Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Il prezzo dell’oro: driver che influenzano il suo andamento

Il Mega Trend sul GOLD è partito  ?
In questo approfondimento parleremo del metallo giallo che è sicuramente uno dei protagonisti del momento, dopo che il prezzo dell’oro ha raggiunto e superato i 2000$ l’oncia.

In particolare, attraverso alcuni case study vedremo alcuni  driver che impattano maggiormente sul prezzo dell’oro.

Cos’è l’ORO 

L’oro è un raro metallo prezioso che si trova nelle vene di quarzo e nella ghiaia dei torrenti, nella sua forma pura. Viene considerato come una materia prima particolare in quanto non viene utilizzato in modo significativo in molti settori industriali (meno dell’11% dell’oro prodotto).

Proprio per questo, non risente dei cicli economici ed ha questa predisposizione a essere considerato un bene rifugio in quanto relativamente stabile e sicuro in situazioni di incertezza.
Pertanto viene inserito nei portafogli in diversi contesti: per proteggersi dalle  fluttuazioni dei mercati azionari e delle valute, come un’alternativa ai rendimenti obbligazionari bassi durante i periodi di tassi di interesse bassi o negativi, per contrastare il potere d’acquisto della moneta quando diminuisce.

Correlazione con il Dollaro americano

Il gold ha una forte correlazione con il Dollaro Americano. Fino al 1971 le sorti della valuta americana erano legate strettamente alla quantità del metallo giallo presente nelle riserve auree. Nell’agosto del 1971 Nixon decise di interrompere questo legame dando vita a tassi di cambio variabili. Tuttavia la correlazione tra i due è rimasta molto alta poiché l’oro come tutte le materie prime viene principalmente quotato in dollari.

Sembra abbastanza semplice determinare il valore dell’oro, ma il modo in cui questi fattori  influiscono sul prezzo a volte è controintuitivo.

Oro e inflazione

Ad esempio, molti investitori pensano all’oro come una copertura contro l’inflazione. Non esiste un meccanismo automatico attraverso il quale l’aumento dei prezzi si traduca in un aumento del prezzo dell’oro.
Lo abbiamo visto durante il 2022, quando con un’inflazione che era in continuo aumento il gold ha  attraversato un periodo di declino.

Inflazione USA & prezzo Oro 2018-2023 – Fonte Macro Micro

Secondo uno studio condotto da Investor Chronicle dal 1971 in poi, la correlazione tra il prezzo del metallo giallo e il CPI è stata dello 0,28. Non ci fidiamo solo dei numeri e guardiamo questo grafico che mostra la variazione percentuale del prezzo dell’oro che del CPI. Balza subito all’occhio che la correlazione tra i due è piuttosto bassa.

Correlazione Cpi, Gold – Fonte TradingView

La verità è che il gold funge da copertura contro l’inflazione nel lungo periodo non nel breve-medio periodo. Nel periodo dal 1895 al 1999, il prezzo reale dell’oro è aumentato in media dello 0,3% all’anno.

Rendimenti negli ultimi 40 anni

Se prendiamo in considerazione il periodo che va dal 1980 al 2001, il prezzo nominale dell’oro è diminuito di quasi il 70%, mentre il consumer price index è aumentato significativamente durante questo periodo. Tenendo conto dell’inflazione, se gli investitori avessero acquistato oro nel settembre 1980 e lo avessero tenuto fino all’aprile 2001, la loro ricchezza reale sarebbe diminuita dell’81,6%. Come puoi vedere da questo grafico che calcola il rapporto tra il prezzo nominale dell’oro e l’indice CPI.

Prezzo Oro aggiustato all’inflazione – Fonte FED St. Louis

Se prendiamo in considerazione periodi di tempo ancora più brevi, il gold ha perso in media il 10% dal 1980 al 1984, quando il tasso di inflazione annuale era circa il 6,5%. Inoltre ha prodotto un rendimento negativo del 7,6% dal 1988 al 1991, un periodo in cui l’inflazione era al 4,6%.In questo grafico vediamo le performance durante i periodi di inflazione di oro, Reits e Commodities.

Ritorno per materie prime, oro, reits – Fonte CNBC

Correlazione con forti aumenti di INFLAZIONE

Tuttavia esiste una correlazione tra forti aumenti di inflazione e il  gold. Se prendiamo ad esempio il periodo che va dal 1973 al 1979 quando il CPI annuale era in media dell′8,8% e in rapido aumento il metallo giallo ha restituito una performance del 35%.

Aumenti Inflazione & Aumenti prezzo Oro- – Fonte FED St. Louis

Correlazione con i Tassi Reali

Al contrario dell’inflazione il gold ha una forte correlazione con i tassi di interesse.

Il gold è correlato inversamente ai tassi reali, quando i tassi reali salgono il prezzo ne risente in negativo, al contrario quando scendono l’oro tende ad apprezzarsi.

I tassi reali non sono altro che la differenza tra tassi nominali e inflazione. Facciamo un esempio: nelle condizioni attuali, i nostri tassi di interesse nominali (tra il 4% e il 5% a seconda della durata) sono inferiori al tasso di inflazione del 6%. Quindi al momento abbiamo tassi reali al -1%.

Nell’articolo intitolato The Golden Dilemma, Claude Erb e Campbell Harvey hanno trovato una fortissima correlazione negativa tra i tassi reali e i prezzi dell’oro (dal 1997 al 2012), dell’ordine di -0,82.

Correlazione Gold vs Tassi Reali

La spiegazione è piuttosto semplice,  il metallo giallo non paga né dividendi, né interessi, pertanto quando i tassi di interesse sono alti è relativamente costoso tenere oro in portafoglio. Converrebbe  investire in strumenti che ti garantiscano rendimenti sicuri. 

Tuttavia come vediamo anche dal grafico sopra la relazione non è lineare.  I prezzi dell’oro tendono ad aumentare in modo significativo solo durante i periodi di tassi di interesse reali negativi. Questo perché quando i tassi di interesse diventano negativi, i creditori perdono denaro e quindi sono più propensi ad acquistare oro. Le obbligazioni, d’altra parte, non offrono alcuna protezione in un ambiente di tassi di interesse negativi.

Correlazione da anni 70 a oggi

Ma vediamo qualche esempio storico per capire meglio. Prendiamo in considerazione questo grafico che mostra i prezzi reali dell’oro e tassi di interesse reali (come rendimenti sui buoni del Tesoro a 3 mesi meno inflazione CPI) dal 1973 al 2013.

Prezzi del Gold vs Tassi reali( tassi di interesse reali (come rendimenti sui buoni del Tesoro a 3 mesi meno inflazione CPI)

Nella seconda metà degli anni ’70, i tassi reali erano negativi, e l’oro continuava a salire. Il prezzo dell’oro è tornato a scendere quando Volcker allora presidente della Fed, aumentò i tassi di interesse, riportando i tassi reali sopra lo 0.

Stessa cosa è successa nel 2001 quando la Banca Centrale  ha tagliato i tassi di interesse, e quelli reali sono scesi a zero, facendo lievitare il prezzo del metallo giallo.

Un altro episodio si è verificato nel  2007 ,quando la FED taglia i tassi nominali, facendo crollare i tassi reali.

Inoltre durante la pandemia del 2020 i prezzi dell’oro sono aumentati in modo significativo in risposta ai tagli dei tassi della Fed .

Quando i tassi statunitensi hanno toccato il minimo, l’oro ha lateralizzato  poiché la guida della Fed indicava che i tassi sarebbero rimasti vicini allo zero per il prossimo futuro.

Prezzi del Gold vs Tassi reali 2008-2020

Il GOLD nei regimi economici

Adesso con  Quantaste, facciamo un po ‘di backtest e vediamo come si è comportato l’oro nei vari regimi economici, analizzando gli ultimi 7 anni. 

Reflazione

Prendiamo  in considerazione i periodi reflazionistici  che si sono verificati negli ultimi 7 anni. Per reflazione per chi non lo sa ancora si intende crescita economica e inflazione in diminuzione.  Possiamo notare come in Q3 e Q4 2016 il gold abbia registrato performance negative rispettivamente registrando un -1% e un – 13%. Sempre in regime reflazionistico in Q1 2021 ha registrato una perdita del -10%.Al contrario in Q2 e Q4 2022 ha segnato una performance del 4%.

Reflazione – Fonte appQuantaste

Stagflazione

In stagflazione(inflazione in aumento, crescita economica stagnante) ha fatto performance tutto sommato abbastanza buone con la migliore performance registrata in Q1 2016 segnando il +16 %.Il massimo drawdown è stato registrato in Q3 2022 con un -9 %.

Stagflazione-Fonte appQuantaste

Deflazione

Negli ultimi 7 anni quando ci siamo trovati in regime deflazionistico(dove si registra una diminuzione dell’inflazione e una diminuzione della crescita economica) l’oro ha ottenuto buoni risultati registrando perdite solamente in Q3 2018. Nell’ultimo trimestre Q4 2022 ha segnato un +10%.

Deflazione – Fonte appQuantaste

Espansione

Ci siamo trovati in regime di espansione economica solamente tre volte negli ultimi 7 anni. Analizzando questa fase possiamo dire che il gold si è comportato in maniera neutrale, poiché in Q1 2015 ha registrato un +0%, in Q2 2017 un -1%, mentre in Q3 2019 ha fatto segnare un +4%. 

Espansione-Fonte appQuantaste

Dove è diretto il prezzo dell’oro

Abbiamo visto che le performance dell’oro dipendono dall’andamento dei tassi reali. Sebbene l’oro guadagni anche quando i tassi di interesse reali sono moderatamente positivi, i tassi di interesse reali negativi sono uno dei driver più importanti dei prezzi dell’oro. La sua correlazione con l’inflazione se considerata nel breve medio termine è piuttosto bassa.

La situazione attuale con una crisi del settore bancario ha generato un aumento dei volumi  opzioni call sull’ Etf SPDR Gold Trust, di circa 5 volte dall’inizio del mese.

Volume opzioni call su SPDR- Fonte Bloomberg

Oggi non abbiamo ancora una visione chiara, per determinare l’andamento futuro del prezzo dell’oro. Bisogna tenere in considerazione una molteplicità di fattori. Dopo la crisi del settore bancario sia Americano che Europeo  il mercato si è posizionato per un FED pivot, già nel secondo semestre del 2023.

Qualora la Banca centrale  dovesse decidere di  non tagliare i tassi di interesse, con un’inflazione ancora alta potrebbe crearsi  un’asimmetria di prezzo.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.