Il simposio di Jackson Hole è davvero rilevante per i mercati?

Il clamore verso il simposio di Jackson Hole è più intenso del solito quest’anno ed è facile capire il perché. Gli Stati Uniti stanno affrontando l’inflazione più alta degli ultimi quarant’anni e la Fed sta aumentando i tassi d’interesse per raffreddare l’economia. Gli investitori sono

Scopri

A che punto si trova Powell nella sua lotta contro l’inflazione?

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parlerà al simposio del Jackson Hole alla fine di questa settimana. Come dopo l’evento dello scorso anno, in cui il presidente ha affermato che le pressioni inflazionistiche erano transitorie, non mancheranno le critiche alle sue affermazioni. L’opinione più

Scopri

Quali sono i rischi di un inasprimento monetario eccessivo?

Nella strada di ritorno verso l’obiettivo del 2% di inflazione della Fed potrebbero verificarsi molti incidenti. In questo post andremo ad esaminare quali potrebbero essere i rischi di un inasprimento monetario eccessivo da parte delle banche centrali. Tenendo a mente i rischi noti, forse quelli più grandi rimangono sconosciuti.

Sebbene il mercato apparentemente abbia tratto conforto dal CPI statunitense di ottobre migliore del previsto, con l’inflazione ancora molto al di sopra dell’obiettivo, è chiaro che la lotta all’inflazione è tutt’altro che finita. L’aggressivo inasprimento monetario ha sollevato preoccupazioni sui rischi per il sistema finanziario globale, che si è ormai abituato a tassi bassi. Dopotutto, ogni ciclo di inasprimento della Fed si è concluso con un incidente finanziario.

rischi inasprimento monetario Fed

Le preoccupazioni per i potenziali effetti dell’inasprimento monetario sono particolarmente acuti in Euro Area, dove gli incentivi per le banche a rimborsare anticipatamente i loro prestiti TLTRO probabilmente porteranno a una considerevole riduzione del bilancio della BCE ancor prima dell’inizio formale del quantitative tightening.

Il debito in Euro Area e nel Regno Unito limita la BCE e la BOE nella loro lotta all’inflazione, portando probabilmente a un approccio più cauto da parte di entrambe. I rischi per la stabilità finanziaria potrebbero imporre una tolleranza implicitamente più elevata per l’inflazione.

L’inflazione rimane la priorità

Il problema dell’inflazione negli Stati Uniti è ancora acuto. Ciò significa che l’unica opzione della Fed è continuare a fare dell’inflazione la sua priorità politica. Allo stesso tempo, i rischi di instabilità finanziaria posti da un eccessivo inasprimento monetario sono reali.

La capacità della Fed di affrontare tali rischi è probabilmente più limitata rispetto al passato e a quello che il mercato potrebbe aspettarsi. Questo non solo perché le azioni per reprimere i rischi – la cosiddetta “Fed put” – andrebbero quasi certamente in contrasto con l’obiettivo di abbattere l’inflazione, ma anche perché non possiamo presumere che gli strumenti usati per le crisi passate, come ad esempio le linee di credito di emergenza implementate all’inizio della pandemia, possano essere impiegati oggi.

L’illiquidità del mercato del Tesoro

Il debito sovrano in circolazione ha superato di gran lunga la capacità di intermediazione principalmente a causa delle normative post-crisi finanziaria, che scoraggiano il market-making in questi titoli. Ciò spiega in gran parte perché sono apparse delle crepe nel mercato dei Treasury.

La liquidità è cruciale per i molteplici utilizzi dei titoli del Tesoro nei mercati finanziari. I titoli del Tesoro sono utilizzati per finanziare il governo degli Stati Uniti, per gestire il rischio dei tassi di interesse, come benchmark privo di rischio per la determinazione del prezzo di altri strumenti finanziari e dalla Federal Reserve nell’attuazione della politica monetaria. Avere un mercato liquido è importante per tutti questi scopi e quindi di grande interesse sia per i partecipanti al mercato che per i responsabili politici.

liquidità mercato Treasury
L’order book nel mercato dei Treasury ha raggiunto il livello più basso dalla crisi del Covid

Come per la liquidità, ultimamente la volatilità è stata particolarmente elevata. Le interruzioni dell’offerta indotte dalla pandemia, l’elevata inflazione, l’incertezza politica e il conflitto geopolitico hanno portato a un considerevole aumento dell’incertezza sull’andamento previsto dei tassi di interesse, con conseguente elevata volatilità dei prezzi.

La volatilità ha indotto i market maker ad ampliare i loro spread bid-ask, a pubblicare meno profondità a ogni dato prezzo (per gestire l’aumento del rischio di assumere posizioni) e ad aumentare l’impatto sui prezzi delle negoziazioni.

La Fed e le altre principali banche centrali potrebbero essere costrette a utilizzare i propri bilanci per mantenere un funzionamento ordinato del mercato piuttosto che per condurre la politica monetaria.

I bilanci dei fondi comuni di investimento e i fondi pensione

I disallineamenti tra attività e passività dei fondi comuni di investimento hanno il potenziale per innescare svendite di asset in periodi di stress. Questa fragilità strutturale è stata pienamente visibile negli Stati Uniti all’inizio del 2020. La Fed è intervenuta per salvare questi fondi, ma potrebbe non essere in grado di farlo la prossima volta.

E che dire del posto più ovvio in cui guardare, i fondi pensione, dato che sono stati l’epicentro del
episodio di stress più recente nel Regno Unito?

L’apprezzamento del dollaro

Il forte apprezzamento del dollaro derivante dagli aggressivi aumenti dei tassi della Fed sta mettendo sotto stress le tasche del sistema finanziario. Le società in molti mercati emergenti assumono prestiti in dollari. Ciò può essere una fonte di finanziamento poco costosa, ma esercita una pressione sostanziale su queste economie quando la valuta si rafforza. Diverse economie di frontiera sono già nel bel mezzo delle classiche crisi dei mercati emergenti, dovute a una stretta dei finanziamenti in dollari.

Molti di questi paesi sono relativamente piccoli, quindi le ricadute commerciali potrebbero rivelarsi limitate, ma il rischio maggiore è che possano emergere crepe nel sistema finanziario: quando i prestiti vanno male, quali banche sono sovraesposte a questi mutuatari?

Il forte apprezzamento del dollaro mette sotto pressione anche i mutuatari aziendali. Mentre i fondamentali sono ancora sani, le società che hanno emesso prestiti con leva finanziaria a tasso variabile, così come i mutuatari di immobili commerciali, sono vulnerabili a uno shock dei costi di finanziamento.

ARTICOLI CORRELATI:

I possibili effetti del quantitative tightening

La fragilità del mercato dei titoli del Tesoro USA potrebbe riemergere in periodi di stress di mercato

Cosa potrebbe spingere la Fed a rallentare l’aumento dei tassi?

La relazione tra politica monetaria e stabilità finanziaria: l’inasprimento delle banche centrali può essere rischioso

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy