Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 48

Questa settimana Powell ha di nuovo dominato le headline. Tra i flussi di notizie riguardo al Covid in Cina e una sfilza di dati economici pessimi, tutto quello che è davvero importato ai mercati è stato il discorso più “accomodante” del previsto del presidente della

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 47

Nel mezzo di una settimana con scarsi volumi, le obbligazioni e le azioni hanno registrato un rally mentre il dollaro è scivolato al ribasso sulla scia delle speranze di “pausa” della Fed (alimentate dai verbali della riunione del FOMC di novembre) che hanno fatto scendere

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 45

I dati sull’inflazione più deboli del previsto, le news sull’allentamento di alcune restrizioni Covid della Cina e le chiacchiere su una tregua tra Russia e Ucraina hanno alimentato l’ottimismo nella settimana appena conclusa. L’S&P 500 ha registrato il più grande guadagno settimanale da giugno. Il

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 44

E’ stata una settimana densa di dati che ha portato oscillazioni importanti sui mercati. Le azioni statunitensi sono scese, recuperando un po’ di terreno durante la sessione finale. Tra gli indici, il Nasdaq è stato il grande perdente, con un calo del 6%. Questa è

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 43

Le azioni statunitensi hanno chiuso una settimana turbolenta con un notevole guadagno. Le chiacchiere su una “pausa” o un “mini-pivot” della Fed hanno fornito la narrativa per il panic buying delle azioni. Dato che le aspettative per il tasso terminale della Fed sono rimaste invariate

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 42

Un’altra settimana di oscurità sul fronte delle politiche monetarie delle banche centrali si è trasformata in una settimana positiva per il mercato delle equities. Le azioni hanno registrato la loro performance settimanale migliore in più di quattro mesi, sfidando l’impennata dei rendimenti obbligazionari. L’S&P 500

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 46

cosa fa muovere mercati settimana 46
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Dopo la reazione del mercato al CPI della scorsa settimana, un’ondata di FedSpeak ha schiacciato qualsiasi speranza su una pausa del ciclo dei rialzi dei tassi. Tra i vari relatori, il presidente della Fed di St Louis Bullard ha indicato quello che secondo la sua analisi è un intervallo restrittivo che i tassi d’interesse potrebbero raggiungere.

Nel complesso, nella settimana appena conclusa abbiamo assistito a un’impennata delle aspettative sugli aumenti dei tassi della Fed e anche la diminuzione delle aspettative di taglio il prossimo anno.

Gli indici statunitensi sono scesi, con le small cap e il Nasdaq che sono stati i peggiori. Dal picco di quest’anno, il Nasdaq è sceso di oltre il 30%, l’S&P poco meno del 18% e il Dow Jones solo del 9%. Il VIX ha chiuso vicino ai 22 dopo l’Opex da 2,1 trilioni di dollari.

La corsa alla “spazzatura” che aveva seguito l’uscita del CPI si è ampiamente invertita. I titoli tecnologici non redditizi hanno perso il 14% dai massimi di martedì mentre il paniere di azioni più shortate seguite da Goldman Sachs ha perso l’11%.

Per quanto riguarda i titoli del Tesoro, il segmento a breve termine ha sottoperformato quello di lungo. Ciò ha portato la curva dei rendimenti all’inversione più profonda dal 1982. Adesso, letteralmente l’intera curva è invertita.

Il dollaro è salito dopo aver esteso le perdite post-CPI all’inizio della settimana.

Le criptovalute sono state relativamente stabili dopo il crollo di FTX.

Le materie prime sono andate male. I prezzi del rame e del petrolio sensibili alla crescita hanno registrato perdite settimanali a causa delle preoccupazioni per un peggioramento delle prospettive economiche.

FedSpeak

Il presidente della Fed di San Francisco, Mary Daly, ha detto mercoledì che un intervallo tra il 4,75% e il 5,25% sembra ragionevole per il livello a cui i funzionari dovrebbero alzare i tassi per poi rimanere in attesa.

Durante la sua presentazione, Bullard ha mostrato un grafico che indica che i tassi dovranno essere compresi tra il 5% e il 7% circa per raggiungere l’obiettivo di frenare l’inflazione.

Bullard non ha detto se sarebbe favorevole a una mossa di 50 o 75 punti base alla riunione del FOMC di dicembre, dicendo ai giornalisti che si sarebbe rivolto a Powell per stabilire la direzione.

Alcuni suoi colleghi sono a favore di una riduzione dell’entità del prossimo aumento dei tassi dopo il rapporto sui prezzi al consumo della scorsa settimana, che ha mostrato un indebolimento dell’inflazione dei beni di consumo core a ottobre.

Gli investitori si aspettano che la Fed alzerà i tassi di mezzo punto percentuale il mese prossimo e che i tassi raggiungeranno un picco di circa il 5% l’anno prossimo.

Il presidente della Fed di St. Louis ha affermato di aspettarsi che i funzionari mantengano i tassi alti per un lungo periodo per evitare il tipo di errori di politica monetaria degli anni ’70 che hanno portato a un’inflazione costantemente elevata. “Di certo non vogliamo ripetere quell’episodio”, ha detto ai giornalisti. “Quindi dovremo vedere prove tangibili che l’inflazione sta scendendo in modo significativo verso l’obiettivo”.

Bullard ha detto che mentre si aspettava che l’inflazione scendesse il prossimo anno, finora ci sono state relativamente poche prove di ciò. “Finora, il cambiamento nell’orientamento della politica monetaria sembra aver avuto solo effetti limitati sull’inflazione, ma i prezzi di mercato suggeriscono che la disinflazione è prevista nel 2023”, ha detto Bullard nelle sue osservazioni, aggiungendo che gli aumenti dei tassi finora hanno causato pochi problemi finanziari.

Il tono aggressivo di Bullard è stato ripreso più tardi giovedì dal presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari, che ha affermato che è una “questione aperta” fino a che punto la banca centrale dovrà spingersi con i tassi per riportare la domanda in equilibrio.

Prima di sostenere l’arresto di una progressione di futuri aumenti dei tassi, i funzionari politici devono essere convinti che l’inflazione abbia smesso di salire.

L’inversione della curva rendimenti preferita da Powell

Giovedì, l’indicatore della curva dei rendimenti preferito dal presidente della Fed si è invertito. A marzo Powell ha propagandato lo spread tra i T-Bills a tre mesi e il loro valore previsto nei 18 mesi successivi come la curva dei rendimenti con un potere esplicativo delle condizioni economiche del 100%.

inversione curva rendimenti

All’inizio di questo mese, Powell ha fatto un passo indietro rispetto alla sua opinione, affermando che la curva può invertirsi anche se gli investitori scontano riduzioni significative dell’inflazione.

Lo spread tra i rendimenti a 10 anni e a 2 anni ha raggiunto l’inversione più profonda degli ultimi 40 anni. Tradizionalmente, inversioni della curva dei rendimenti significative come questa si sono dimostrate affidabili indicatori di recessione, in quanto indicano che il mercato sta scontando l’indebolimento delle prospettive di crescita economica.

Il petrolio passa in contango

La struttura del mercato del greggio statunitense sta segnalando un eccesso di offerta per la prima volta in quasi un anno. Lo spread front month, che riflette gli equilibri tra domanda e offerta a breve termine, è stato scambiato in contango prima della scadenza del contratto di dicembre lunedì. Il resto del mercato rimane nella struttura rialzista opposta, nota come backwardation, a indicare che la mossa potrebbe essere di breve termine.

petrolio contango

Gran parte della mossa può essere attribuita ai trader di futures che si dirigono verso l’uscita nello stesso momento in cui i prezzi principali crollano a causa delle preoccupazioni sulla domanda. Anche la sottostante debolezza del mercato fisico e fattori a breve termine come un’interruzione dell’oleodotto del Texas e tariffe di trasporto elevate hanno portato al crollo degli spread, mentre i futures West Texas Intermediate sono scesi sotto gli 80 dollari per la prima volta da settembre.

Il crollo di venerdì coincide anche con la scadenza delle opzioni sullo spread dicembre-gennaio. Ci sono quasi 13 milioni di barili di opzioni put che trarrebbero profitto se lo spread scadesse in contango.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 45

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 44

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 43

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 42

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy