Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 48

Questa settimana Powell ha di nuovo dominato le headline. Tra i flussi di notizie riguardo al Covid in Cina e una sfilza di dati economici pessimi, tutto quello che è davvero importato ai mercati è stato il discorso più “accomodante” del previsto del presidente della

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 47

Nel mezzo di una settimana con scarsi volumi, le obbligazioni e le azioni hanno registrato un rally mentre il dollaro è scivolato al ribasso sulla scia delle speranze di “pausa” della Fed (alimentate dai verbali della riunione del FOMC di novembre) che hanno fatto scendere

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 46

Dopo la reazione del mercato al CPI della scorsa settimana, un’ondata di FedSpeak ha schiacciato qualsiasi speranza su una pausa del ciclo dei rialzi dei tassi. Tra i vari relatori, il presidente della Fed di St Louis Bullard ha indicato quello che secondo la sua

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 44

E’ stata una settimana densa di dati che ha portato oscillazioni importanti sui mercati. Le azioni statunitensi sono scese, recuperando un po’ di terreno durante la sessione finale. Tra gli indici, il Nasdaq è stato il grande perdente, con un calo del 6%. Questa è

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 43

Le azioni statunitensi hanno chiuso una settimana turbolenta con un notevole guadagno. Le chiacchiere su una “pausa” o un “mini-pivot” della Fed hanno fornito la narrativa per il panic buying delle azioni. Dato che le aspettative per il tasso terminale della Fed sono rimaste invariate

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 42

Un’altra settimana di oscurità sul fronte delle politiche monetarie delle banche centrali si è trasformata in una settimana positiva per il mercato delle equities. Le azioni hanno registrato la loro performance settimanale migliore in più di quattro mesi, sfidando l’impennata dei rendimenti obbligazionari. L’S&P 500

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 45

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

I dati sull’inflazione più deboli del previsto, le news sull’allentamento di alcune restrizioni Covid della Cina e le chiacchiere su una tregua tra Russia e Ucraina hanno alimentato l’ottimismo nella settimana appena conclusa.

L’S&P 500 ha registrato il più grande guadagno settimanale da giugno. Il Nasdaq 100 ha segnato la sua migliore settimana in due anni mentre il Dow Jones ha quasi soddisfatto la definizione tecnica di mercato rialzista, essendo vicino al 20% dal suo minimo più recente.

Durante la settimana, i titoli tecnologici hanno avuto i maggiori guadagni (in rialzo di oltre il 10%) mentre le utilities sono rimaste indietro (in rialzo solo dell’1,4%).

Il dollaro ha affrontato il più grande calo settimanale da marzo 2020, rompendo al di sotto della sua media a 50 e 100 periodi.

dollaro USA crollo post CPI

Nel frattempo, le criptovalute sono scese in mezzo ai crescenti problemi di FTX. Bitcoin e Ethereum sono crollati di oltre il 20%.

La presidente della Fed di Boston Susan Collins ha affermato che i rischi di spingersi troppo oltre sono aumentati ma ha notato che un aumento dei tassi più piccolo non deve essere confuso con il fare marcia indietro per frenare le pressioni sui prezzi.

Il FedSpeak e il raffreddamento del CPI hanno abbassato drasticamente le aspettative sulla traiettoria dei tassi della Fed durante la settimana. Il tasso terminale è visto di nuovo al di sotto del 5%.

aspettative tassi Fed dopo CPI

L’oro ha raggiunto il massimo degli ultimi 3 mesi nella sua settimana migliore da marzo 2020.

Il petrolio ha chiuso in ribasso, nonostante i guadagni degli ultimi due giorni dovuti all’allentamento della strategia Covid Zero della Cina.

I dati dell’inflazione negli Stati Uniti

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 7,7% rispetto all’anno precedente, l’aumento annuale più piccolo dall’inizio dell’anno.

I prezzi core, che escludono cibo ed energia, sono aumentati del 6,3%, indietreggiando dal massimo di 40 anni del mese precedente. Sia gli aumenti annuali che mensili sono andati al di sotto delle aspettative, dando spazio alla Fed per procedere con aumenti dei tassi più piccoli.

I costi dello shelter hanno contribuito a più della metà dell’aumento dell’CPI. I prezzi del cibo e delle auto usate sono diminuiti mentre quelli della benzina sono aumentati del 4%. Nel frattempo, i costi dell’assicurazione sanitaria sono scesi di un record del 4%.

I prezzi delle utenze hanno continuato a registrare guadagni a due cifre, con le bollette del gas in aumento del 20% e quelle elettriche del 14% rispetto all’anno scorso.

In risposta ai dati, le azioni statunitensi hanno registrato il loro giorno migliore in due anni. Anche le obbligazioni sono salite, spingendo i rendimenti a due anni al ribasso di 26 punti base, il calo più grande in un decennio. Durante il giorno del CPI di ottobre sono stati acquistati più titoli del Tesoro rispetto agli attacchi terroristici dell’11 settembre, o al sorprendente taglio dei tassi tra le riunioni della Fed di Greenspan in risposta al crollo di Long Term Capital Management. Il dollaro ha avuto il suo giorno peggiore dal 2009. Ciò ha favorito le altre valute, soprattutto lo yen.

inflazione USA ottobre

L’allentamento delle restrizioni in Cina

La Cina ha ridotto la quantità di tempo che i viaggiatori devono trascorrere in quarantena. La stessa durata ridotta della quarantena verrà ora applicata anche ai contatti stretti delle persone infette, riducendo al minimo il regime di tracciamento dei contatti.

In un ulteriore vantaggio per i collegamenti di viaggio internazionali, verrà demolito anche un sistema controverso che penalizza le compagnie aeree per aver portato casi di virus nel paese.

La serie di cambiamenti annunciati venerdì sono stati celebrati dalle azioni cinesi. L’indice Hang Seng China Enterprises è balzato dell’8,3%, il più grande balzo da marzo. Le azioni immobiliari e tecnologiche hanno registrato i maggiori guadagni. Lo yuan si è rafforzato rispetto al dollaro e i rendimenti dei titoli di Stato cinesi sono aumentati.

Il fallimento di FTX.com

L’impero delle risorse digitali di Sam Bankman-Fried ha presentato istanza di fallimento secondo il Capitolo 11, segnando la caduta di uno dei magnati più ricchi e influenti del mondo delle criptovalute.

Più di 130 entità legate a FTX.com, FTX US e la società commerciale Alameda Research Ltd. sono state elencate nei documenti depositati presso il tribunale federale di Delaware, con la petizione Alameda che elenca attività e passività di almeno $ 10 miliardi ciascuna.

Bankman-Fried non gestiva solo uno dei più grandi exchange mondiali di risorse digitali, ma stava rapidamente ottenendo il riconoscimento mainstream. Quando il mercato ha raggiunto il picco nel 2021, FTX si era guadagnata la fiducia di oltre 5 milioni di utenti in tutto il mondo, scambiando più di 700 miliardi di dollari di criptovalute solo quell’anno.

La crisi si è rapidamente abbattuta su FTX dopo che i prezzi del token crittografico nativo dell’exchange, FTT, sono crollati e gli utenti si sono affrettati a ritirare i propri asset. Il leader dell’exchange di criptovalute rivale Changpeng “CZ” Zhao aveva precedentemente affermato che avrebbe venduto circa $ 529 milioni di token a causa di recenti rivelazioni, alludendo a un rapporto di CoinDesk che aveva sollevato dubbi sulla salute finanziaria di Alameda.

Martedì, Binance aveva concordato di acquistare FTX.com durante la crisi di liquidità dell’exchange, ma ha rinunciato all’accordo dopo un breve periodo di due diligence.

La ricchezza di Bankman-Fried, che all’inizio della settimana era di circa 16 miliardi di dollari, è svanita insieme alla reputazione di un prodigio delle criptovalute che solo di recente era stato considerato un pilastro dell’industria.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 44

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 43

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 42

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 41

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy