Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 37

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

La narrativa del “Fed pivot” ormai è completamente svanita grazie anche al rapporto del CPI di agosto che ha mostrato che le pressioni inflazionistiche sottostanti stanno ancora accelerando. Alcune misure “core”, che una volta venivano usate come prove che l’inflazione fosse transitoria, hanno raggiunto nuovi massimi pluridecennali. A preoccupare sono anche i continui aumenti su base mensile del core CPI.

cosa fa muovere i mercati settimana 37

L’inflazione sopra le aspettative ha spinto trader ed economisti a mettere sul tavolo un aumento di un intero punto percentuale della Federal Reserve questa settimana. I mercati monetari scontano una probabilità per niente trascurabile di un aumento di 100 punti base alla riunione del FOMC di mercoledì. Un aumento del genere non si vede dagli anni ’80.

cosa fa muovere i mercati settimana 37 aumento tassi Fed

Il mercato adesso sta prezzando un tasso terminale di circa il 4,4%. Capiremo quanto sia accurata questa previsione quando avremo le proiezioni aggiornate del dot plot questo mercoledì.

L’avvertimento di FedEx

A gravare sul sentiment è stato l’avvertimento di FedEx sul peggioramento delle prospettive dell’economia globale. L’azienda prevede che gli utili del primo trimestre saranno di $ 3,44 per azione, ovvero circa il 33% al di sotto della stima media degli analisti di $ 5,10. Inoltre, FedEx ha ritirato le sue previsioni sugli utili per il 2023, affermando che le tendenze macroeconomiche sono notevolmente peggiorate, sia a livello internazionale che negli Stati Uniti, e sono destinate a peggiorare ulteriormente. Ciò ha alimentato i timori sulla crescita degli utili aziendali.

Alcuni strateghi erano già cauti sulle prospettive degli utili prima dell’avvertimento di FedEx. Michael Hartnett di Bank of America Corp. ha affermato in una nota venerdì che una recessione degli utili probabilmente porterà le azioni statunitensi a nuovi minimi, mentre gli strateghi della Deutsche Bank hanno affermato che i profitti delle società sono destinati a diminuire, mettendo l’S&P 500 a rischio di un sell off più profondo.

FedEx non è l’unica azienda ad avvertire che è probabile che il contesto macroeconomico influirà sui profitti. Giovedì, il capo della finanza di General Electric Co. ha dichiarato che le sfide della catena di approvvigionamento stanno pesando sulla performance del terzo trimestre, mentre alcune delle più grandi banche di Wall Street si aspettano profondi cali delle commissioni bancarie di investimento per il trimestre in corso.

Potrebbe esserci ancora molta strada da fare per ripristinare le aspettative. Infatti, le stime sugli utili degli analisti per le società statunitensi sono ancora vicine ai massimi storici.

stime sugli utili 2022

4 trilioni di dollari evaporati in 5 giorni

Dopo le storie del “picco dell’inflazione” e del “Fed pivot”, che hanno offerto ad azioni e obbligazioni un po’ di sollievo per alcune settimane, adesso il mercato sembra seguire di nuovo la narrativa del rischio recessione. Il cambio di sentiment ha spazzato via quasi $ 4 trilioni di ricchezza dai mercati obbligazionari e azionari globali in cinque giorni.

L’S&P 500 è sceso per tre giorni consecutivi, in ribasso di quasi il 5%, il calo peggiore da quando il mercato ha raggiunto il minimo a giugno. Il Nasdaq 100 è sceso del 5,8% registrando la settimana peggiore da gennaio.

Il benchmark delle azioni europee è sceso per quattro giorni consecutivi, con le società di consegna che hanno subito un duro colpo dopo l’avvertimento di FedEx.

Il sondaggio mensile di Bank of America ha mostrato che i gestori di fondi globali stanno fuggendo in massa dalle azioni, con le allocazioni ai titoli ai minimi storici. Secondo il sondaggio, il 52% degli intervistati ha affermato di essere sottoponderato in azioni. Allo stesso tempo, gli investitori hanno aumentato l’esposizione alla liquidità al livello più alto dall’ottobre 2011.

cosa fa muovere i mercati settimana 37

L’inversione della curva dei rendimenti

A confermare il pessimismo è stata la curva dei rendimenti. Lo spread tra i rendimenti a 30 anni e a 2 anni ha raggiunto il livello di inversione più profondo di questo secolo.

cosa fa muovere i mercati settimana 37 inversione della curva dei rendimenti

Il divario tra i 30 e i 2 anni è importante perché segna la differenza tra il benchmark statunitensi più breve e quello più lungo, sebbene altri spread siano generalmente seguiti più da vicino.

Il dollaro e il panico sul mercato del forex

La forza del dollaro sta mettendo in difficoltà i suoi peers globali, soprattutto quelli asiatici. Lo yen, che già languiva al minimo di 24 anni fa, è precipitato a un soffio dal livello di 145 per dollaro. Lo yuan cinese è scivolato oltre i 7 per dollaro, nonostante la PBOC abbia fissato il tasso di cambio a livelli sempre più alti rispetto alle stime degli economisti, inviando segnali del suo disagio per la debolezza della valuta.

Il dollaro canadese è sceso al livello più debole in quasi due anni e il dollaro australiano è vicino a un nuovo minimo pluriennale. La sterlina è scesa al livello più debole rispetto al dollaro dal 1985.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 36

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 35

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 34

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 33

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy