Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 43

cosa fa muovere mercati settimana 43
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi hanno chiuso una settimana turbolenta con un notevole guadagno. Le chiacchiere su una “pausa” o un “mini-pivot” della Fed hanno fornito la narrativa per il panic buying delle azioni.

Dato che le aspettative per il tasso terminale della Fed sono rimaste invariate ma quelle di un successivo taglio dei tassi sono cambiate in modo accomodante, sembra che i trader siano più concentrati su un potenziale pivot. Allo stesso tempo però, le probabilità di un aumento dei tassi di 75 punti base alla riunione di dicembre sono aumentate venerdì da circa il 20% al 40%.

Un indicatore dell’inflazione statunitense (PCE index) è accelerato a settembre, rafforzando le argomentazioni della Fed per un aumento jumbo dei tassi la prossima settimana. Nel frattempo, una contrazione della produzione e dei servizi, e vendite di case inferiori alle attese, hanno indicato che le azioni della Fed stanno già colpendo l’economia.

Grazie alla narrativa fondamentale e a una base di investitori sotto-allocata o posizionata in modo ribassista, le azioni sono salite con un comportamento di “stop-out “/ “buy to cover” che si è visto spesso quest’anno.

Nella settimana, Il Dow Jones e il Russell 2000 sono cresciuti di quasi il 6%, con il primo che è sulla buona strada per il suo miglior mese dal 1976. Il VIX è sceso a 25, con le put che venivano scaricate.

Gli industriali sono stati i migliori insieme a utilities e financial, mentre i consumer discretionary e i communication services sono rimasti indietro.

performance settori S&P 500 settimana 43 2022
Dati elaborati dalla piattaforma Quantaste

Gli earnings delle Big Tech

I rapporti trimestrali delle società tecnologiche megacap hanno sottolineato l’impatto del regime di inasprimento della Fed e di un dollaro forte.

Alphabet ha riportato vendite e utili inferiori alle previsioni, con la crescita pubblicitaria che è rallentata al livello più debole dal 2013, mentre Microsoft ha registrato la crescita trimestrale delle vendite più scarsa in cinque anni.

E’ stato il secondo trimestre consecutivo di netto calo delle entrate per Meta. Il mercato è stato particolarmente severo nella sessione after-hour, portando le azioni al prezzo più basso da febbraio 2016.

Il valore di mercato di Amazon è sceso brevemente al di sotto di $ 1 trilione dopo che il rapporto sugli utili e le prospettive deludenti hanno spinto gli investitori a correre verso l’uscita.

Nonostante le Big Tech abbiano subito le perdite più grandi di sempre dopo i loro utili, il market breadth che ha caratterizzato la salita dell’azionario è stato molto ampio. Una versione “democratizzata” dell’S&P 500 ha registrato uno dei suoi migliori guadagni settimanali consecutivi dal 2009: l’indice S&P 500 Equal Weight, una versione che elimina la distorsione della capitalizzazione di mercato, è salito di oltre il 3,5% per la seconda settimana consecutiva.

performance indice s&p equal weight

Nel complesso, questa stagione degli utili si sta rivelando piuttosto forte, con la maggior parte delle società che ha ampiamente superato le stime degli analisti.

Le decisioni delle banche centrali

Mercoledì, la Bank of Canada ha annunciato un aumento dei tassi inferiore al previsto. Ciò ha brevemente alimentato la speculazione che la Fed potrebbe seguire l’esempio. La Bank of Japan, invece, ha mantenuto i tassi di interesse ultra bassi.

Giovedì la Banca centrale europea ha dichiarato un secondo aumento consecutivo di 75 punti base, abbandonando un precedente riferimento agli aumenti dei tassi che continuano per “diversi incontri”, un risultato considerato accomodante.

La BCE ha anche cambiato drasticamente la remunerazione del TLTRO, il meccanismo di finanziamento a basso costo che ha consentito alle banche europee di prendere in prestito circa 2 trilioni di euro a tassi molto vantaggiosi durante la pandemia. L’obiettivo di questa mossa è quello di incentivare le banche a rimborsare questi prestiti, riducendo così il bilancio della BCE e allo stesso tempo allentando parte della scarsità di garanzie in Europa.

Essendo ben consapevoli dei pericoli del quantitative tightening in Eurozona, la Lagarde e i suoi colleghi hanno ritenuto la riduzione del TLTRO un’opzione più praticabile.

I movimenti valutari

Il dollaro è sceso per la seconda settimana consecutiva. Ciò ha dato un po’ di tregua al resto delle valute, in particolare allo yen e all’euro.

E’ andata diversamente per lo yuan offshore, che a seguito del crollo delle azioni cinesi quotate negli Stati Uniti, è sceso al livello più basso dal 2007 nei confronti del dollaro.

minimo yuan offshore contro dollaro deprezzamento PBOC

Il calo è stato innescato dal fix ufficiale dello yuan onshore a 7,1668, che pur essendo più forte della stima di 7,2198, è stato il tasso di riferimento più debole in 14 anni. Questo è un segnale che la PBOC sta lasciando andare la valuta mentre la pressione sui deflussi aumenta.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 42

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 41

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 40

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 39

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.