Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 36

cosa fa muovere i mercati settimana 36
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Il sentiment risk-on ha fatto ritorno. Gli angoli più speculativi e rischiosi del mercato hanno registrato guadagni la scorsa settimana, che siano meme stock, crypto o aziende tech senza profitti.

Il tiro alla fune tra i tori e gli orsi si riduce alla capacità della Fed di reprimere l’inflazione senza schiacciare la crescita economica. Per adesso gli investitori sembrano aggrapparsi alla tesi del soft landing e sfidano i commenti aggressivi della Fed. Tuttavia, ci sono indicazioni che il rimbalzo degli asset di rischio sia guidato da aspetti tecnici più che fondamentali.

I partecipanti che non hanno altra scelta se non quella di acquistare hanno aiutato il mercato a superare un ondata di vendite da parte di day trader e investitori di fondi. Tra questi ci sono venditori allo scoperto, dealer di opzioni e alcuni trader quantitativi.

Gli short sellers hanno dovuto coprire le loro posizioni acquistando le azioni (short covering). La necessità di ridurre le perdite ha portato a un balzo dell’8,2% nel paniere di Goldman Sachs Group Inc. dei titoli con lo short interest più alto.

A Hated Rally- S&P500

Allo stesso tempo i dealer di opzioni si sono trovati in “short gamma”. Ciò significa che, per mantenere una posizione neutrale e non essere esposti alla direzionalità del prezzo, sono stati costretti ad acquistare mentre il mercato stava salendo.

Gamma Exposure

Il rimbalzo della scorsa settimana è arrivato nello stesso momento in cui Powell ha ribadito che i funzionari della Fed non sussulteranno nella battaglia per frenare l’inflazione, rafforzando le aspettative di un terzo aumento consecutivo sovradimensionato del tasso alla fine di questo mese. Il mercato adesso sconta una probabilità del 90% di un aumento di 75 punti base alla riunione di settembre.

Dalla parte opposta di chi è costretto a comprare c’è un esercito di investitori ribassisti che si basano sui fondamentali. Quest’anno, le disponibilità di liquidità nei fondi comuni di investimento sono aumentate e l’esposizione azionaria degli hedge fund ha toccato i minimi pluriennali.

Anche gli investitori al dettaglio, i buyers più fedeli dell’era post-pandemia, stanno riconsiderando la loro visione. La scorsa settimana, i retail trader hanno venduto azioni per la prima volta da giugno, secondo una stima di JPMorgan Chase & Co. ricavata dai dati pubblici sulle borse. Nel frattempo, più di 10 miliardi di dollari sono stati ritirati dai fondi azionari, secondo i dati raccolti da EPFR Global.

La volatilità del forex

Il tasso di cambio dollaro-yen ha sfiorato i 145, un livello che non si vedeva da 24 anni. I responsabili politici stanno iniziando a preoccuparsi per il calo della valuta giapponese.

ll ministro delle finanze Shunichi Suzuki ha dichiarato che il Giappone osserverà da vicino le mosse dei mercati valutari e risponderà secondo le necessità senza però specificare le azioni che potrebbero essere intraprese.

Gli interventi verbali non sono stati sufficienti per fermare la debolezza dello yen. Il Giappone non ha il sostegno degli Stati Uniti per intervenire sul mercato del forex.

In ogni caso, il mercato pensa che qualsiasi tipo di intervento avrebbe effetti limitati in quanto le valute reagiscono ai fondamentali. Finché le politica monetaria del Giappone rimarrà in modalità espansiva e i differenziali dei tassi continueranno ad ampliarsi è difficile che lo yen inverta la sua tendenza.

yen giapponese debole

Lo yen non è l’unica valuta debole. Rimanendo in Asia, lo yuan cinese è molto vicino ai 7 per dollaro e i responsabili politici stanno iniziando a manifestare il loro disagio. La Cina ha mandato un forte segnale la scorsa settimana, fissando il tasso di riferimento per la valuta al livello più forte mai registrato, ovvero a 454 pip in più rispetto alla stima mediana delle stime degli economisti.

Il won coreano invece si sta rapidamente avvicinando al livello psicologico di 1400 rispetto al dollaro, visto l’ultima volta nel 2009.

La BCE tra l’incudine e il martello

La BCE ha aumentato i tassi d’interesse di 75 punti base, lasciando intendere che potrebbe farlo ancora. La banca centrale è stata accusata di aver agito con troppo ritardo per contrastare l’inflazione record e adesso deve cercare di mantenere la sua credibilità.

La BCE ha alzato le sue prospettive per i prezzi al consumo quest’anno e il prossimo e ha ridotto le sue previsioni di crescita economica nel 2023.

La Lagarde si trova in una situazione difficile: da una parte deve cercare di frenare l’inflazione record, dall’altra deve affrontare il rischio recessione.

Nonostante gli aumenti dei tassi abbiano un effetto limitato se non nullo sui prezzi dell’energia, la BCE è costretta ad inasprire la sua politica. La sfida sta nel farlo senza mettere sotto stress i mercati, soprattutto quelli dei paesi maggiormente indebitati dell’Eurozona. Per raggiungere questo obiettivo, la Lagarde ha presentato un nuovo strumento anti-crisi alla riunione di luglio.

Dopo l’ultimo aumento dei tassi della BCE, lo spread BTP-Bund ha superato i 230 punti base e si trova vicino al massimo di giugno, quando la Lagarde ha convocato una riunione di emergenza per discutere dei rischi per i paesi più fragili dell’Euro Area.

spread BTP-Bund
ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 35

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 34

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 33

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 32

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy