Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 38

cosa fa muovere Wall Street Borsa europea settimana 38
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Nonostante per mesi sia stato detto che la Fed voleva mantenere i tassi “più alti più a lungo” e che una “pausa” non avrebbe rappresentato l’inizio di un ciclo di tagli dei tassi, i mercati lo hanno ignorato fino alla scorsa settimana. I rendimenti reali, che hanno toccato il livello più alto dal 2009, devono rimanere significativamente positivi “per qualche tempo”, ha detto il capo della Fed durante l’incontro politico di mercoledì scorso.

rendimenti reali massimi 2009

Ciò non è piaciuto ai mercati. L’indice S&P 500 ha registrato la settimana peggiore da marzo. Le small cap del Russell e il Nasdaq sono stati i più colpiti. Gli investitori hanno venduto le azioni al ritmo più veloce da dicembre. Secondo i dati di EPFR Global, nella settimana fino al 20 settembre i fondi azionari globali hanno registrato deflussi per 16,9 miliardi di dollari. I fondi azionari statunitensi hanno guidato l’esodo, mentre in Europa i deflussi consecutivi hanno raggiunto le 28 settimane.

Le perdite non si sono limitate alle azioni. I titoli del Tesoro sono tutti scesi durante la settimana. I rendimenti a dieci anni hanno superato il 4,5%, il livello più alto dal 2007.

Il dollaro si è rafforzato. Bitcoin ha chiuso intorno ai $ 26.500.

I prezzi del petrolio sono finiti pressoché invariati. Anche l’oro è rimasto piatto.

Tassi più alti più a lungo

Mercoledì scorso la Fed ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse in un intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,5%. Anche se la banca centrale procederà con cautela nel valutare i dati e l’evoluzione dei rischi, rimarrà pronta ad aumentare ulteriormente i tassi.

Le proiezioni trimestrali aggiornate hanno mostrato che 12 funzionari su 19 sono favorevoli a un altro aumento dei tassi nel 2023. Per il prossimo anno i funzionari si aspettano di ridurre i tassi al 5,1%, rispetto al 4,6% previsto a giugno. Vedono i tassi scendere al 3,9% alla fine del 2025 e al 2,9% alla fine del 2026.

dot plot settembre

I funzionari prevedono inoltre che l’inflazione scenderà al di sotto del 3% l’anno prossimo e tornerà al 2% nel 2026. Si aspettano che la crescita economica rallenterà nel 2024 all’1,5% dopo un ritmo rivisto al rialzo del 2,1% nel 2023. Il tasso di disoccupazione salirà al 4,1% nel 2024, rispetto al 4,5% delle proiezioni di giugno.

Finora l’economia statunitense ha resistito al ciclo di inasprimento della Fed. La spesa dei consumatori è ancora forte e il mercato del lavoro è rimasto stabile, anche se la crescita dell’occupazione sta iniziando a moderarsi.

Powell ha avvertito che uno scenario di atterraggio morbido non rientra nelle aspettative di base della Fed. “Alla fine, ciò potrebbe essere deciso da fattori che sono fuori dal nostro controllo”, ha detto il presidente.

La storia non è dalla parte della Fed. In passato, importanti episodi di inasprimento della politica monetaria simili a quello a cui abbiamo assistito negli ultimi 18 mesi raramente hanno segnato l’inizio di un’espansione sostenuta.

La settimana delle banche centrali

Oltre alla Fed, la settimana scorsa si sono riunite diverse banche centrali. La Banca nazionale svizzera e la Bank of England hanno sorpreso scegliendo di non aumentare i tassi. Quest’ultima, tuttavia, ha segnalato che la decisione rappresenta solo una pausa e potrebbe decidere di aumentare di nuovo se l’inflazione, che rimane più di tre volte al di sopra dell’obiettivo del 2%, non scenderà come previsto.

Gli investitori e un numero crescente di economisti scommettono che i tassi del Regno Unito potrebbero già aver raggiunto il picco. La sterlina è scesa ai livelli più deboli da marzo contro il dollaro mentre i trader hanno ridotto le scommesse su ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

La Riksbank svedese, invece, ha portato i tassi al 4%, ma ha segnalato di aver terminato il suo ciclo di aumenti. Nessuna sorpresa anche dalla Bank of Japan, che continua a mantenere i tassi di interesse negativi e il suo programma di controllo della curva dei rendimenti.

A differenza delle altre economie sviluppate – che sembrano ormai alla fine dei loro cicli di inasprimento – il Giappone non ha ancora aumentato i tassi di interesse.

Il governatore della Bank of Japan Kazuo Ueda ha frenato le speculazioni su una svolta imminente della politica e ha rifiutato di fornire il suo parere su quando la BOJ potrebbe porre fine agli stimoli. Affinché ciò avvenga, la banca centrale deve essere sicura che l’inflazione sia accompagnata dalla crescita dei salari.

La valuta ha ormai superato i livelli che hanno spinto il Giappone a intervenire sul mercato dei cambi lo scorso settembre. Misurato rispetto a un ampio paniere di valute e adeguato all’inflazione, lo yen ha raggiunto il minimo di 50 anni. L’ampio divario tra i tassi in Giappone e negli Stati Uniti è uno dei principali fattori che spingono lo yen al ribasso.

yen minimo contro dollaro
ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 37

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 36

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 35

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 34

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.