Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Forum BCE Sintra: le banche centrali continueranno ad inasprire

L’economia globale e l’inflazione si sono finora dimostrate sorprendentemente resistenti agli aumenti dei tassi di interesse. Apparsi insieme nel forum della BCE a Sintra, in Portogallo, i leader delle banche centrali più importanti del mondo hanno promesso ulteriori aumenti per frenare l’inflazione.

“Sebbene la politica sia restrittiva, potrebbe non esserlo abbastanza e non lo è stata abbastanza a lungo”, ha affermato il presidente della Fed Jerome Powell. Dopo che la Fed ha messo in pausa l’inasprimento all’inizio di questo mese, Powell ha lasciato la porta aperta a due aumenti dei tassi consecutivi.

Lagarde, da parte sua, ha suggerito che un aumento dei tassi della BCE il mese prossimo fosse una certezza, sebbene sia stata meno precisa su ciò che i politici potrebbero fare alla riunione di settembre. Bailey, nel frattempo, ha promesso di fare tutto il necessario per riportare l’inflazione al 2% dopo che la Bank of England ha sorpreso gli investitori aumentando i tassi di mezzo punto percentuale questo mese.

Ueda, invece, ha sottolineato che i tassi del Giappone sono fermi perché l’inflazione sottostante rimane al di sotto del 2%. Tuttavia, ha delineato il potenziale per un cambiamento di politica nel caso in cui la Bank of Japan diventi più fiduciosa negli aumenti dei prezzi il prossimo anno.

La BCE e la Federal Reserve sembrano abbastanza vicine al picco dei tassi di interesse e sono passate a parlare della durata del tasso terminale. Allo stesso tempo, la Bank of England si sta ancora concentrando su quanto in alto andare. I leader delle tre banche centrali hanno affermato che le loro istituzioni si stanno ora muovendo “riunione per riunione”, tenendo conto dei dati mentre determinano quale politica è appropriata.

forum BCE Sintra

La prospettiva di Powell

Il presidente Powell ha segnalato che i politici potrebbero potenzialmente aumentare i tassi di interesse a luglio e settembre. Ha ribadito che le previsioni della maggior parte dei responsabili politici mostrano altri due rialzi quest’anno.

dot plot fed giugno

La Fed avrà un’altra lettura sull’inflazione venerdì, con il rilascio dei dati di maggio sull’indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE). Gli economisti prevedono che l’inflazione complessiva su tale misura rallenti al 3,8% dal 4,4% di aprile, in gran parte a causa del calo dei prezzi della benzina. Ma il core PCE – che esclude cibo ed energia e che i politici considerano più indicativo della tendenza sottostante – è previsto invariato al 4,7%.

Powell ha affermato che non sarà fino al 2025 che la misura di base scenderà al 2% e ha espresso la preoccupazione che più a lungo l’inflazione rimarrà alta, maggiore sarà il rischio che diventi radicata nell’economia. Sia lui che Bailey si sono concentrati sulla rigidità del mercato del lavoro dei rispettivi paesi, descrivendola come una fonte di forza per l’economia nel suo complesso ma anche come un carburante per l’inflazione.

Powell ha riconosciuto che una recessione era possibile a seguito delle azioni della Fed, anche se questo non è il suo caso base. Altri membri del panel sono stati ugualmente cauti. Attualmente, la BOE non prevede una recessione. Tuttavia, Bailey ha affermato di dover osservare i dati con molta attenzione. Alla fine, i leader delle banche centrali hanno chiarito che il loro obiettivo principale è domare l’inflazione, anche se ciò potrebbe mettere in difficoltà le loro economie.

Tassi BOE più alti più a lungo

Il governatore della Bank of England ha lasciato intendere che i tassi di interesse potrebbero rimanere ai livelli di picco più a lungo di quanto gli operatori si aspettino attualmente. “Sono sempre stato interessato al fatto che il mercato pensi che il picco sarà di breve durata in un mondo in cui abbiamo a che fare con un’inflazione più persistente”, ha detto al forum della BCE a Sintra.

I mercati monetari stanno attualmente scommettendo che il tasso di riferimento della BOE raggiungerà il picco al di sotto del 6,25% entro febbraio. Si prevede quindi che rimarrà in sospeso per almeno sei mesi, con il primo taglio di un quarto di punto previsto entro settembre del prossimo anno.

Bailey ha affermato che l’inflazione è stata più persistente del previsto a causa di un mercato del lavoro teso alimentato da una fissazione dei salari più elevata e da un’economia resiliente. Ma ha negato che la rigidità del mercato del lavoro fosse guidata dalla Brexit, attribuendola invece alla “risposta al Covid”.

Serve maggiore fiducia nei prezzi per un cambiamento della BOJ

Il governatore della Bank of Japan, Kazuo Ueda, ha suggerito che sarà possibile iniziare a normalizzare la politica monetaria solo quando la BOJ sarà fiduciosa che l’inflazione aumenterà il prossimo anno.

Per ora, l’inflazione sottostante rimane al di sotto del 2% e la prospettiva della BOJ è che gli aumenti dei prezzi rallentino verso la fine dell’anno. Ecco perché al momento sta mantenendo invariata la politica. L’ultima serie di previsioni della BOJ prevedeva un’inflazione del 2% per l’anno fiscale 2024.

I commenti di Ueda erano in gran parte in linea con l’opinione di consenso secondo cui la Bank of Japan cercherà ulteriori prove prima di prendere in considerazione un cambiamento di politica. Le osservazioni hanno spinto alcuni economisti che vedevano un aggiustamento entro luglio a prendere in considerazione la possibilità di ridurre la loro convinzione.

Parlando al forum della BCE a Sintra, il governatore Ueda ha evidenziato la continua divergenza politica tra la BOJ e le sue controparti globali. Lo yen si è indebolito a un nuovo minimo di sette mesi questa settimana, provocando avvertimenti da parte dei funzionari governativi. “Lo yen è influenzato da molti fattori diversi dalla nostra politica monetaria, comprese le politiche di queste tre banche”, ha detto il governatore della BOJ quando gli è stato chiesto della valuta. “Quindi monitoreremo molto attentamente la situazione”.

Alla domanda sulle prospettive dei prezzi al consumo, Ueda ha ribadito le previsioni più recenti della BOJ. Ha osservato che le opinioni dei consumatori stanno cambiando, ma non abbastanza.

ARTICOLI CORRELATI:

La BCE alza i tassi di 25 pb e segnala un altro aumento a luglio

La Fed mette in pausa i tassi ma segnala ulteriori aumenti

CPI maggio 2023: inflazione USA rallenta, probabile pausa della Fed

La Bank of Canada aumenta i tassi a sorpresa dopo la pausa di gennaio

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.