Dovesti credere al Rally di Natale?

Il rally di Natale, o Santa Claus rally, descrive un aumento sostenuto del mercato azionario che si verifica nella settimana che precede il 25 dicembre. Tuttavia, c’è qualche disaccordo tra gli investitori sul fatto che questi rally avvengano nella settimana prima o quella dopo il

Scopri

Le performance del mercato azionario in base ai rendimenti delle obbligazioni

Decenni di ricerche hanno documentato la sovraperformance del mercato azionario rispetto alle obbligazioni nel lungo termine. Tuttavia, ci sono meno studi sulla performance del mercato azionario in base a diversi ambienti di rendimento delle obbligazioni. Secondo l’analisi di David Blanchett, amministratore delegato e capo della

Scopri

Abbiamo già visto il bottom del mercato?

Il mese di luglio ha visto un bel rally dei mercati azionari. L’S&P 500 ha avuto il mese migliore da novembre 2020 e il Nasdaq da aprile dello stesso anno. I mercati non si muovono mai in linea retta e le vendite prolungate comportano rialzi

Scopri

Tutto quello che devi sapere sui mercati ribassisti

Tutti i mercati rialzisti sono simili, ma i mercati ribassisti sono diversi tra loro. Come ormai sappiamo bene, l’S&P 500 è entrato ufficialmente in un bear market dopo aver chiuso oltre il 20% al di sotto del suo massimo storico. Questo particolare mercato ribassista è

Scopri

Quanto dura un mercato ribassista?

Il mercato azionario statunitense sta vivendo il peggior inizio di anno degli ultimi cinque decenni. Molti investitori si chiedono se la debolezza è destinata a continuare e se ci troviamo effettivamente in un mercato ribassista. Ma quanto dura effettivamente un mercato ribassista? I titoli tecnologici,

Scopri

I mesi migliori per il mercato azionario

Molti investitori ritengono che il mercato azionario abbia prestazioni migliori in determinati periodi dell’anno. C’è del vero in questa credenza? Schroders, una società di gestione patrimoniale britannica, ha condotto un’indagine basata sulle performance dal 1987 al 2018 di quattro principali indici azionari: – FTSE 100:

Scopri

Secondo Druckenmiller le azioni rimarranno piatte per 10 anni: sarà un “decennio perduto” per il mercato azionario?

Stanley Druckenmiller, una delle menti più rispettate di Wall Street, ha affermato che il dolore per le azioni non sarà temporaneo. Secondo il leggendario investitore, il mercato azionario dovrà affrontare un “decennio perduto” di scambi laterali. “C’è un’alta probabilità che il mercato azionario, nella migliore delle ipotesi, rimarrà piatto per un intero decennio, un po’ come nel periodo dal ’66 all’82”, ha affermato in un’intervista.

Con l’inflazione dilagante, le banche centrali che aumentano i tassi, la deglobalizzazione che prende piede e la guerra in Ucraina che va avanti, secondo Druckenmiller le probabilità di una recessione globale sono ora le più alte degli ultimi decenni.

Dato il suo track record, gli investitori farebbero bene a prestare attenzione ai suoi avvertimenti. Druckenmiller ha fondato il suo hedge fund Duquesne Capital nel 1981 e ha regolarmente sovraperformato la maggior parte dei suoi colleghi di Wall Street durante la sua carriera. Dal 1986 al 2010 il suo rendimento medio annuo è stato del 30%.

Il famoso investitore si è fatto un nome quando ha guidato la scommessa di George Soros contro la sterlina britannica nel 1992, aiutando il miliardario a intascare un profitto di $ 1,5 miliardi in un solo mese.

Nel 2010 ha chiuso il suo hedge fund e lo ha convertito in un family office, un tipo di azienda privata che gestisce i soldi di famiglie benestanti.

Il decennio perduto del mercato azionario

L’argomentazione di Druckenmiller sul decennio perduto del mercato azionario si basa sull’idea che le politiche delle banche centrali si stanno spostando in tutto il mondo da una posizione accomodante ad una restrittiva. Inoltre, la globalizzazione, che ha avuto un effetto deflazionistico negli ultimi decenni aumentando la produttività e accelerando il progresso tecnologico, è svanita tra la guerra in Ucraina e le tensioni USA-Cina.

“Guardando indietro al mercato rialzista che abbiamo avuto a partire dal 1982, tutti i fattori che lo hanno creato non si sono solo fermati, si sono invertiti”, ha detto riferendosi alle attuali tendenze di deglobalizzazione, insieme a una mossa verso un aumento della spesa pubblica e una maggiore regolamentazione.

Druckenmiller ha continuato spiegando come le banche centrali hanno risposto alla disinflazione causata dalla globalizzazione con politiche come i tassi allo 0% e il quantitative easing.

Tra le varie considerazioni, Druckenmiller ha aggiunto che questo è il momento più difficile nella storia per fare previsioni economiche. Ha anche confessato di avere un pregiudizio ribassista con cui ha dovuto lottare per tutta la sua carriera.

Le valutazioni del mercato azionario e i rendimenti futuri

Nonostante le valutazioni azionarie siano orribili predittrici dei rendimenti a 12 mesi, nel lungo termine riescono a dare indicazioni più forti. Il grafico seguente mostra le valutazioni e i rendimenti azionari reali a 10 anni. La conclusione è che pagare per valutazioni eccessive porta a decenni di rendimenti inferiori.

ritorni S&P 500 valutazioni mercato azionario decennio perduto

Ci sono stati diversi periodi nella storia in cui i rendimenti del mercato sono stati negativi. Questi periodi hanno seguito i momenti in cui le valutazioni di mercato sono state eccessive.

La scomposizione dei rendimenti dell’S&P 500 dell’ultimo decennio

Negli ultimi 10 anni fino alla fine del 2021, il rendimento annuale medio dell’S&P 500 è stato del 16,6%. Tuttavia, i suoi componenti necessitano di un esame più attento. La maggior parte dei guadagni in eccesso è derivata da politiche monetarie accomodanti e buyback di azioni.

Il grafico sottostante di Pavilion Global Markets mostra l’impatto dei buyback sui rendimenti del mercato azionario. Ecco la scomposizione dei rendimenti dell’S&P 500 nell’ultimo decennio:

  • espansione dei multipli di mercato: 21%;
  • utili aziendali (earnings per share): 31,4%;
  • dividendi: 7,1%;
  • buyback: 40,5%.
cosa guida rendimenti mercato azionario

In altre parole, l’impatto combinato di buyback e di iniezioni di liquidità da parte della Federal Reserve ha portato a rendimenti azionari fuori misura nell’ultimo decennio.

Il grafico seguente mostra i rendimenti totali medi annuali aggiustati all’inflazione (dividendi inclusi). Dal 1928 al 2021 il mercato ha avuto un rendimento reale del’8,48%. Tuttavia, dopo la crisi finanziaria del 2008, i rendimenti sono aumentati in media di quattro punti percentuali.

rendimenti S&P 500 maggiori dopo crisi finanziaria

I capital gain derivanti dai mercati sono principalmente una funzione della crescita economica nominale e del rendimento da dividendi. Ci sono molte incertezze sul trend di crescita futuro e sul destino dell’inflazione.

Basandosi sugli ultimi 10 anni, molti investitori si aspettano rendimenti elevati per il mercato azionario in futuro. Ma con un regime monetario più restrittivo e la fine dell’era dei “soldi facili”, potrebbero essere colpiti da un decennio perduto per il mercato azionario.

ARTICOLI CORRELATI:

Le aziende tecnologiche crollano dopo il rilascio degli utili del terzo trimestre: inflazione e dollaro forte pesano sui risultati di Microsoft e Alphabet

Le performance del mercato azionario in base ai rendimenti delle obbligazioni

I giorni migliori per la crescita degli utili sono ormai dietro di noi

I mesi migliori per il mercato azionario

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy