L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Il “Sell in May and go away” funzionerà nel 2023?

Sell in May and go away” – vendi a maggio e scappa via – è una strategia di investimento basata sulla teoria che il mercato azionario sottoperforma nel semestre tra maggio e ottobre. Al contrario, il periodo tra novembre e aprile vede una crescita del mercato azionario statisticamente molto più forte.

Se gli investitori seguono il noto adagio di Wall Street, vendono azioni all’inizio di maggio o durante la tarda primavera e investono nuovamente a novembre o nel tardo autunno, evitando di detenere azioni durante l’estate.

Il detto ha le sue origini in Inghilterra, precisamente nel distretto finanziario di Londra. La frase originale era “Sell in May and go away, come back in St. Leger’s Day”. Istituita nel 1776, la St. Leger Stakes è una delle corse di cavalli più famose in Inghilterra e si svolge a settembre di ogni anno.

Nel suo contesto originale, l’adagio raccomandava agli investitori di vendere le loro azioni a maggio, rilassarsi e godersi i mesi estivi sfuggendo al caldo londinese e tornare in borsa in autunno dopo il St Leger Stakes.

Negli Stati Uniti, alcuni investitori hanno adottato una strategia simile, astenendosi dall’investire nel periodo compreso tra il Memorial Day a maggio e il Labor Day a settembre.

L’analisi storica del “Sell in May and go away”

I dati storici hanno generalmente sostenuto l’adagio “Sell in May and go away” nel corso degli anni, con i ritorni da novembre ad aprile che hanno ampiamente superato quelli da maggio a ottobre.

Dal 1945, l’S&P 500 ha registrato un guadagno medio cumulativo del 6,7% nel periodo tra novembre e aprile rispetto a un guadagno medio di circa il 2% tra maggio e ottobre. Inoltre, l’indice ha avuto rendimenti positivi circa due terzi delle volte da maggio a ottobre, mentre tale percentuale sale al 77% da novembre ad aprile. È anche interessante notare che i drawdown massimi sono significativamente maggiori nel periodo da maggio a ottobre.

sell in may and go away

Detto questo, non tutte le estati sono negative per le azioni. Storicamente, ci sono diversi periodi in cui la strategia “Sell in May and go away” non ha funzionato.

Ciascun periodo storico ha le proprie caratteristiche. Ad esempio, la pandemia ha colpito profondamente il mercato azionario e nel periodo compreso tra novembre 2019 e aprile 2020, normalmente noto per un periodo di alti rendimenti, si sono registrati scarsi rendimenti. Gli stimoli monetari e fiscali hanno gonfiato i prezzi degli asset nell’estate del 2020 e 2021. E’ forse meglio pensare all’adagio come una tendenza che ha spunti interessanti piuttosto che una regola fissa.

Il “Sell in May and go away” funzionerà nel 2023?

Sebbene nessuno conosca la risposta, gli attuali indicatori economici suggeriscono una certa cautela.

I fattori stagionali giocano un ruolo importante. Il mercato azionario tende a salire ad aprile a causa della pubblicazione anticipata degli utili aziendali del primo trimestre. Al contrario, il periodo da maggio a ottobre tende ad essere meno forte poiché molte persone prestano meno attenzione alle azioni.

Attualmente, la stagione degli utili del primo trimestre è ancora in corso. La maggior parte delle aziende sta battendo le stime e l’apocalisse prevista per i profitti non si sta verificando. Ciò sta sostenendo le azioni, che hanno appena chiuso il mese di aprile in positivo.

Un mese fa le turbolenze bancarie hanno portato al salvataggio delle banche da parte della Fed. Nonostante i prestiti alle banche non siano tecnicamente programmi di quantitative easing, il bilancio della Fed è aumentato e le azioni sono salite. Nel periodo del “Sell in May and go away” del 2023 la liquidità dovrebbe scendere, con il Tesoro e il governo che lottano per l’imminente tetto del debito.

Molti indicatori, tra cui l’inversione della curva dei rendimenti, stanno preannunciando una recessione economica negli Stati Uniti.

Vale la pena anche ricordare che la Fed è pronta ad aumentare nuovamente i tassi questa settimana. Con ogni rialzo dei tassi, ci avviciniamo sempre di più al fatto che la Federal Reserve rompa qualcosa. Questo è stato ripetutamente il caso nel corso della storia. Data l’aggressività dell’attuale campagna di aumento dei tassi è difficile che ciò possa essere evitato.

Finora, i mercati hanno resistito all’aumento dei tassi molto meglio del previsto. Tuttavia, la maggior parte degli aumenti dei tassi non si è ancora trasmessa all’economia.

Cosa fare adesso?

Anche se è sconsigliato seguire letteralmente il detto e quindi vendere a maggio e scappare via dal mercato azionario, ruotare i portafogli verso asset che risentano meno della mancanza di crescita potrebbe essere una buona idea.

Per gli investitori con obiettivi a lungo termine, continuare a detenere le proprie azioni e non vendere i propri investimenti prima dell’estate è la scelta migliore.

ARTICOLI CORRELATI:

Dovesti credere al Rally di Natale?

I mesi migliori per il mercato azionario

Opzioni 0TDE (zero-days-to-expiration): cosa sono e che impatto hanno sui mercati?

Investire in azioni estere come Warren Buffett

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.