Il mercato del lavoro USA è davvero così forte?

Il rapporto sull’occupazione di giugno è stato visto come la prova che il mercato del lavoro è solido. Tuttavia, se si osservano i dettagli, si ottengono informazioni miste che ci fanno chiedere se il mercato del lavoro USA sia davvero così forte. E’ vero che le buste paga sono state più forti del previsto rispetto alle aspettative e che il tasso di disoccupazione è rimasto al 3,6%, a livelli storicamente molto bassi. Dobbiamo però notare che ci sono state revisioni al ribasso dei dati sui Nonfarm payrolls dei mesi scorsi. Negli ultimi due mesi, le revisioni al ribasso sono pari a 75.000 buste paga.

L’indagine sulle famiglie (Household Survey), da cui si ricava il tasso di disoccupazione ufficiale, ha evidenziato un calo dell’occupazione pari a -315 mila. Secondo questo sondaggio, l’occupazione è diminuita in due degli ultimi tre mesi, a differenza di quanto ha mostrato il Nonfarm payrolls.

I sondaggi sull’occupazione divergono: giugno ha mostrato un aumento di 372k nelle buste paga non agricole mentre l’indagine sulle famiglie è scesa di 315k.

Buone notizie sono arrivate dall’occupazione per settore, con solo le buste paga del governo in rosso (-9.000) il mese scorso. I servizi di istruzione e sanitari (96.000) e i servizi professionali e aziendali (74.000) sono stati al primo posto, seguiti dal tempo libero e ospitalità. La categoria delle attività finanziarie è stata particolarmente debole.

Un altro problema è legato al tasso di disoccupazione. Come notato in un precedente articolo, il tasso di disoccupazione sottostima il numero di persone senza lavoro. Inoltre, il dato ufficiale è rimasto invariato al 3,6% perché è diminuito il tasso di partecipazione alla forza lavoro.

Il tasso di partecipazione alla forza lavoro rimane nettamente al di sotto del livello pre-pandemico

Gli indicatori del mercato del lavoro USA

Il Nonfarm payrolls è considerato un indicatore coincidente e rappresenta una delle quattro componenti del Coincident Economic Index (CEI) del Conference Board. Spesso, all’inizio delle recessioni, le buste paga sono rimaste solide.

Il tasso di disoccupazione, invece, è un indicatore in ritardo. Un semplice sguardo al grafico del tasso di disoccupazione sopra mostra che si è sempre trovato a livelli bassi all’inizio delle recessioni e viceversa.

Salari nominali vs salari reali

Il salario orario medio è aumentato dello 0,3% su base mensile e del 5,1% anno su anno, in linea con le stime di consenso. Tuttavia, entrambe le letture sono scese rispetto al mese precedente. Anche secondo l’Atlanta Fed Wage Growth Tracker, la crescita dei salari nominali ha iniziato a rallentare. Tenendo conto dell’inflazione, la crescita dei salari reali è passata in territorio negativo già all’inizio del 2021.

Il leading indicator del mercato del lavoro USA

Tra i principali dati sul mercato del lavoro pubblicati regolarmente, il rapporto settimanale sulle richieste di disoccupazione è un leading indicator. Questo indicatore fa parte dei componenti del Leading Economic Index (LEI) del Conference Board. Gli economisti spesso guardano alla media mobile a quattro settimane dei jobless claims per appianare la volatilità del dato.

Come mostrato nel grafico che segue, la media a 4 settimane è in aumento rispetto ai minimi di inizio anno. Anche se il livello a cui si trova è storicamente molto basso e quindi non allarmante, il ritmo a cui stanno aumentando è al di sopra della media storica in prossimità di una recessione.

La media dei jobless claims è aumentata del 36% dai minimi di aprile

La media mobile a quattro settimane è stata di 232.000 per la settimana terminata il 1° luglio, in aumento del 36% rispetto al recente minimo del 1° aprile; l’aumento medio dal minimo all’inizio della recessione è stato solo del 20%.

Le offerte di lavoro

Lo spread tra le opportunità di lavoro e il numero di disoccupati rimane storicamente ampio. Tuttavia, le offerte di lavoro hanno iniziato a ribaltarsi. Inoltre, l’ultima lettura si riferisce al mese di maggio.

A confermare la discesa delle offerte di lavoro sono i dati settimanali più tempestivi di Indeed. I nuovi annunci di lavoro sono ancora in aumento del 60% rispetto ai livelli pre-pandemia, ma in calo rispetto al massimo dello scorso febbraio a quasi il 90%.

Spesso in concomitanza con il calo delle aperture di lavoro c’è un aumento degli annunci di licenziamento. Il grafico a sinistra in basso mostra la misura di Challenger degli annunci di tagli di posti di lavoro a partire dall’inizio del 2007. Il grafico a destra fa un “zoom in” sulla tendenza dell’ultimo anno. C’è stato un netto aumento, con l’ultima lettura (quella di fine giugno) in rialzo del 60% su base annua. La stagione degli utili del secondo trimestre, che prende il via questa settimana, potrebbe aggiungere più colore a questa storia.

Gli annunci di tagli di posti di lavoro di Challenger sono aumentati del 59% anno/anno a giugno dal -15,8% di maggio; è stato il picco più grande da dicembre 2020.

In conclusione

La storia del mercato del lavoro USA forte potrebbe essere nella sua fase finale. I livelli rimangono buoni nella maggior parte dei dati sul mercato del lavoro. Tuttavia, vale la pena osservare il deterioramento di alcune tendenze per valutare la possibilità di un’atterraggio morbido (soft landing) o di una recessione.

ARTICOLI CORRELATI:

Le fasi del ciclo economico

Cosa comportano gli aumenti salariali?

Siamo a rischio recessione?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.