Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Dal “quiet quitting” ai “loud layoffs: quali saranno i trend del mercato del lavoro nel 2023?

Con l’arrivo della pandemia i lavoratori hanno rivisto le loro esigenze, iniziando a dare la priorità alla qualità della loro vita. Molti hanno abbandonato un impiego che li faceva sentire insoddisfatti e ne hanno cercato uno che fosse in grado di offrirli maggiore flessibilità. Questo fenomeno è conosciuto come “Great Resignation“. Dare priorità alla qualità della vita dei dipendenti è stata una delle maggiori tendenze del mercato del lavoro nel 2022. Per molte aziende, questo sarà un cambiamento culturale che soddisfa il desiderio dei lavoratori di accordi flessibili. I datori di lavoro potrebbero dover assumere una visione più olistica del dipendente, pensando non solo al ruolo che svolge ma anche al suo benessere finanziario, sociale, fisico e mentale.

Dopo le “Grandi dimissioni”, molti lavoratori hanno attraversato quello che è stato definito il “grande rimpianto” (The Great Regret), ammettendo che non avrebbero dovuto abbandonare il loro lavoro. Negli ultimi mesi, aziende di alto profilo hanno annunciato un’ondata di licenziamenti. Tuttavia, molti datori di lavoro devono mantenere i lavoratori produttivi e fanno fatica a trovare personale qualificato.

Dallo “shift shock” (ovvero quando un nuovo lavoro è molto diverso da quello che sei stato portato a credere) e il “boomerang employees” (gli impiegati che tornano ai lavori che avevano lasciato), al “career cushioning” dopo i “loud layoffs“, le buzzwords di quest’anno evidenziano i dilemmi comuni sul posto di lavoro.

Il quiet quitting

Nel 2021 il “Great Resignation” ha dominato il ciclo delle notizie riguardanti il mercato del lavoro. Nella seconda metà dell’anno scorso quel trend è stato sostituito dal “quiet quitting“, che ha guadagnato slancio in un momento in cui il tasso di produttività degli Stati Uniti ha sollevato qualche preoccupazione. I dati sulla produttività dei lavoratori statunitensi hanno registrato il più grande calo annuale nel secondo trimestre.

Per quiet quitting si intende la tendenza dei dipendenti a scegliere di fare il minimo indispensabile e rifiutare incarichi che esulano dai loro compiti principali. Il fenomeno ha preso piede soprattutto tra la Generazione Z.

Zaid Khan, 24 anni, ingegnere di New York, ha reso popolare questa tendenza con il suo video virale su Tiktok a luglio. “Stai ancora svolgendo i tuoi doveri, ma non ti trovi più con la cultura secondo cui il lavoro deve essere la tua vita”, dice Khan nel suo video. “La realtà è che non lo è, e il tuo valore come persona non è definito dal tuo lavoro.”

I trend del mercato del lavoro destinati a rimanere

Non è chiaro se i trend del mercato del lavoro del 2022 siano destinate a protrarsi. Tuttavia, una nuova prospettiva per i datori di lavoro potrebbe durare: la tendenza a enfatizzare il talento.

Anche il lavoro da remoto è qui per restare. Stare sempre chiusi in ufficio è un ricordo del passato ed è probabile che le aziende che si aggrapperanno a quel modello perderanno la guerra per il talento.

Riconoscere il bisogno di flessibilità dei dipendenti sarà essenziale per ricoprire i ruoli. I lavoratori stanno intenzionalmente passando da una cultura che loda le lunghe ore di lavoro a una che dà più valore alla loro vita al di fuori del posto di lavoro.

Il mercato del lavoro è ancora forte

I dati del mercato del lavoro sono così forti che le persone si sentono in grado di richiedere una maggiore flessibilità e mettere le loro esigenze davanti a tutto. I dati del Job Openings and Labor Turnover (JOLTS) hanno mostrato che il numero di offerte di lavoro è rimasto poco al di sotto del suo massimo storico. Con 10,5 milioni di posti di lavoro vacanti, a novembre c’erano 1,7 offerte per ogni disoccupato, un numero che indica che il mercato del lavoro è ancora forte.

posti lavoro vacanti USA

Le assunzioni rimangono solide e i licenziamenti storicamente bassi. Il persistente squilibrio continua a esercitare pressioni al rialzo sui salari ed è stato evidenziato dal presidente della Fed Jerome Powell come chiave per il percorso dell’inflazione.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché il mercato del lavoro è così importante per la Fed?

Il mercato del lavoro USA è davvero così forte?

Cosa comportano gli aumenti salariali?

Il tasso di disoccupazione sottostima i disoccupati

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.