Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

L’inflazione core USA rallenta solo di poco, sostenendo un altro aumento della Fed a maggio

Una misura chiave dell’inflazione statunitense ha mostrato accenni di moderazione a marzo, ma non abbastanza da dissuadere la Fed dall’aumentare nuovamente i tassi di interesse il mese prossimo. L’inflazione core USA– che esclude cibo ed energia ed è attentamente monitorata dalla Fed – è rallentata solo di poco a marzo (+0,4%) rispetto al mese precedente. Su base annuale, il core CPI è aumentato del 5,6% e il CPI headline del 5%. È la prima volta in oltre due anni che la misura core supera la misura complessiva.

inflazione core USA rallenta marzo aumento tassi Fed maggio

Complessivamente, il rapporto offre scorci di disinflazione, evidenziando allo stesso tempo la natura vischiosa dell’inflazione, in particolare nel settore dei servizi. E’ probabile che l’indice dei prezzi al consumo di marzo, abbinato al rapporto sul mercato del lavoro della scorsa settimana, induca la Fed ad aumentare i tassi di interesse almeno una volta prima di mettere in pausa il suo ciclo di inasprimento più aggressivo degli ultimi 40 anni.

I dettagli del CPI di marzo

I dettagli del rapporto del Bureau of Labor Statistics hanno mostrato che i costi dello shelter sono aumentati al ritmo più lento da novembre. Tuttavia, questa categoria ha dato nuovamente il maggior contributo all’aumento mensile del CPI. I costi degli affitti sono aumentati dello 0,5%, il ritmo più lento da marzo 2022.

A causa del modo in cui vengono calcolate le metriche immobiliari, c’è un ritardo significativo tra le variazioni dei prezzi in tempo reale e le statistiche del governo. Altre metriche suggeriscono che questi indicatori invertiranno presto, ma gli economisti sono divisi sulla tempistica esatta.

Escludendo abitazioni ed energia, i prezzi dei servizi “core” sono aumentati dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 5,8% rispetto all’anno anno scorso, la lettura più bassa in sette mesi. Il presidente della Fed e i suoi colleghi hanno sottolineato l’importanza di considerare tale metrica quando si valuta la traiettoria dell’inflazione negli Stati Uniti.

I cosiddetti prezzi dei beni di base, che escludono cibo ed energia, sono aumentati dello 0,2%, il massimo da agosto. Questa è una divergenza rispetto alla fine dello scorso anno, quando la deflazione totale in questa categoria ha contribuito ad allentare le pressioni generali sui prezzi.

I prezzi dei generi alimentari sono diminuiti per la prima volta dal 2020. In particolare, i prezzi delle uova hanno registrato il calo mensile più grande dal 1987.

I prezzi delle auto usate sono diminuiti a marzo, mentre le tariffe aeree, l’arredamento della casa e le assicurazioni sui veicoli a motore sono aumentate.

I prezzi dell’energia sono diminuiti del 3,5%, riflettendo il calo di benzina, gas naturale ed elettricità. Tuttavia, il calo potrebbe rivelarsi di breve durata dopo che l’OPEC+ ha annunciato un taglio alla produzione di petrolio all’inizio di questo mese. Il calo dell’energia è stato il principale fattore deflazionistico nella lettura annuale del CPI headline.

CPI USA marzo 2023

I mercati dopo il rapporto sull’inflazione USA

Gli investitori hanno inizialmente reagito positivamente al rallentamento dell’inflazione core USA, ma il rally di azioni e Treasury ha avuto vita breve.

I trader di obbligazioni hanno aumentato le scommesse sui tagli dei tassi della Fed entro la fine di quest’anno. I prezzi degli swap hanno mostrato aspettative per un tasso fed funds di quasi mezzo punto al di sotto di quello attuale a dicembre.

Gli swap collegati alle riunioni del FOMC riflettono una probabilità di circa l’80% di un aumento di un quarto di punto il mese prossimo. Tale probabilità si trovava a poco più di due su tre prima dell’uscita del CPI.

I rendimenti a due anni hanno chiuso sotto il 4% dopo essere scesi di ben 15 punti base subito dopo il rapporto sull’inflazione.

I minutes del FOMC

I verbali della riunione del FOMC del mese scorso hanno mostrato che i funzionari hanno ridimensionato le loro aspettative su quanto in alto dovranno arrivare i tassi dopo che una serie di crolli bancari ha sconvolto i mercati. Tuttavia, i funzionari hanno aumentato il loro tasso di riferimento di 25 punti base a un intervallo compreso tra il 4,75% e il 5%, nel tentativo di bilanciare il rischio di una stretta creditizia con le elevate pressioni sui prezzi.

I funzionari hanno concordato che potrebbe essere appropriato un “ulteriore rafforzamento della politica“, una posizione che diversi oratori della Fed hanno ribadito negli ultimi giorni.

Nei verbali si legge che i recenti sviluppi nel settore bancario potrebbero tradursi in condizioni di credito più rigide per famiglie e imprese e pesare sull’attività economica, sull’occupazione e sull’inflazione. In questo contesto, i partecipanti hanno continuato a essere molto attenti ai rischi di inflazione.

I responsabili politici hanno sottolineato la necessità di essere flessibili data l’elevata incertezza sull’impatto del recente stress bancario. Alla luce dell’accresciuta incertezza, i verbali di marzo offrono pochissime indicazioni sulle prospettive politiche per il futuro.

ARTICOLI CORRELATI:

Riunione Fed: aumento dei tassi di 25 punti base, priorità all’inflazione

La Fed non può domare l’inflazione senza causare una recessione, afferma uno studio

L’inflazione USA rimane elevata, aggiungendo pressione per ulteriori aumenti della Fed

L’inflazione USA continua a scendere a dicembre

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.