Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 48

cosa fa muovere mercati settimana 48
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Questa settimana Powell ha di nuovo dominato le headline. Tra i flussi di notizie riguardo al Covid in Cina e una sfilza di dati economici pessimi, tutto quello che è davvero importato ai mercati è stato il discorso più “accomodante” del previsto del presidente della Fed. Nemmeno le buste paga “buone” sono servite per placare l’entusiasmo, con il sell-off post-NFP che è stato interamente recuperato.

In risposta ai commenti di Powell alla Brokings Institution, il mercato ha rivisto al ribasso le sue aspettative per il tasso terminale e aumentato le aspettative di taglio dei tassi.

Le azioni sono salite, con il Nasdaq che è stato il miglior performer tra gli indici statunitensi. Le obbligazioni sono scese su tutta la curva, con il segmento di breve termine sensibile alla politica che ha sottoperformato.

Il dollaro è sceso per la sesta settimana delle ultime sette, mentre le criptovalute hanno gestito i guadagni, con Ethereum in rialzo del 10% e Bitcoin del 4%.

Le materie prime hanno beneficiato di un dollaro più debole e dei discorsi accomodanti di Powell. Il petrolio ha chiuso a 80$ mentre l’oro è salito sopra i $ 1800.

Il divario tra i sondaggi del rapporto sul mercato del lavoro

Una visione superficiale del rapporto sull’occupazione di venerdì concluderebbe che l’aumento delle buste paga non agricole indica un mercato del lavoro forte.

Già da quest’estate si è aperta una netta divergenza tra i sondaggi sulle famiglie e sull’establishment che costituiscono il rapporto mensile sull’occupazione. Da marzo, il primo è stato stagnante mentre il secondo è aumentato ogni singolo mese.

Le incoerenze non solo continuano a crescere, ma diventano sempre più grottesche. Il divario tra i sondaggi è arrivato a 589.000, come risultato dell’aumento di 261.000 nel numero di occupati non agricoli e della diminuzione di 328.000 nel numero di persone effettivamente impiegate del sondaggio sulle famiglie.

divergenza NFP Household Survey

Ciò che lascia ancora più perplessi è che, nonostante il continuo aumento dei salari non agricoli, l’indagine sulle famiglie continua a segnalare una crescente debolezza e, al 31 ottobre, il divario che si è aperto a marzo è cresciuto fino a raggiungere l’enorme cifra di 2,3 milioni di lavoratori.

Secondo l’Household Survey c’erano 158,5 milioni di lavoratori occupati nel marzo 2022 e 158,6 milioni nell’ottobre 2022, con un aumento di appena 150.000. Nello stesso periodo, l’Establishment Survey, che fornisce la lettura headline più seguita dal mercato, è aumentato di 2,5 milioni.

divergenza sondaggi establishment household mercato lavoro USA

Scavando ancora più a fondo nell’indagine sulle famiglie, scopriamo che il crollo dell’occupazione di ottobre è stato il risultato di un calo massiccio dei posti di lavoro a tempo pieno compensato da un modesto aumento dei posti di lavoro part-time.

occupati full time part time Stati Uniti

Da marzo, gli Stati Uniti hanno perso 490.000 dipendenti a tempo pieno, compensati da un aumento quasi identico di 492.000 dipendenti part-time, mentre 126.000 lavoratori sono stati costretti a ottenere più di un lavoro nello stesso periodo.

Infine, la ciliegina sulla torta: il numero dei disoccupati monitorato dall’indagine sulle famiglie è balzato di 306.000, salendo a 6,059 milioni, il massimo da febbraio.

Il discorso di Powell alla Brookings Institution

Il presidente della Federal Reserve ha segnalato che il rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi di interesse potrebbe avvenire già a dicembre e sottolineato che i costi di finanziamento dovranno continuare a salire e rimanere a livelli restrittivi per un po’ di tempo.

Il picco dei tassi dovrà raggiungere un livello più alto di quanto stimato dai funzionari a settembre, quando la proiezione mediana era del 4,6%. Le proiezioni del FOMC saranno aggiornate nella riunione di dicembre.

Secondo Powell, arrivati a questo punto il rallentamento del ritmo degli aumenti è un buon modo per bilanciare i rischi per l’economia ma tagliare i tassi non è qualcosa da fare presto.

Parlando del quantitative tightening, Powell ha affermato che la Fed a un certo punto si fermerà, ma vorrà farlo in un “posto sicuro”.

Secondo Powell, non ci sono prove sufficienti che l’inflazione rallenterà presto. I funzionari della Fed sono ancora preoccupati che i lavoratori possano presto iniziare a chiedere salari più alti, il che potrebbe avere un impatto preoccupante sull’inflazione.

Forse il mercato è un po’ troppo compiaciuto

A seguito dei commenti di Powell, l’indice S&P 500 è salito del 3,1%, superando la sua media mobile a 200 periodi – un indicatore tecnico ampiamente osservato utilizzato per misurare le tendenze di lungo termine – per la prima volta da aprile. Ciò ha aiutato il benchmark a chiudere la settimana in rialzo dell’1,1%.

S&P 500 rottura media 200 periodi

L’S&P 500 è salito del 14% dalla fine di settembre ed è sulla buona strada per il suo miglior quarto trimestre dal 1999. Allo stesso tempo, la volatilità è diminuita in modo significativo, con il VIX che è sceso sotto i 20 dopo aver raggiunto il massimo di 34,53 il 12 ottobre.

Il mercato dovrà ancora affrontare l’ultima riunione della Fed e la pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo di novembre. Una Federal Reserve meno aggressiva e dati incoraggianti sull’inflazione potrebbero contribuire al rally in un periodo che si è rivelato forte per il mercato azionario negli ultimi 70 anni.

L’entità del rallentamento economico rimane un’incognita. Le azioni al momento sembrano scontare un atterraggio morbido ma è davvero così facile far atterrare un aereo su una pista stretta?

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 47

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 46

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 45

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 44

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.