Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 36

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Un rally apparentemente inarrestabile ha portato il biglietto verde a una serie record di guadagni settimanali. L’indice del dollaro ha segnato la sua ottava settimana consecutiva in rialzo – la corsa più lunga dal 2005.

Tutte le principali valute sono scese rispetto al dollaro nell’ultimo mese. Lo yuan offshore è caduto per 5 giorni consecutivi, chiudendo al minimo storico. Il recente rally del biglietto verde riflette le spaccature che si sono aperte nell’economia globale, con gli Stati Uniti che stanno accelerando mentre la crescita in Europa e Cina si raffredda.

Il rally che ha aggiunto 5 trilioni di dollari al valore del Nasdaq 100 da dicembre è stato messo improvvisamente sotto pressione. La Cina ha esteso il divieto sugli iPhone ai dipendenti delle agenzie sostenute dal governo e delle aziende statali. Ciò ha messo in evidenza un quadro di valutazione elevata. Il Nasdaq 100 viene scambiato a 27 volte gli utili annuali, il 35% sopra l’S&P 500, la cui valutazione è gonfiata dalle stesse megacap tecnologiche. Rispetto alle vendite, il Nasdaq ha un multiplo di quasi cinque, il doppio del mercato più ampio.

Apple e Nvidia hanno entrambe registrato la seconda settimana peggiore dell’anno. Dopo la notizia dell’estensione del divieto iPhone, Apple ha perso 190 miliardi di dollari di valore di mercato.

Durante la settimana tutti i rendimenti dei Treasuries sono stati in rialzo, guidati dal segmento a breve termine. I rendimenti a 2 anni sensibili alle politiche hanno superato il 5% all’inizio della settimana, per poi tornare al di sotto di tale soglia.

Le criptovalute hanno avuto una settimana tranquilla. Bitcoin è stato scambiato in un intervallo ristretto intorno ai 26.000 dollari.

Il petrolio è salito verso i 90 dollari, la chiusura settimanale più alta da novembre. L’oro ha chiuso leggermente in ribasso.

Apple affronta una nuova sfida

La Cina prevede di estendere il divieto di utilizzo degli iPhone nei dipartimenti sensibili alle agenzie sostenute dal governo e alle aziende statali. La mossa senza precedenti fa parte di uno sforzo durato anni per sradicare l’uso della tecnologia straniera in ambienti sensibili.

Pechino sta anche cercando di ridurre la sua dipendenza dai software e dai circuiti americani. La rinascita del nazionalismo cinese rappresenta una grande minaccia per Apple. La Cina rappresenta circa un quinto delle entrate dell’azienda ed è anche la sua più grande base manifatturiera.

Gli iPhone sono tra i bestseller della nazione e sono comuni sia nel settore governativo che in quello privato. Inoltre, le vendite di Apple in Cina hanno generato margini operativi al lordo delle imposte superiori di 12 punti percentuali rispetto al totale della società durante l’ultimo anno fiscale.

vendite Apple Cina divieto iphone

Il divieto iPhone è arrivato in un momento interessante. La scorsa settimana, Huawei Technologies ha rilasciato un nuovo smartphone che offre una velocità simile al 5G, nonostante il divieto statunitense sul tipo di chip avanzati tipicamente necessari per tali dispositivi. Martedì Apple presenterà il nuovo iPhone. Il lancio è visto come un evento chiave per scuotere l’industria degli smartphone dalla stasi.

Ci sono molte incognite sul divieto segnalato dalla Cina e su come potrebbe essere implementato. In ogni caso, la Cina ha un certo interesse a non danneggiare eccessivamente un importante datore di lavoro locale in un periodo in cui la disoccupazione è in aumento.

Arabia Saudita e Russia estendono i tagli volontari alla produzione di greggio

L’Arabia Saudita estenderà il suo taglio volontario alla produzione di petrolio di 1 milione di barili al giorno fino alla fine di dicembre 2023, ha detto martedì l’agenzia di stampa statale citando un funzionario del ministero dell’Energia.

Allo stesso tempo, il vice primo ministro Alexander Novak ha dichiarato che la Russia estenderà la sua decisione volontaria di ridurre le esportazioni di petrolio di 300.000 barili al giorno a settembre. Inoltre, la Russia ridurrà la produzione di petrolio di 500.000 barili al giorno fino alla fine del 2024.

Entrambi i paesi rivedranno mensilmente le decisioni per prendere in considerazione tagli più profondi o un aumento della produzione a seconda delle condizioni di mercato. I tagli volontari di Arabia Saudita e Russia si aggiungono al taglio di aprile concordato da diversi produttori dell’OPEC+, che si estende fino alla fine del 2024.

Gli ultimi tagli annunciati probabilmente peggioreranno il deficit nel quarto trimestre, sostenendo i prezzi del petrolio. Le condizioni tese del mercato sono ancora chiaramente visibili attraverso l’elevata backwardation lungo la curva dei prezzi a termine, soprattutto nella parte anteriore.

petrolio backwardation tagli OPEC

Ma le preoccupazioni sulla domanda continuano a persistere. Il rallentamento delle economie di Cina ed Europa, e potenzialmente degli Stati Uniti, potrebbe non supportare prezzi nettamente più elevati.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 35

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 34

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 33

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 32

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.