L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

Verbali Fed luglio: i rischi al rialzo per l’inflazione potrebbero richiedere ulteriori aumenti

La Fed ha pubblicato i verbali della riunione politica del 25-26 luglio. I funzionari politici sono rimasti ampiamente preoccupati per l’inflazione. I rischi al rialzo potrebbero richiedere ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

“La maggior parte dei partecipanti ha continuato a vedere significativi rischi al rialzo per l’inflazione, che potrebbero richiedere un ulteriore inasprimento della politica monetaria”, si legge nei verbali della riunione della Fed di luglio.

Il rapporto rilasciato dalla Fed ha mostrato crepe più evidenti nel consenso alla base del ciclo di inasprimento. Due funzionari della Fed erano favorevoli a lasciare i tassi invariati o “avrebbero potuto sostenere una proposta del genere”, invece dell’aumento dei tassi di 25 punti base che il FOMC ha infine autorizzato.

L’aumento dei tassi di luglio ha portato l’intervallo obiettivo per il tasso di riferimento della Fed dal 5,25% al ​​5,5%, il livello più alto in 22 anni. Ciò ha segnato una ripresa dell’inasprimento dopo che i funzionari hanno lasciato i tassi invariati alla riunione precedente per la prima volta da quando hanno iniziato ad inasprire all’inizio del 2022.

tassi Fed massimi 22 anni

I rendimenti dei Treasury sono aumentati dopo la pubblicazione dei verbali. Il decennale è arrivato vicino al 4,3% mentre il rendimento dei titoli a due anni sensibile alle politiche ha chiuso quasi al 5%.

L’S&P 500 è sceso dello 0,8%, crollando per il secondo giorno consecutivo. Il Nasdaq 100 è scivolato dell’1,1%. Le megacap tecnologiche tra cui Meta Platforms e Amazon.com hanno trascinato i benchmark azionari.

Un comitato diviso

Anche se la dichiarazione rilasciata dopo la riunione ha mostrato un comitato unito, i verbali di luglio hanno confermato che il forte grado di consenso alla base dell’aggressiva campagna di inasprimento della Fed dell’ultimo anno e mezzo sta iniziando a sgretolarsi.

Alcuni, come il presidente della Fed di Filadelfia Patrick Harker, hanno indicato che la banca centrale potrebbe non aver bisogno di continuare ad alzare i tassi di interesse. Altri, tra cui il governatore della Fed Michelle Bowman, hanno espresso il parere opposto.

“Un certo numero di partecipanti ha ritenuto che, con la posizione della politica monetaria in territorio restrittivo, i rischi per il raggiungimento degli obiettivi del comitato fossero diventati più bilaterali, ed era importante che le decisioni bilanciassero il rischio di un involontario inasprimento eccessivo della politica contro il costo di un inasprimento insufficiente”, si legge nei verbali.

Possibili ulteriori aumenti

I verbali della riunione della Fed di luglio mostrano che i funzionari non hanno escluso ulteriori aumenti poiché la maggior parte di loro ha continuato a vedere significati rischi al rialzo per l’inflazione.

Mentre le proiezioni trimestrali aggiornate a giugno mostravano che la maggior parte dei funzionari era favorevole ad altri due aumenti dei tassi quest’anno, il presidente Jerome Powell ha sottolineato che la Fed avrebbe preso le decisioni con un approccio “riunione per riunione”.

“Intendiamo, ancora una volta, mantenere la politica restrittiva fino a quando non saremo sicuri che l’inflazione stia scendendo in modo sostenibile al nostro obiettivo del 2%, e siamo pronti a inasprire ulteriormente se ciò è appropriato”, ha detto Powell alla conferenza post-riunione.

dot plot giugno

Il mercato attualmente non si aspetta un altro aumento dei tassi quest’anno. Secondo i contratti futures, le probabilità implicite di un aumento alla riunione del 31 ottobre – 1 novembre sono superiori a quelle per la loro prossima riunione del 19-20 settembre. Gli investitori continuano a vedere tagli dei tassi nel 2024, con il benchmark che è visto scendere a circa il 4,25% entro la fine del prossimo anno.

La prossima settimana gli osservatori della Fed ascolteranno la conferenza annuale di Jackson Hole della Fed di Kansas City nel Wyoming in cerca di nuovi indizi.

Prospettive ottimistiche

I principali dati economici pubblicati dopo la riunione di luglio hanno per lo più sostenuto l’idea che i funzionari della Fed avranno un po’ di tempo per deliberare sulla necessità di un ulteriore inasprimento.

I dati trimestrali sul costo del lavoro e sul costo unitario del lavoro hanno mostrato una decelerazione del ritmo degli aumenti. Una misura dei prezzi al consumo esclusi cibo ed energia ha registrato i più piccoli aumenti mensili consecutivi in ​​​​più di due anni.

I verbali hanno anche trasmesso un certo ottimismo sulle prospettive poiché gli economisti dello staff della Fed non ritengono più che l’economia entri in una lieve recessione verso la fine dell’anno. Tuttavia, si aspettano che la crescita economica nei prossimi due anni sarà inferiore alla loro stima di crescita potenziale, portando a un piccolo aumento del tasso di disoccupazione.

ARTICOLI CORRELATI:

La Fed aumenta i tassi ai massimi da 22 anni

Decisione tassi Fed di luglio: ecco cosa aspettarsi

Fed minutes giugno: la pausa dei tassi non è stata unanime

La Fed mette in pausa i tassi ma segnala ulteriori aumenti

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.