Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Greedflation: l’avidità sta davvero spingendo i prezzi verso l’alto?

Dall’inizio del 2023, un nuovo fattore è stato esaminato per spiegare l’aumento dell’inflazione: il contributo dell’avidità delle imprese che aumentano i loro margini di profitto. Negli ultimi 2 anni, come le famiglie, anche le imprese hanno dovuto far fronte a costi di input più elevati, sia per l’energia che per le materie prime. Di conseguenza hanno trasferito questi aumenti di prezzo ai clienti. Secondo l’ipotesi della greedflation, le imprese hanno aumentato i prezzi più di quanto possa essere giustificato dall’aumento dei costi di input.

Le prove di greedflation

A livello aggregato vi sono effettivamente prove di un aumento dei profitti che contribuisce all’inflazione nelle economie avanzate. La BCE e l’OCSE hanno confermato l’esistenza della greedflation scomponendo il deflatore del PIL, una misura dell’inflazione generata internamente. Queste sono le loro conclusioni:

  • salari e profitti hanno contribuito sempre più all’inflazione dell’Eurozona dalla fine del 2021;
  • i profitti sono diventati un fattore trainante maggiore dei salari dalla seconda metà del 2022.

Dalla pandemia abbiamo assistito a una ripresa economica forte ma sbilanciata. La domanda ha superato l’offerta in diversi settori. La forte domanda e l’offerta limitata generalmente offrono alle imprese l’opportunità di aumentare i prezzi. Questo comportamento può diffondersi rapidamente in un ambiente inflazionistico, perché il costo opportunità dell’aumento del prezzo di un particolare prodotto è inferiore quando vengono aumentati altri prezzi. Infine, l’inflazione crea una situazione di asimmetria informativa tra imprese e clienti, dove questi ultimi non sanno quali aumenti dei prezzi siano dovuti all’aumento dei costi degli input e quali all’espansione dei margini.

greedflation Eurozona Stati Uniti

Sebbene l’aumento dei profitti abbia chiaramente contribuito all’inflazione, ci sono alcune cose da notare prima di interpretare i dati come un’avidità diffusa delle imprese.

In primo luogo, queste conclusioni si basano su aggregati. Sebbene i dati ufficiali manchino a livello di settore, esaminando i documenti delle società quotate in borsa si nota che l’espansione dei margini è concentrata in alcuni settori.

Allo stesso modo, la ricerca dell’OCSE mostra differenze tra i paesi. Questioni metodologiche offuscano il quadro. Nei paesi con un’ampia quota di imprese individuali come i Paesi Bassi, i profitti di questo gruppo assomigliano al reddito salariale.

Infine, i profitti mostrano una maggiore volatilità nel tempo rispetto ai costi salariali. Resta da vedere se l’attuale aumento dei profitti è strutturale, o piuttosto in previsione di un aumento dei costi salariali.

L’avvertimento della Lagarde

Il crescente contributo di salari e profitti all’inflazione descrive un ambiente in cui imprese e lavoratori cercano di ridurre al minimo le loro perdite di reddito reale spostando l’onere dei prezzi di input più elevati. Questa è una dinamica – da cui ha messo in guardia il presidente della BCE Christine Lagarde – che potrebbe portare a una spirale salari-prezzi (o meglio a una spirale prezzi-profitti) in cui l’inflazione si assesta a un livello più alto più a lungo.

Esistono chiari rischi che il calo dell’inflazione sia più lento di quanto previsto in precedenza a causa dell’aumento dei margini aziendali. Questo perché le aziende tendono ad aumentare i prezzi più rapidamente per compensare i costi di input più elevati di quanto non li riducano quando le loro spese diminuiscono, consentendo loro di gestire margini maggiori più a lungo.

Secondo i calcoli di Bloomberg Economics, l’aumento dei profitti ha generato più di due terzi dell’inflazione dell’Eurozona alla fine dello scorso anno.

L’espansione dei margini è emersa come una chiara preoccupazione della BCE solo negli ultimi mesi. Alcuni membri del Consiglio direttivo hanno minimizzato il pericolo. Il croato Boris Vujcic ha affermato che una crescita economica più debole eroderà la capacità delle aziende di aumentare ulteriormente i prezzi. Isabel Schnabel ha riconosciuto che la BCE non ha prestato sufficiente attenzione ai profitti, ma ha affermato che probabilmente non possono innescare lo stesso tipo di spirale dei salari.

In definitiva, l’avidità è una questione distributiva di come l’onere dei maggiori costi energetici viene condiviso tra imprese e lavoratori. Questa distribuzione dipenderà dalla contrattazione tra lavoratori, imprese e governo. Ma a giudicare dall’avvertimento della Lagarde, le banche centrali stanno monitorando da vicino la possibile spirale negativa prezzi-profitti.

ARTICOLI CORRELATI:

La crescita dei salari guida davvero l’inflazione? Ecco cosa dice uno studio della Fed

La BCE aumenta i tassi di 25 pb: l’inflazione rimane la priorità

L’inflazione core in Eurozona rallenta per la prima volta da giugno

La Fed non può domare l’inflazione senza causare una recessione, afferma uno studio

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.