Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il mercato obbligazionario sottovaluta l’aumento del debito pubblico

Il mercato obbligazionario sembra essersi scordato dell’aumento del debito pubblico. I prezzi delle obbligazioni continuano ad aumentare in tutto il mondo sviluppato. Di conseguenza, i rendimenti crollano.

Nelle prossime settimane, i governi di Stati Uniti, Regno Unito e Eurozona inizieranno a inondare il mercato di obbligazioni a un ritmo raramente visto prima. I loro deficit si gonfieranno a livelli che una volta erano impensabili. Insieme al Giappone, questi paesi venderanno 2,1 bilioni di dollari netti di nuove obbligazioni per finanziare i loro piani di spesa per il 2024, un aumento del 7% rispetto allo scorso anno

Poiché la maggior parte delle banche centrali non acquista più obbligazioni per sostenere la crescita economica, i governi devono ora attirare più ordini di acquisto da parte degli investitori. Perché ciò avvenga, sono necessari rendimenti più alti.

Dalle preoccupazioni sul debito all’entusiasmo per i tagli dei tassi

La scorsa estate Fitch Ratings ha deciso di privare gli Stati Uniti del loro rating di credito AAA, scatenando le preoccupazioni per l’aumento esponenziale del debito pubblico. La disfatta che ne è derivata ha portato il tasso del decennale statunitense sopra il 5% per la prima volta in 16 anni.

L’impennata dei rendimenti si è fermata principalmente grazie al rallentamento dell’inflazione. Successivamente, gli investitori hanno iniziato a convincersi dell’idea che le banche centrali inizieranno presto a tagliare i tassi di interesse.

Ma molti analisti del mercato obbligazionario sostengono che, date le attuali dinamiche di domanda e offerta, è solo questione di tempo prima che il nervosismo riprenda. In effetti, i rendimenti obbligazionari sono già aumentati quest’anno. Il benchmark a 10 anni è ora a circa il 4%.

rendimento decennale USA

Il mercato è ancora entusiasta per l’arrivo dei tagli dei tassi. Una volta che la novità svanirà, le preoccupazioni per i deficit fiscali potrebbero riaumentare.

L’aumento del debito pubblico dovrebbe preoccupare

La maggior parte delle principali economie prevede un indebitamento netto pari ad almeno il 2% del PIL fino al 2028.

aumento debito paesi sviluppati

Gli Stati Uniti attualmente registrano un deficit annuo pari al 6% del PIL, circa il doppio della norma storica. Anche paesi come Regno Unito, Italia e Francia registreranno disavanzi più grandi del normale quest’anno.

Il debito pubblico nelle economie avanzate è salito a oltre il 112% del PIL rispetto al 75% circa di vent’anni fa e ha superato i 50 bilioni di dollari, con i governi che hanno aumentato i prestiti per finanziare i programmi di stimolo pandemico, l’assistenza sanitaria, le pensioni e la transizione energetica.

È difficile valutare esattamente la pressione al rialzo che questi crescenti carichi di debito possono esercitare sui costi di finanziamento. I ricercatori della Bank of England e dell’Università di Harvard ci hanno provato qualche anno fa. Il loro studio ha concluso che ogni punto percentuale di aumento del rapporto debito/PIL di un paese fa aumentare i tassi di mercato di 0,35 punti percentuali.

Le cose non sono andate in questo modo negli ultimi anni. I rendimenti dei titoli del Tesoro, ad esempio, sono diminuiti in questo secolo mentre il rapporto debito/PIL degli Stati Uniti è salito vertiginosamente. Tuttavia, i risultati dello studio dovrebbero essere tenuti in considerazione.

La domanda di obbligazioni è un’incognita

Il lato dell’equazione relativo alla domanda di obbligazioni è sconosciuto. L’aumento dell’offerta potrebbe essere incontrata da un aumento degli acquisti di obbligazioni. L’arrivo di una recessione probabilmente aumenterebbe la domanda per la sicurezza del debito pubblico.

Inoltre, se la domanda di obbligazioni non riuscisse a tenere il passo con l’aumento dell’offerta, i governi potrebbero decidere di ridurre la vendita di titoli a lungo termine e offrire più debito a breve termine. Questo è esattamente ciò che hanno fatto gli Stati Uniti quando il sell-off obbligazionario si è aggravato lo scorso anno.

All’inizio di novembre, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha rallentato l’aumento delle vendite di obbligazioni a 10 e 30 anni e ha deciso di emettere più buoni del Tesoro di quanto previsto dal mercato. La mossa ha contribuito a calmare gli investitori nervosi e ha gettato le basi per un rimbalzo obbligazionario.

Gli analisti di JPMorgan Chase prevedono che il Tesoro utilizzerà il mercato dei Buoni del Tesoro per una percentuale minore dei suoi finanziamenti nel 2024. Stimano 675 miliardi di dollari di vendite nette di Buoni del Tesoro, circa un terzo del conteggio dello scorso anno, ma una cifra che comunque arriva in cima all’aumento previsto nelle vendite di banconote e obbligazioni.

ARTICOLI CORRELATI:

Bill Gross: le obbligazioni sono “sopravvalutate”

Il rally delle obbligazioni continua: falso rimbalzo o vera ripresa?

Meglio le azioni o le obbligazioni con i rendimenti al 5%?

La correlazione tra azioni e obbligazioni è positiva: le implicazioni per i portafogli

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.