Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 35

Tabella mercati
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi hanno subito la terza perdita settimanale consecutiva. L’S&P 500 ha lottato con la sua serie di sconfitte settimanali più lunga da metà giugno. I guadagni registrati subito dopo l’uscita dei dati sul lavoro sono stati cancellati con la notizia del ritardo nell’apertura di un gasdotto chiave verso l’Europa.

Le attività di rischio sono state sotto pressione da quando il presidente della Fed ha chiarito che la banca centrale aumenterà ulteriormente i tassi e li manterrà elevati fino a quando i prezzi non rallenteranno. Allo stesso tempo, anche i rendimenti reali hanno giocato un ruolo chiave. Quelli a 5 e 10 anni sono tornati vicino ai massimi pluriennali mentre quelli a breve termine sono improvvisamente balzati ai massimi di marzo 2020.

Il pensiero tra i trader di Wall Street è che la Federal Reserve sia sempre più determinata a raggiungere condizioni finanziarie restrittive attraverso prezzi delle azioni più bassi e rendimenti obbligazionari elevati. In un intervista, il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha espressamente dichiarato di essere contento del sell off azionario che ha seguito il discorso di Powell al simposio di Jackson Hole.

Trader di Wall Street. Settembre 2022
L’indice delle condizioni finanziarie ha recuperato l’allentamento associato alla narrativa del pivot della Fed

Le azioni si dirigono verso il periodo tradizionalmente più debole. Negli ultimi 25 anni, l’S&P 500 ha registrato una perdita media dello 0,7% a settembre, secondo i dati di Bloomberg. Tornando alla seconda guerra mondiale, l’indice ha registrato un calo medio dello 0,6% questo mese.

stagionalità S&P 500
Dati di CFRA

Settembre è stato il mese peggiore dell’anno anche per le performance delle tech. Nell’ultimo decennio, il Nasdaq 100 è sceso in media dello 0,6% questo mese, l’unico dell’anno con una media negativa. Ciò rappresenta un altro motivo di cautela e si aggiunge ai venti contrari dell’inflazione e dell’aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve.

cosa fa muovere i mercati settimana 35: performance Nasdaq mensili

NFP goldilocks

Il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti è stato leggermente al di sopra delle aspettative, con la lettura headline in aumento di 315.000 contro le aspettative di 300.000 buste paga. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è salito al 62,4% dal 62,1%, facendo salire il tasso di disoccupazione al 3,7%. L’aumento della retribuzione oraria media è rallentata.

cosa fa muovere i mercati settimana 35: NFP

I mercati monetari assegnano ancora una probabilità del 75% di una mossa di 75 punti base per settembre. Adesso l’attenzione si rivolge al rapporto sul CPI di agosto del 13 settembre.

Il Nord Stream e la crisi energetica europea

Venerdì Gazprom ha affermato che il trasporto di gas tramite il gasdotto Nord Stream 1 sarà interrotto fino a quando i guasti non saranno corretti e non vi è alcuna tempistica per riparare la turbina. I rapporti precedenti affermavano che l’azienda avrebbe riavviato i flussi di gas sabato 3 settembre.

In preparazione alla stagione invernale, le riserve di gas dell’UE hanno raggiunto una media dell’80%, un obiettivo che doveva essere raggiunto entro il 1° novembre. In particolare, la Germania ha raggiunto il suo obiettivo di stoccaggio dell’85%, inizialmente fissato per il 1° ottobre. Tuttavia, il raggiungimento del prossimo traguardo del 95% entro il 1° novembre sarà difficile da ottenere. Inoltre, secondo la Federal Network Agency, lo stoccaggio del gas al 95% sarebbe in grado di garantire solo 2 mesi di domanda in assenza di flussi dalla Russia.

La riunione della BCE in focus

Le sfide che la Banca centrale europea si sta trovando ad affrontare sono forse più dure di quelle della Fed. L’economia della regione è afflitta da una crisi dell’approvvigionamento energetico che sta provocando uno shock inflazionistico storico.

La BCE ha posto fine a otto anni di tassi sotto zero con una mossa a sorpresa di mezzo punto percentuale a luglio. Gli investitori e gli economisti si aspettano un aumento di 75 punti base alla riunione di questa settimana, visto che gli aumenti dei prezzi si stanno facendo sempre più intensi.

L’inflazione in Euro Area ha raggiunto un altro massimo storico. I prezzi al consumo sono aumentati del 9,1% rispetto a un anno fa ad agosto. L’inflazione core, che esclude gli effetti di cibo e energia, è salita a un nuovo massimo al 4,3%, evidenziando come le pressioni sui prezzi continuino a diventare sempre più diffuse.

La debolezza dell’euro non sta aiutando affatto la BCE. Al momento, il tasso di cambio EUR/USD si trova al di sotto della parità, spinto dalle preoccupazioni per l’approvvigionamento di energia.

La decisione della BCE rimane difficile. La Lagarde e i suoi colleghi si trovano in mezzo a due problemi: l’inflazione elevata e il rischio recessione. Inoltre, i funzionari devono essere in grado di gestire la frammentazione dell’Eurozona. A tal proposito, la Lagarde ha annunciato lo strumento anti-crisi che dovrebbe essere in grado di contenere gli spread dei paesi maggiormente indebitati mentre la banca centrale aumenta i tassi d’interesse.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 34

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 33

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 32

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 31

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy