Mercati in attesa della Fed: il picco dei tassi si avvicina

La Federal Reserve sembra pronta a moderare nuovamente gli aumenti dei tassi di interesse, mantenendo sul tavolo ulteriori rialzi mentre si scontra con le scommesse del mercato sui tagli entro la fine dell’anno. Si prevede che i funzionari aumenteranno i tassi di 25 punti base,

Scopri

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Powell segnala il rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi a dicembre

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha segnalato il rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi di interesse a dicembre e sottolineato che i costi di finanziamento dovranno continuare a salire e rimanere a livelli restrittivi per un po’ di tempo.

I suoi commenti in un discorso alla Brookings Institution di Washington confermano le aspettative per un aumento dei tassi di 50 punti base alla riunione del FOMC del 13-14 dicembre, dopo quattro aumenti consecutivi di 75 punti base. Il ciclo di inasprimento più aggressivo dagli anni ’80 ha portato l’intervallo target del tasso di riferimento dal 3,75% al ​​4% da quasi zero a marzo.

ciclo aumento tassi Fed aggressivo

“Il momento per moderare il ritmo degli aumenti dei tassi potrebbe arrivare alla riunione di dicembre”, ha detto Powell durante il suo discorso. “Dati i nostri progressi nell’inasprimento della politica, la tempistica di tale moderazione è molto meno significativa delle domande su quanto ancora avremo bisogno di aumentare i tassi per controllare l’inflazione e il periodo di tempo necessario per mantenere la politica a un livello restrittivo”.

Powell ha affermato che è probabile che i tassi raggiungano un livello “leggermente più alto” di quanto stimato dai funzionari a settembre, quando la proiezione mediana era del 4,6%. Tali proiezioni saranno aggiornate nella riunione di dicembre.

Secondo Powell, il rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi a questo punto è un buon modo per bilanciare i rischi per l’economia. Parlando del quantitative tightening, Powell ha affermato che la Fed a un certo punto si fermerà, ma vorrà farlo in un “posto sicuro”.

Powell ha anche detto che tagliare i tassi non è qualcosa da fare presto. Vale anche la pena notare che non è stata menzionata nessuna pausa durante il discorso.

I commenti di Powell su inflazione e mercato del lavoro

Powell ha affermato che la banca centrale prevede un’inflazione a 12 mesi basata sul suo indicatore preferito, l’indice dei prezzi delle spese per consumi personali, del 6% fino a ottobre e un tasso core del 5%.

Non ci sono prove sufficienti per sostenere in modo convincente che l’inflazione rallenterà presto. Nonostante la politica restrittiva e la crescita più lenta nell’ultimo anno, dal punto di vista del presidente della Fed non ci sono stati progressi chiari.

“Ci vorranno molte più prove per dimostrare che l’inflazione stia effettivamente diminuendo”, ha affermato. “La verità è che il percorso dell’inflazione rimane altamente incerto”.

Il presidente della Fed ha esaminato le componenti dell’inflazione, notando che i prezzi delle merci sono diminuiti. Tuttavia, è troppo presto per dichiarare sconfitta l’inflazione delle merci. Dopodiché, si è lanciato in una discussione sui costi dei servizi, concentrandosi sulla scarsa offerta nel mercato del lavoro, con il divario nella partecipazione alla forza lavoro spiegato principalmente dai pensionamenti dell’era della pandemia. “Questi pensionamenti in eccesso potrebbero rappresentare più di 2 milioni dei 3 milioni e mezzo di carenza di forza lavoro”, ha affermato.

partecipazione forza lavoro

Powell ha aggiunto che il mercato del lavoro sta mostrando solo “segnali provvisori” di quello che ha chiamato “riequilibrio” e che un atterraggio morbido è ancora possibile. Ha detto che i funzionari sono preoccupati che i lavoratori possano presto iniziare a chiedere salari più alti, il che potrebbe avere un impatto preoccupante sull’inflazione. Secondo Powell, i salari sono ben al di sopra dei livelli coerenti con l’inflazione del 2%.

La reazione dei mercati al discorso di Powell

Anche se non ci sono state novità, i mercati hanno reagito in maniera forte ai commenti di Powell.

I titoli del Tesoro hanno registrato l’aumento più grande in quasi tre settimane. I rendimenti del decennale sono crollati di 14 punti base, chiudendo al 3,61%, mentre il rendimento a due anni sensibile alla politica è sceso di ben 16 punti base a un minimo del 4,31%.

Gli hedge fund avevano inserito alcune delle più grandi posizioni short degli ultimi anni sui futures dei Treasury a 10 anni prima del discorso di Powell, il che potrebbe aver esacerbato il rally.

Il mercato obbligazionario ha consolidato le aspettative di rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi a dicembre, scontando una probabilità del 80% per un rialzo di 50 punti base al prossimo incontro e solo del 20% per un aumento di 75 punti base.

aspettative rallentamento aumenti tassi Fed dicembre

Gli swap hanno suggerito che il tasso terminale per questo ciclo sarà di circa il 4,94% a metà del 2023. Prima dei commenti di Powell, il mercato prevedeva un picco al di sopra del 5% a giugno del prossimo anno.

aspettative rallentamento tassi Fed dicembre

Nonostante Powell abbia affermato che la storia ci insegna che allentare prematuramente la politica è un errore e che la Fed manterrà la rotta fino a quando il suo lavoro non sarà terminato, le azioni sono esplose. L’S&P 500 è salito del 3,1% e il Nasdaq del 4,6%.

Il dollaro è crollato rispetto alle principali controparti, chiudendo il mese peggiore dal maggio 2009. Tra i suoi peers, lo yen e il won coreano sono stati in testa.

ARTICOLI CORRELATI:

Picco dei tassi dal 5 al 5,25%: il livello restrittivo secondo Bullard

Powell al FOMC di novembre: picco dei tassi più alto e nessun pivot

“Pausa” o “pivot”: quale sarà il passo successivo della politica monetaria della Fed?

Quali sono i rischi di un inasprimento monetario eccessivo?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.