il dollaro si rafforza, le loro visite diventeranno più costose.

ARTICOLI CORRELATI:

Caos nel mercato del forex: la forza del dollaro fa parlare di una ripetizione del Plaza Accord

I fondamentali per un dollaro forte

La forza del dollaro potrà continuare?

L’effetto di un dollaro forte sui profitti delle aziende

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy