Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 49

cosa fa muovere mercati settimana 49
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Una settimana macroeconomica relativamente tranquilla ha significato bassa liquidità e oscillazioni intraday. Tra gli scarsi dati macro, le aspettative del mercato per il tasso terminale della Fed e quelle per i tagli dei tassi nella seconda metà del 2023 sono rimaste invariate.

Le small cap sono state le peggiori della settimana (in calo del 5%), seguite da Nasdaq e S&P 500. Tutti i settori hanno chiuso la settimana in rosso, con l’energia di gran lunga la peggiore e le utilities in testa con una perdita molto piccola.

performance settimana 49 settori S&P 500
Dati elaborati dalla piattaforma Quantaste

I Treasury statunitensi sono stati venduti duramente venerdì, cancellando tutti i guadagni della settimana per le obbligazioni a lungo termine e lasciando il resto della curva notevolmente più alto in termini di rendimenti.

La curva dei rendimenti (2s30s) ha terminato la settimana ancora più invertita, dopo un breve irripidimento post-PPI.

Il dollaro ha chiuso la settimana in rialzo mentre le criptovalute sono rimaste sostanzialmente invariate. Bitcoin ha chiuso la settimana tornando sopra i $ 17.000.

I prezzi del petrolio sono scesi per 6 giorni consecutivi, con il WTI che ha chiuso la settimana in calo di oltre il 12% a $ 70, la settimana peggiore da aprile. Il prezzo è tornato ai minimi di un anno fa (-2% su base annua, il primo calo da gennaio 2021).

L’oro ha chiuso la settimana invariato, sopra i 1800 dollari, mentre l’argento ha sovraperformato modestamente.

Il settore dei servizi statunitensi è ancora forte

La crescita dei servizi statunitensi ha accelerato inaspettatamente a novembre poiché una misura dell’attività commerciale è aumentata al massimo da marzo 2021, suggerendo che la maggior parte dell’economia rimane resiliente.

L’indicatore dei servizi dell’Institute for Supply Management è salito a 56,5 il mese scorso da 54,4 di ottobre. Letture superiori a 50 segnalano una crescita.

La lettura più solida dei servizi contrasta con i dati manifatturieri, che hanno mostrato la scorsa settimana che l’attività di fabbrica si è contratta per la prima volta da maggio 2020. I produttori statunitensi stanno risentendo del rallentamento dell’economia globale e di un eccesso di scorte presso alcuni rivenditori nazionali.

Anche la misura dell’occupazione nei servizi dell’ISM è migliorata, mentre l’indicatore dei nuovi ordini è sceso ai minimi da maggio. Il rallentamento dei nuovi ordini potrebbe indicare un rallentamento nei prossimi mesi mentre alcuni americani stringono la cinghia tra l’inflazione ancora elevata e l’aumento dei costi di indebitamento.

L’indice dei prezzi pagati è sceso ma rimane elevato a 70, ben al di sopra dei livelli pre-pandemia. Ciò suggerisce che l’inflazione potrebbe essere lenta a dissiparsi.

PMI servizi USA novembre

Le richieste di disoccupazione continue salgono al massimo in 10 mesi

Il numero di americani che hanno presentato nuove richieste di sussidi di disoccupazione è aumentato moderatamente la scorsa settimana, indicando un mercato del lavoro ancora teso e forte. Tuttavia, le cosiddette richieste continue sono salite al massimo in 10 mesi alla fine di novembre.

richieste sussidi disoccupazione USA

Gli economisti hanno messo in guardia dal leggere una debolezza in questa mossa. Le richieste tendono a essere volatili all’inizio delle festività natalizie poiché le aziende chiudono temporaneamente o rallentano le assunzioni, il che può rendere difficile ottenere una lettura chiara del mercato del lavoro in questo periodo.

L’indice dei prezzi alla produzione batte le aspettative

Il Producer Price Index degli Stati Uniti è salito dello 0,3% a novembre, al di sopra delle aspettative dello 0,2%. L’aumento è stato trainato dall’incremento registrato nei servizi della domanda finale.

Su base annuale, l’inflazione dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti è scesa al 7,4% a novembre, più del previsto. L’aumento annuale è stato il più piccolo in 18 mesi, prolungando un allentamento durato mesi e suggerendo che la banca centrale ha ancora spazio per sospendere i suoi aumenti dei tassi l’anno prossimo come previsto.

Escludendo le componenti volatili alimentari ed energetiche, il cosiddetto core PPI è salito dello 0,4% a novembre e del 6,2% su base annua.

Con l’allentamento dell’inflazione dei beni di base, l’attenzione si sta spostando sulla crescita dei prezzi nel settore dei servizi. Si prevede che i componenti immobiliari, che sono attualmente un fattore chiave dell’inflazione al consumo, alla fine invertiranno.

Il rapporto di venerdì ha mostrato che i prezzi delle merci sono aumentati dello 0,1%, spinti dall’aumento dei costi alimentari. I prezzi dei servizi hanno registrato l’aumento più forte in tre mesi (0,4%). Il guadagno riflette i maggiori costi per consulenze di intermediazione, macchinari e vendita all’ingrosso di veicoli e gestione del portafoglio.

Il rapporto ha preceduto i dati sull’inflazione al consumo per il mese di novembre che verranno rilasciati domani e la riunione del FOMC che si terrà dal 13 al 14 dicembre. Ci si aspetta che i funzionari della Fed rallentino il ritmo dei rialzi dei tassi, aumentando di 50 punti base.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 48

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 47

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 46

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 45

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.