4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 41

cosa fa muovere mercati settimana 41
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Una settimana da ricordare quella che si è appena conclusa. Giovedì gli investitori azionari si sono scrollati di dosso un’altra lettura rovente dell’indice dei prezzi al consumo statunitensi mettendo in scena un’inversione quasi senza precedenti.

Il rally però è svanito altrettanto velocemente il giorno dopo, quando il sondaggio dell’Università del Michigan ha mostrato che le aspettative di inflazione per il prossimo anno sono aumentate per la prima volta in sette mesi.

Ciò ha lasciato l’S&P 500 in calo dell’1,6% nella settimana, portando le perdite dall’inizio dell’anno a quasi il 25%. L’indice ha registrato il suo 23° calo settimanale di almeno l’1% quest’anno.

Il Dow Jones Industrial Average è avanzato dell’1,2% nella sua seconda settimana consecutiva al rialzo mentre il Nasdaq ha recuperato quasi tutti i guadagni di giovedì, chiudendo in ribasso di oltre il 3%.

Durante la settimana, i consumer staples e l’healthcare hanno sovraperformato mentre i consumer discretionary e le tech sono stati i peggiori.

performance settori S&P 500 settimana 41
Dati elaborati dalla piattaforma Quantaste

Le violente oscillazioni evidenziano quanto sia diventato difficile prevedere le reazioni degli investitori, la cui ossessione per i dati sull’inflazione e le azioni della Federal Reserve sembra solo crescere. Al senso di disagio tra i trader di azioni si è aggiunta una serie mista di risultati trimestrali delle grandi banche che hanno dato il via alla stagione degli utili.

Il VIX è stato scambiato sopra i 30 per sette sessioni consecutive, mentre l’indice della volatilità del mercato obbligazionario ha superato il massimo del covid.

Il report del CPI di settembre

L’inflazione headline è aumentata dell’8,2% su base annuale a settembre, rimanendo al di sopra dell’8% per il settimo mese consecutivo. L’aumento dei prezzi del cibo e degli affitti hanno compensato il calo dei prezzi della benzina.

Il core CPI è balzato al massimo degli ultimi 40 anni al 6,6%, superando le previsioni e dimostrando quanto l’inflazione degli Stati Uniti sia diventata profonda.

I costi del cibo sono aumentati del 13% rispetto a un anno fa, con prodotti come farina, biscotti, tacchino, frutta e verdura che hanno tutti registrato aumenti record.

L’affitto dello shelter e l’owner equivalent rent sono aumentati ciascuno dello 0,8% a settembre rispetto al mese precedente, il massimo dal 1990. Entrambe le misure hanno registrato un aumento record del 6,7% su base annua.

Escludendo l’affitto degli alloggi, il costo dei servizi è aumentato a un ritmo annuo record mentre quello dei beni è diminuito. Ciò dimostra che i consumatori sono di nuovo passati a preferire i servizi rispetto ai beni, una tendenza che era stata valida fino all’arrivo della pandemia.

inflazione servizi beni CPI USA settembre

Le aspettative del mercato sui rialzi dei tassi

Dopo l’uscita dei dati sull’inflazione, il mercato ha iniziato a scontare due aumenti consecutivi dei tassi di 75 punti base alle prossime due riunioni del FOMC.

Il tasso sul contratto overnight index swap (OIS) di novembre è salito al 3,86%, oltre 75 punti base al di sopra del tasso attuale, mentre quello di dicembre è salito al 4,50%. Il mercato adesso sconta un tasso terminale più alto, con il contratto di marzo 2023 che ha toccato il 4,864%.

aspettative rialzi tassi Fed dopo CPI settembre

Secondo gli ultimi commenti, i funzionari della Fed sono pronti ad aumentare i tassi più in alto del previsto. Il presidente della Fed di Kansas City Esther George ha affermato che il tasso terminale potrebbe dover arrivare più in alto del previsto per raffreddare i prezzi. Mary Daly della Fed di San Francisco ha dichiarato di essere favorevole ad aumentare i tassi a livelli restrittivi tra il 4,5% e il 5%.

Il dot plot del mese scorso ha mostrato che i membri del FOMC si aspettano tassi del 4,4% entro la fine dell’anno e del 4,6% l’anno prossimo, da un target range attuale del 3%-3,25%.

Il caos del Regno Unito

La scorsa settimana la Bank of England è stata costretta di nuovo ad intervenire nel mercato dei gilts, ampliando il suo programma di acquisto ai titoli di Stato indicizzati all’inflazione.

La BOE ha iniziato il programma di emergenza per arrestare il crollo storico dei gilts innescato dall’annuncio di tagli fiscali non finanziati da parte del nuovo governo.

Il governatore Andrew Bailey ha posto le basi per un’ulteriore pressione sugli asset del Regno Unito dopo aver avvertito i gestori di fondi pensione che il tempo per mettere a posto le loro posizioni di liquidità stava per scadere. Il programma di acquisto di obbligazioni, infatti, è terminato il venerdì della settimana appena conclusa come era previsto.

I fondi pensione britannici hanno scaricato attività per soddisfare le margin call e i loro problemi si stanno diffondendo nei mercati obbligazionari globali.

Negli Stati Uniti, le obbligazioni societarie investment grade sono in calo, mentre i premi per il rischio si sono ampliati. In Europa, i prestiti con leva raggruppati in obbligazioni note come collateralized loan obbligations (CLO) sono stati sotto pressione. Sembrerebbe che il più grande acquirente di CLO si sia ritirato dal mercato a causa dell’alta volatilità.

Un decennio di bassi tassi d’interesse ha portato gli investitori come i gestori di fondi pensione a fare un uso più aggressivo di derivati e della leva. Il rischio di questi comportamenti viene rivelato solo quando i rendimenti obbligazionari aumentano.

I problemi nel Regno Unito sono un problema che riguarda l’intero mondo sviluppato. Ci sono molte giurisdizioni con un’enorme industria dei fondi pensione. Un forte spostamento dei rendimenti potrebbe innescare dinamiche molto simili anche in altri paesi.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 40

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 39

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 38

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 37

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.