L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Quanti tagli dei tassi potremmo vedere nel 2024?

I mercati ormai sono pronti per i tagli dei tassi della Fed. I funzionari hanno dichiarato le loro intenzioni e si aspettano in media tre tagli nel 2024. Il mercato obbligazionario attualmente sconta un ritmo lento e costante dei tagli dei tassi. Gli operatori si aspettano il doppio delle riduzioni previste dai funzionari della Fed. L’allentamento monetario dovrebbe rilanciare le aree più cicliche dell’economia, che erano già destinate a riprendersi, e stimolare la crescita economica. Ma cosa potrebbe succedere se si verificasse uno scenario diverso? Come potrebbe reagire la Fed se il mercato del lavoro dovesse rallentare più del previsto? E’ possibile che l’allentamento monetario attualmente scontato dai mercati possa rivelarsi troppo conservativo? Potremmo vedere un taglio dei tassi fuori misura di 50 punti base per questo ciclo di allentamento? Cerchiamo di capire quanti tagli dei tassi dovremo aspettarci nel 2024 partendo dagli ultimi dati sul mercato del lavoro.

Cosa dicono i dati sul mercato del lavoro?

Per chi vede il bicchiere mezzo pieno, il mercato del lavoro è ancora robusto. Il numero di persone che attualmente ricevono sussidi di disoccupazione si è stabilizzato dopo un aumento preoccupante nella prima metà del 2023 e rimane storicamente a livelli molto bassi. La lettura sulle buste paga di venerdì scorso ha mostrato che a dicembre sono stati creati 216.000 posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 3,7%. Ma negli ultimi dati sul mercato del lavoro ci sono alcuni segnali preoccupanti.

Il tasso di assunzione dei lavoratori da parte delle aziende ha registrato una tendenza al ribasso nel corso del 2023, ed è nuovamente diminuito a novembre. Le ore totali lavorate dagli americani sono diminuite tra novembre e dicembre. E la componente occupazionale di un importante sondaggio sul settore dei servizi è stata sorprendentemente debole, attestandosi a livelli che non avevamo mai visto al di fuori della pandemia e della crisi finanziaria globale.

Con l’inflazione in rallentamento ogni piccola oscillazione nel mercato del lavoro è importante. La misura d’inflazione preferita dalla Fed si trova all’1,9% su base semestrale annualizzata, al di sotto del target della banca centrale. Questi dati da soli supportano i tagli dei tassi quest’anno, cosa che la Fed ha già riconosciuto.

E’ possibile che la Fed possa rivelarsi più aggressiva?

Quanti tagli dei tassi vedremo nel 2024 e quanto presto arriveranno sono ora le grandi domande. Se ipotizziamo che l’inflazione sia tornata stabilmente al target della Fed, il tasso di riferimento reale è attualmente superiore al 3%, molto al di sopra del livello pre-pandemia del 2019 e delle previsioni a lungo termine della banca centrale. Ciò non ha più senso considerando lo stato dell’inflazione e del mercato del lavoro.

La Fed alla fine potrebbe rivelarsi più aggressiva nel tagliare i tassi di interesse. Il presidente Jerome Powell ha dimostrato di non aver paura di essere audace quando lo ritiene necessario. Alla riunione della Fed di dicembre 2018, i funzionari hanno segnalato un aumento dei tassi di interesse di 50 punti base per l’anno successivo; hanno finito per abbassarli di 75 punti base anche se il tasso di disoccupazione ha continuato a scendere. Nel marzo 2020 l’allentamento è arrivato alla velocità della luce. E una volta che la Fed si è convinta di avere un problema di inflazione, i tassi sono aumentati vertiginosamente nel 2022.

Il mercato sconta un allentamento graduale

Dovremmo tenere a mente gli esempi appena fatti quando pensiamo a quanti tagli dei tassi si potrebbero verificare nel 2024. I mercati attualmente prevedono riduzioni di circa 150 punti base, distribuite in modo abbastanza uniforme su sette riunioni.

Questo tipo di approccio graduale ha senso in uno scenario di allentamento favorevole. È decisamente troppo conservativo in un ciclo più aggressivo in cui la Fed ritiene di dover difendere il mercato del lavoro sulla base dei dati economici e della volatilità dei mercati finanziari.

Non c’è più bisogno di tassi di interesse reali superiori al 3%. I politici semplicemente non hanno ancora deciso di passare a un livello più “normale”. Tra i vari scenari, dobbiamo anche considerare la possibilità che questo aggiustamento possa avvenire più rapidamente del previsto.

ARTICOLI CORRELATI:

Verbali Fed Dicembre: tassi alti per un po’ di tempo

Svolta accomodante della Fed: la lotta all’inflazione è stata vinta?

La Fed è pronta a passare ai tagli dei tassi nel 2024

Come procede il quantitative tightening della Fed?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.