L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

BCE: il decimo aumento consecutivo porta i tassi al 4%

La BCE ha alzato i tassi di interesse per la decima volta consecutiva. Economisti e investitori ora vedono il livello del 4% fissato giovedì come il picco dei tassi dell’attuale ciclo di inasprimento. Tuttavia, il presidente Lagarde ha insistito sul fatto che non può ancora dire se questo sia il caso.

Dopo la decisione della BCE, l’euro è sceso dello 0,7% raggiungendo il livello più debole da maggio. Le obbligazioni sono aumentate, con i trader che hanno scontato una probabilità del 20% di un altro aumento della BCE. Il debito italiano, tra i più sensibili alle variazioni dei tassi di interesse, ha guidato l’avanzamento. Il rendimento delle obbligazioni italiane a 10 anni è sceso di 12 punti base al 4,32%, segnando il calo maggiore in tre settimane.

Gli operatori hanno faticato ad anticipare il risultato. Il discorso del presidente Lagarde il mese scorso ha apertamente evitato qualsiasi segnale delle sue intenzioni future. Le scommesse a favore di un rialzo sono cresciute con il passare delle settimane, incoraggiate dall’avvertimento del funzionario olandese Klaas Knot secondo cui i mercati potrebbero sottovalutare la possibilità di ulteriori aumenti della BCE.

Il 4% potrebbe non essere il picco dei tassi

Con la decisione di giovedì, la BCE pensa di aver dato un “contributo sufficiente” per riportare l’inflazione al target in modo tempestivo. “Probabilmente l’attenzione si sposterà un po’ di più sulla durata, ma non vuol dire – perché non possiamo dirlo – che ora siamo al picco”, ha detto Lagarde ai giornalisti a Francoforte.

La BCE ha ribadito che manterrà gli oneri finanziari a “livelli sufficientemente restrittivi per tutto il tempo necessario”. Ciò potrebbe lasciare la porta aperta a ulteriori aumenti nel caso in cui l’inflazione si rivelasse più ostinata del previsto.

Una “solida maggioranza” di politici della BCE ha sostenuto l’aumento di 25 punti base di giovedì. Alcuni membri del Consiglio direttivo avrebbero invece preferito una pausa. Prima dell’incontro, i funzionari hanno riconosciuto che la decisione è stata la più equilibrata da quando la BCE ha iniziato l’inasprimento nel luglio 2022.

Alla domanda riguardo alla prospettiva di un futuro taglio, Lagarde ha risposto che non è stata nemmeno una parola che i funzionari hanno pronunciato.

Le nuove previsioni economiche

Le previsioni aggiornate della BCE mostrano che l’economia ora si sta stabilizzando prima di raggiungere un’espansione di solo lo 0,1% nell’ultimo trimestre di quest’anno. Tale prospettiva è stata elaborata prima che i dati rivisti rivelassero una performance ancora peggiore per l’Eurozona nel secondo trimestre. Secondo le previsioni, l’espansione economica sarà decisamente più contenuta fino al 2025.

Lagarde ha affermato che l’economia rimarrà “sottotono” nei prossimi mesi. “Siamo chiaramente in un periodo di crescita lenta e fiacca”, ha affermato. “I tempi difficili sono adesso.”

Tali osservazioni non hanno avuto successo in paesi come l’Italia, che sta subendo l’impatto di tassi più alti e ha appena registrato una contrazione trimestrale. “Questa nuova decisione – presa credo a maggioranza, e quindi osteggiata da alcuni – non credo aiuterà la ripresa economica dell’Europa”, ha detto all’Ansa il ministro Adolfo Urso. “La Germania è già in gran parte in recessione, e con essa anche altri paesi legati al sistema tedesco, come i Paesi Bassi”.

I politici prevedono che l’inflazione si indebolirà fino a raggiungere una media del 3,2% nel 2024 e poi del 2,1% nel 2025. La crescita dei prezzi core sarà leggermente più forte alla fine dell’orizzonte, con una media del 2,2% nel 2025.

previsioni economiche BCE settembre

Possibile stagflazione

L’ultima volta che i politici hanno aumentato i costi di finanziamento a luglio, hanno lasciato deliberatamente aperta la strada per valutare una serie di nuovi dati economici nel corso dell’estate. Da allora, il quadro di un rallentamento della crescita in un contesto di persistenti pressioni sui prezzi sembrava indicare la possibilità che la stagflazione si materializzasse.

L’inflazione core, che esclude cibo e energia, si è attestata al 5,3% in agosto. Nel frattempo, la crescita dell’Eurozona per il secondo trimestre è stata rivista al ribasso e le indagini sulle imprese hanno segnalato un peggioramento delle prospettive per il blocco dei 20 paesi.

Il risultato di giovedì implica ulteriori restrizioni sull’attività dell’Eurozona. Probabilmente i politici accettano la necessità di infliggere ulteriore sofferenza all’economia per tenere sotto controllo l’inflazione. “L’inflazione è diminuita e vogliamo che continui a diminuire”, ha affermato Lagarde. “Lo stiamo facendo non perché vogliamo forzare una recessione, ma perché vogliamo la stabilità dei prezzi”.

Il pericolo per la BCE è che gli avvertimenti di un inasprimento eccessivo da parte di funzionari accomodanti si rivelino corretti.

Il mercato scommette su un taglio dei tassi

Nel frattempo i mercati finanziari scommettono su un’inversione di rotta già nel prossimo giugno. Ciò riflette la crescente preoccupazione per le prospettive di crescita della regione.

I mercati monetari hanno anticipato le scommesse sulla tempistica del primo taglio dei tassi di interesse a giugno da luglio. Quasi tre riduzioni di 25 punti base sono scontate il prossimo anno.

ARTICOLI CORRELATI:

La BCE alza di nuovo i tassi e lascia aperte le opzioni per settembre

Forum BCE Sintra: le banche centrali continueranno ad inasprire

La BCE aumenta i tassi di 25 pb: l’inflazione rimane la priorità

La BCE alza i tassi di 25 pb e segnala un altro aumento a luglio

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.