Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Nuovo intervento della Bank of England nel mercato dei gilts: il piano di emergenza si avvicina al termine mentre esplode il caos

Ieri la Bank of England è stata costretta ad intervenire per stabilizzare il mercato dei gilts, rendendo nota l’intenzione di ampliare il suo programma di acquisto ai titoli di Stato indicizzati all’inflazione. Questa è già la seconda volta che la banca centrale del Regno Unito è intervenuta per salvare i mercati nelle ultime due settimane.

La BOE ha iniziato ad acquistare obbligazioni a lungo termine alla fine del mese scorso come misura di emergenza per garantire che i fondi pensione esposti alle cosiddette strategie di investimento guidate dalla responsabilità potessero sistemare le loro posizioni di liquidità.

Il crollo storico dei gilts è stato innescato dall’annuncio da parte del nuovo governo di tagli fiscali non finanziati pari a 45 miliardi di sterline.

Bailey ha chiarito che il programma di emergenza è stata l’ultima risorsa. I funzionari non hanno avuto altra scelta se non quella di iniziare ad acquistare il debito pubblico. Adesso, la politica della banca centrale del Regno Unito è contraddittoria: Bailey sta aumentando i tassi d’interesse mentre acquista gilt per preservare la stabilità finanziaria.

“La disfunzione in questo mercato e la prospettiva di dinamiche di vendita auto-rafforzanti rappresentano un rischio materiale per la stabilità finanziaria del Regno Unito”, ha affermato la banca centrale in una nota.

Il sell-off storico di gilts indicizzati all’inflazione

Nonostante il dietrofront di Liz Truss sul piano fiscale, i rendimenti dei gilt a 10 anni indicizzati all’inflazione sono aumentati di 64 punti base ieri, un record storico.

aumento rendimenti 10 anni gilt indicizzati inflazione intervento bank of england

A seguito dell’intervento della Bank of England, i rendimenti sono scesi di ben 12 punti base mentre una vendita di 900 milioni di sterline di obbligazioni a 30 anni indicizzate all’inflazione da parte del governo ha visto un forte appetito degli investitori.

La decisione di acquistare titoli indicizzati all’inflazione è insolita per la banca centrale, che ha acquistato gilt convenzionali solo durante i precedenti programmi di quantitative easing. La BOE ha dichiarato martedì che assegnerà fino a 5 miliardi di sterline (5,51 miliardi di dollari) a gilt convenzionali e 5 miliardi di sterline a gilt indicizzati all’inflazione fino al termine del programma il 14 ottobre.

Quando terminerà il programma di emergenza della Bank of England?

Alcuni fondi pensione hanno affermato che gli interventi di acquisto di obbligazioni della BOE dovrebbero essere estesi fino alla fine del mese, se non oltre. Altri hanno suggerito l’adozione di misure aggiuntive per gestire la volatilità del mercato in caso di conclusione degli acquisti.

Il governatore Andrew Bailey ha posto le basi per un’ulteriore pressione sugli asset nel Regno Unito dopo aver avvertito i gestori di fondi pensione che hanno tempo fino alla fine di questa settimana per mettere a posto le loro posizioni di liquidità prima che la banca centrale interrompa il suo sostegno al mercato.

I trader e gli investitori hanno reagito rapidamente, spingendo i rendimenti delle obbligazioni al rialzo e le azioni al ribasso. Nessuna asset class è stata risparmiata poiché il sentiment di avversione al rischio ha rapidamente preso piede. La sterlina ha subito il peso maggiore delle perdite, scambiando al di sotto dell’1,10 contro il dollaro.

Il pound è salito dopo che un rapporto del Financial Times ha respinto i commenti del governatore della Bank of England, che sembrerebbe aver segnalato in privato ai banchieri che potrebbe estendere il programma di acquisto di obbligazioni oltre la scadenza di venerdì.

crollo sterlina 1,10 contro dollaro intervento bank of england

Secondo il Financial Times, la BOE deciderà se estendere o meno il programma di emergenza in questi giorni e valuterà se i gestori di fondi avranno accumulato riserve di liquidità sufficienti per soddisfare le margin call.

Il rinvio del quantitative tightening

La Bank of England potrebbe essere costretta a respingere il piano tanto atteso per iniziare a vendere obbligazioni. La banca centrale ha già posticipato a fine mese il suo programma di quantitative tightening. Molti investitori e analisti stanno scommettendo che le vendite di obbligazioni saranno ritardate ancora di più per via delle turbolenze di mercato.

Un lungo ritardo potrebbe gettare nello scompiglio i piani meticolosamente stabiliti dalla BOE per ridurre il suo bilancio pari a 800 miliardi di sterline.

acquisti quantitative easing Bank of England

Prima del rinvio delle vendite di obbligazioni, i funzionari avevano ripetutamente sottolineato che ci sarebbe stata una “soglia elevata” per ritardare l’inizio del QT. Solo condizioni di mercato nervose giustificavano un cambio dei piani.

Le vendite di obbligazioni dovrebbero iniziare il 31 ottobre, lo stesso giorno in cui il cancelliere Kwasi Kwarteng rilascerà un piano fiscale a medio termine. Secondo alcune stime, le attuali proposte vedrebbero un’offerta di gilt record sul mercato nei prossimi anni.

Visto che ritardare le vendite di obbligazioni è sgradevole per i responsabili politici, un’opzione potrebbe essere quella di modificare il piano attuale, che prevede la vendita uniforme di gilt su diverse scadenze. Ad esempio, la BoE potrebbe iniziare con la vendita di obbligazioni a breve termine. In fin dei conti, sono state le obbligazioni a più lunga scadenza le più colpite dalla recente disfatta.

ARTICOLI CORRELATI:

L’intervento della Bank of England per fermare il crollo dei Gilt: iniziano gli acquisti di obbligazioni

Il crollo della sterlina ai minimi storici: che opzioni ha la Bank of England?

L’avvertimento della Bank of England: una recessione è inevitabile!

Inflazione a doppia cifra in Regno Unito

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.